L’università perde i documenti e dopo 10 anni annulla una laurea in medicina

L’università perde i documenti e dopo 10 anni annulla una laurea in medicina

L’università perde i documenti e dopo 10 anni annulla una laurea in medicina Photo Credit: fotogramma.it


La donna ha fatto ricorso e il Tar le ha dato ragione, i documenti dei suoi esami svolti in Erasmus sono stati smarriti dall’Università

Sembra una storia di fantasia eppure è accaduto davvero. Vi ricordate la trama del film “Immaturi”? Sei ex compagni di scuola si ritrovano dopo vent'anni, a causa di un disguido burocratico, per superare un'altra volta l'esame di maturità. A Bari, invece, una donna si è vista annullare la propria laurea in medicina dopo 10 anni, sempre a causa di una disguido burocratico: l’università ha smarrito i documenti.

La vicenda

La studentessa aveva conseguito nel 2013 la laurea in medicina a Bari e tra il 2008 e il 2009 aveva partecipato al progetto Erasmus in Spagna all’Università di Valladolid, sostenendo in questo Ateneo otto esami del piano di studi. Concluso il periodo all’estero, l’Università di Bari aveva riconosciuto il conseguimento degli esami sostenuti in Spagna, assegnando alla studentessa i crediti formativi. Questo, insieme al superamento degli esami mancanti, le ha permesso di laurearsi in medicina nel 2013 e di essere abilitata alla professione dall’anno successivo.

Dopo 10 anni, esattamente nel settembre del 2023, l’università di Bari ha comunicato alla dottoressa che in sede di controlli amministrativi risultava l’assenza dei documenti che certificavano il superamento degli otto esami in Spagna, durante il suo periodo in Erasmus. A questo punto la dottoressa ha inviato all’Università il certificato di laurea nel quale veniva fatta esplicita menzione al superamento di quegli esami. Nonostante questo, il mese successivo le è stata comunicata “la sospensione immediata della formazione specialistica” in attesa di risolvere la questione. Qualche mese più tardi l’università però le ha comunicato la “nullità della laurea” e la conseguente nullità “dell’iscrizione all’Ordine dei Medici e dei Chirurghi”, impedendo di fatto alla dottoressa di esercitare la sua professione.

Il ricorso al Tar

La dottoressa ha fatto subito ricorso al Tar. La sentenza del tribunale amministrativo ha dato ragione alla donna: “È pacifico che l’Università abbia smarrito la documentazione formata dieci anni prima”, anche perché dieci anni prima il superamento degli esami in Spagna era stato verificato dalla stessa università di Bari. I giudici infatti spiegano: “La certificazione propedeutica all’accesso alla seduta di laurea rilasciata nel 2013 a firma del responsabile di Area e del capo non può oggi essere smentita dal fatto che i documenti su cui si basava quella certificazione non si trovano"



Argomenti

bari
documenti
laurea
medicina
università

Gli ultimi articoli di Angela Gugliara

  • Esodo estivo, le date da bollino nero e consigli per i viaggi in auto

    Esodo estivo, le date da bollino nero e consigli per i viaggi in auto

  • Sanremo 2025 verso il cambiamento delle date. Ecco perché e cosa sta accadendo

    Sanremo 2025 verso il cambiamento delle date. Ecco perché e cosa sta accadendo

  • Istat, l’84,3% dei laureati trova lavoro, diplomati solo il 73,3%

    Istat, l’84,3% dei laureati trova lavoro, diplomati solo il 73,3%

  • “Non voglio diventare come Filippo Turetta”, un giovane chiede aiuto ad un centro anti-violenza

    “Non voglio diventare come Filippo Turetta”, un giovane chiede aiuto ad un centro anti-violenza

  • Valdobbiadene, tutto il paese corre per aiutare il sindaco a dimagrire

    Valdobbiadene, tutto il paese corre per aiutare il sindaco a dimagrire

  • Per l’80% degli studenti il carico dei compiti delle vacanze è eccessivo

    Per l’80% degli studenti il carico dei compiti delle vacanze è eccessivo

  • L’ Aeroporto di Milano Malpensa è stato ufficialmente intitolato a Silvio Berlusconi

    L’ Aeroporto di Milano Malpensa è stato ufficialmente intitolato a Silvio Berlusconi

  • Stop agli smartphone a scuola, anche a scopo didattico

    Stop agli smartphone a scuola, anche a scopo didattico

  • Fa disperdere le ceneri del marito senza dire niente alla figlia: donna condannata a un risarcimento di 50mila euro

    Fa disperdere le ceneri del marito senza dire niente alla figlia: donna condannata a un risarcimento di 50mila euro

  • Ospedali a rischio tilt: carenza di personale e ferie estive mettono in grande difficoltà il sistema sanitario nazionale

    Ospedali a rischio tilt: carenza di personale e ferie estive mettono in grande difficoltà il sistema sanitario nazionale