Manovra, il governo incassa la fiducia alla Camera, via libera ad un provvedimento da oltre 40 miliardi

23 dicembre 2020, ore 22:00 , agg. alle 12:24

Domenica Montecitorio voterà il testo nel suo complesso, poi l’approdo in Senato per l’approvazione definitiva. Maggioranza soddisfatta

La Camera ha approvato con 314 voti a favore, 230 contrari e 2 astenuti la questione di fiducia posta dal governo sul disegno di legge di Bilancio di previsione dello Stato per l'anno finanziario 2021 e bilancio pluriennale per il triennio 2021-2023. Nel complesso, la manovra di finanza pubblica comporta, rispetto ai saldi a legislazione vigente, un peggioramento del saldo netto da finanziare del bilancio dello Stato di circa 73,6 miliardi nel 2021, 64,5 miliardi nel 2022 e di 50,2 miliardi nel 2023. Ciò è dovuto all'effetto congiunto atteso di una riduzione delle entrate finali e di un incremento delle spese finali. Dentro il provvedimento fra l’altro la nuova cassa integrazione per i lavoratori autonomi, il rinvio della sugar tax, le nuove assunzioni per il piano vaccini, lo stop dell'Iva sui vaccini e sui tamponi, la salvaguardia per gli esodati. Ma soprattutto c’è una nuova raffica di bonus e mini misure.


Il bonus occhiali e lo smartphone gratis

Per il triennio 2021-2023 debutta, con un fondo da 5 milioni di euro, un contributo per l'acquisto di occhiali e lenti a contatto, riservato ai nuclei con Isee fino a 10 mila euro. Sempre per le famiglie meno abbienti, ma con Isee fino a 20 mila euro, arriva anche il cellulare (o altro dispositivo) in comodato d'uso gratuito con incluso un abbonamento ad Internet e a due quotidiani. Il beneficio è riservato a un solo soggetto per nucleo familiare, e a condizione che non si sia già titolari di un contratto Internet o telefonico.


Nuovi fondi per il bonus tv

Sempre in tema di tecnologia una disposizione della Legge di Bilancio rinforza poi la dotazione del fondo per il bonus Tv, il contributo fino a 50 euro per l'acquisto di tv di nuova generazione destinato anche in questo caso ai nuclei familiari con Isee inferiore ai 20 mila euro.


Fino a 1000 euro per i rubinetti

Altri 20 milioni vengono infine riservati a una sorta di "bonus rubinetti", con 1000 euro da utilizzare entro il 31 dicembre 2021 per le spese di sostituzione di sanitari, rubinetti e soffioni doccia. Per la misura è istituto un fondo con una dotazione di 20 milioni di euro per il 2021. A questi si aggiunge un credito di imposta al 50% per l'acquisto dei sistemi di filtraggio dell'acqua potabile per i privati, le imprese, gli enti del Terzo settore e gli enti religiosi civilmente riconosciuti, fino a 1.000 euro per ogni unità immobiliare o esercizio commerciale e a 5mila euro per gli esercizi pubblici, con un tetto di spesa complessivo di 5 milioni di euro per il 2021 e 2022.


Il bonus mobili più ampio

Sempre in tema di ristrutturazioni e interventi per la casa, oltre all'estensione del superbonus a giugno 2022 (o dicembre 2022 in caso di lavori da completare) si alza leggermente il tetto del bonus mobili, da 10 mila a 16 mila euro. Si tratta dell'agevolazione per gli acquisti di mobili ed elettrodomestici acquistati contestualmente a una ristrutturazione, per cui è prevista una detrazione del 50% della spesa, spalmata in 10 anni.


Arriva il bonus cargo bike

Dopo il bonus per bici e monopattini debutta poi anche il nuovo contributo dedicato alle cargo bike. Con uno stanziamento da 2 milioni di euro viene riconosciuto un credito d'imposta fino a un massimo del 30% per l'acquisto di cargo bike e cargo bike a pedalata assistita, fino a un massimo di 2mila euro. I tempi L'esame della legge di bilancio proseguirà a Montecitorio domenica, con le votazioni sugli ordini del giorno. Il voto finale sul testo nel suo complesso è atteso per le 20,30. Poi la parola passerà al Senato che avrà tre giorni per dare il via libera definitivo. Soddisfazione nella maggioranza. 
Manovra, il governo incassa la fiducia alla Camera, via libera ad un provvedimento da oltre 40 miliardi
Tags: bonus cargo bike, bonus occhiali, bonus rubinetti, Camera, Conte, fiducia, Manovra economica

Share this story: