Manovra, dopo il disco verde dell’esecutivo alla Nadef, ora entra nel clou: quasi metà sarà in deficit

Manovra, dopo il disco verde dell’esecutivo alla Nadef, ora entra nel clou: quasi metà sarà in deficit

Manovra, dopo il disco verde dell’esecutivo alla Nadef, ora entra nel clou: quasi metà sarà in deficit Photo Credit: Agenzia Fotogramma


La coperta è corta e non è escluso che abbia un importo inferiore ai 30 miliardi. Le carte saranno scoperte entro il 15 ottobre con il Documento programmatico di Bilancio da inviare alle Camere e a Bruxelles con le proiezioni delle entrate e delle spese

Dopo il via libera del governo alla Nadef, il cantiere della manovra entra nella fase clou tra le fibrillazioni dei mercati sulla scia di un debito pubblico ancora troppo alto (140,1% nel 2024), di un deficit in salita (4,3%) e di una crescita ribassata (1,2%). Lo scostamento chiesto dal governo al Parlamento libera risorse pari allo 0,7% del pil, circa 14 miliardi di disavanzo in più da destinare alla Finanziaria. Se la manovra ammontasse a circa 30 miliardi, come emerso nelle scorse settimane, quasi la metà verrebbe quindi finanziata in deficit, ma la coperta è corta e non è escluso che abbia un importo inferiore. Il governo scoprirà le carte entro il 15 ottobre con il Documento programmatico di Bilancio da trasmettere alle Camere e a Bruxelles con le proiezioni delle entrate e delle spese del prossimo anno.

Cuneo fiscale

La conferma del taglio del cuneo fiscale rafforzato dal governo Meloni per 11 milioni di lavoratori con retribuzioni lorde fino a 35mila euro costa 10 miliardi. Il primo step della riforma dell'Irpef prevede l'accorpamento dei due scaglioni più bassi sotto la prima aliquota: si pagherebbe così il 23% fino a 28mila euro e non fino a 15mila euro con un risparmio di imposta tra i 20 e i 260 euro annui. Costo 1 mld.

Natalità

Tra le politiche per incentivare la natalità il governo studia l'introduzione della figura dell'assistente specializzata per le neo mamme nei primi sei mesi di vita del bebè. Sarebbe un servizio a richiesta di una ventina di ore per i primi tre mesi dalla gravidanza estendibili fino a sei mesi con l'obiettivo di avere tre assistenti materne ogni 20mila abitanti. Costo 150 milioni. Per le famiglie il governo sta valutando l'ipotesi di una detassazione Ires per le aziende che assumono donne con tre figli (circa 1,22 milioni in Italia). Il rinnovo dei contratti del pubblico impiego, visto che le intese in vigore sono scadute nel 2021, per il solo avvio richiedono tra i 2 e i 4 miliardi. La tassazione agevolata che applica un'aliquota al 5% per i premi di produttività fino a 3mila euro, la detassazione integrale dei fringe benefit sempre fino a 3mila euro costa 1-2 mld.

Pensioni

Sul fronte delle pensioni, viste le risorse esigue, verrebbe accantonato il superamento della Fornero per riconfermare le misure esistenti: quota 103, Opzione donna e assegno minimo a 600 euro. Costo 1-2 mld. Il fondo sanitario necessita di un finanziamento di almeno 2,5 miliardi. Tutta quella serie di spese obbligatorie, dalle missioni internazionali alle indennità di vacanza per la pa, che vanno sotto l'ombrello delle spese obbligatorie valgono circa 6 miliardi. Dalle privatizzazioni il governo prevede di incassare 20 miliardi in tre anni. Il ministro dell'Economia Giancarlo Giorgetti spiega che non serviranno a fare cassa ma per organizzare operazioni di politica industriale, ad ogni modo gli incassi andrebbero alla riduzione del debito pubblico.

Le coperture

Per le coperture oltre ai 14 mld in deficit, ci sarebbero altri 5,5 mld circa. Cinquecento milioni arriverebbero dalla nuova gara per la concessione del gioco del Lotto. Si stima un incasso di un miliardo, metà del quale nel 2024, per 9 anni. Altri 2 mld potrebbero arrivare dalla tassa sugli extraprofitti bancari. Il governo lavora anche ad uno sfoltimento delle detrazioni-deduzioni fiscali pari a 1 mld di euro circa che dovrebbero andare alle coperture dell'unificazione degli scaglioni Irpef. Inoltre dai tagli alla spesa dei ministeri il Mef punta a reperire 2 miliardi.

Argomenti

deficit
governo
manovra
Nadef

Gli ultimi articoli di Alberto Ciapparoni

  • Comunali, si torna alle urne domenica e lunedì per il 2° turno. Si sceglie il futuro sindaco di Firenze e Bari

    Comunali, si torna alle urne domenica e lunedì per il 2° turno. Si sceglie il futuro sindaco di Firenze e Bari

  • Cybersicurezza, dopo l’ok del Senato il ddl è legge. Più dura la lotta contro i reati commessi mediante la Rete

    Cybersicurezza, dopo l’ok del Senato il ddl è legge. Più dura la lotta contro i reati commessi mediante la Rete

  • Autonomia differenziata, con l’ok di Montecitorio diventa legge, ma per l’opposizione il ddl spacca l’Italia

    Autonomia differenziata, con l’ok di Montecitorio diventa legge, ma per l’opposizione il ddl spacca l’Italia

  • Premierato, c’è il primo sì dal Senato, Fdi esulta, l’opposizione (tranne il Centro) scende in piazza

    Premierato, c’è il primo sì dal Senato, Fdi esulta, l’opposizione (tranne il Centro) scende in piazza

  • Unione europea, questa sera il summit sulle nomine, ma irrompe il caso del rapporto sui media italiani

    Unione europea, questa sera il summit sulle nomine, ma irrompe il caso del rapporto sui media italiani

  • G7, Meloni chiude il summit: “Un vertice di successo, che porta a casa il sostegno rafforzato all’Ucraina”

    G7, Meloni chiude il summit: “Un vertice di successo, che porta a casa il sostegno rafforzato all’Ucraina”

  • G7, Papa Francesco: “Nessuna macchina deve poter togliere la vita, la tecnologia sia al servizio delle persone”

    G7, Papa Francesco: “Nessuna macchina deve poter togliere la vita, la tecnologia sia al servizio delle persone”

  • G7, Meloni accoglie i Grandi della terra a Borgo Egnazia e rimprovera Biden per il ritardo

    G7, Meloni accoglie i Grandi della terra a Borgo Egnazia e rimprovera Biden per il ritardo

  • Movimento Cinque Stelle, Conte sotto assedio per la sconfitta alle Europee ma per adesso non si dimette

    Movimento Cinque Stelle, Conte sotto assedio per la sconfitta alle Europee ma per adesso non si dimette

  • Elezioni, il centrodestra consolida il suo primato, il Partito Democratico è il perno dell’alternativa

    Elezioni, il centrodestra consolida il suo primato, il Partito Democratico è il perno dell’alternativa