Omicidio Giulia Tramontano, a Milano trovato il coltello usato per il delitto, si cerca il cellulare della vittima

Omicidio Giulia Tramontano, a Milano trovato il coltello usato per il delitto, si cerca il cellulare della vittima

Omicidio Giulia Tramontano, a Milano trovato il coltello usato per il delitto, si cerca il cellulare della vittima


Rilievi scientifici anche nella cantina e nel box della casa di Senago teatro del delitto

Gli specialisti della Scientifica con pm e avvocati, per effettuare accertamenti irripetibili. si sono recati questa mattina nella casa di Senago, teatro del delitto. Nell’appartamento di via Novella sarebbe stato trovato il coltello usato per uccidere Giulia Tramontano che Alessandro Impagnatiello aveva detto di aver lasciato sopra il frigorifero in cucina. "L'arma indicata è stata repertata, sapremo tutto quanto all'esito", così l'avvocato della famiglia di Giulia Tramontano, Giovanni Cacciapuoti, uscendo dallo stabile, al termine del sopralluogo. Verranno esaminati tutti i coltelli infilati nel ceppo sopra il frigorifero per confermare, in base anche alla compatibilità della lama con le ferite inferte, quale sia stato quello utilizzato compiere l’omicidio. Rilievi scientifici anche nella cantina e nel garage dell’abitazione, dove sarebbe stato occultato per alcuni giorni il corpo della ragazza. Gli investigatori non escludono la presenza di un complice. Le indagini procedono anche attraverso l'analisi delle telecamere di sorveglianza della zona per capire se l'ipotesi di una seconda persona, entrata in azione per aiutare il killer, sia valida oppure infondata. Intanto, si cerca ancora il cellulare della 29enne incinta di sette mesi, ammazzata dal compagno il 27 maggio. I carabinieri hanno rinvenuto la patente, il bancomat e la carta di credito della vittima in un tombino nel parcheggio della metropolitana Comasina a Milano. Il passaporto, in base a quanto riferito da Impagnatiello, sarebbe stato bruciato la notte del delitto.


La famiglia di Giulia vuole vederci chiaro

I rilievi scientifici nell'appartamento, nella cantina e nel box di Alessandro Impagnatiello e Giulia Tramontano saranno utili per verificare effettivamente ogni elemento dell'azione relativa anche alla giusta contestazione delle aggravanti già riconosciute e anche delle altre per le quali la procura giustamente al pari della famiglia vuole vederci chiaro''. Così il legale della famiglia della vittima, Giovanni Cacciapuoti. “Noi, in qualità di persone offese, ci siamo affidati ai consulenti della procura, senza nominarne di nostri'', ha spiegato il legale, il quale ha aggiunto: “I Tramontano fin dai primi momenti dalla scomparsa di Giulia si sono effettivamente subito allarmati pensando che ci fosse qualche evoluzione brutta: dalla condotta di Impagnatiello hanno avuto subito l'impressione che non raccontasse tutta la verità''.



Argomenti

cellulare
coltello
Giulia Tramontano
omicidio
rilievi scientifici
Senago
Agenzia Fotogramma
Alessandro Impagnatiello
Milano

Gli ultimi articoli di Alessandra Giannoli

  • Fermato il compagno della donna precipitata dal cavalcavia sull’A4, l’avrebbe spinta al culmine di una lite

    Fermato il compagno della donna precipitata dal cavalcavia sull’A4, l’avrebbe spinta al culmine di una lite

  • Le truppe russe avanzano in Ucraina, Mosca prepara una nuova offensiva secondo Zelensky

    Le truppe russe avanzano in Ucraina, Mosca prepara una nuova offensiva secondo Zelensky

  • Prima Giornata Mondiale dei Bambini, in cinquantamila all’Olimpico per il grande abbraccio a Papa Francesco

    Prima Giornata Mondiale dei Bambini, in cinquantamila all’Olimpico per il grande abbraccio a Papa Francesco

  • A Palazzo Chigi la premier Meloni incontra il primo ministro palestinese Mustafa

    A Palazzo Chigi la premier Meloni incontra il primo ministro palestinese Mustafa

  • Luciano Benetton, fondatore dell’omonimo Gruppo, lascia la propria azienda

    Luciano Benetton, fondatore dell’omonimo Gruppo, lascia la propria azienda

  • La Corte internazionale di giustizia dell’Aja ordina a Israele lo stop dell’offensiva a Rafah

    La Corte internazionale di giustizia dell’Aja ordina a Israele lo stop dell’offensiva a Rafah

  • Secondo fonti russe il presidente Putin sarebbe pronto a un cessate il fuoco in Ucraina, il Cremlino smentisce

    Secondo fonti russe il presidente Putin sarebbe pronto a un cessate il fuoco in Ucraina, il Cremlino smentisce

  • Un cambio di Europa è possibile, così Giorgia Meloni all’evento di Vox a Madrid

    Un cambio di Europa è possibile, così Giorgia Meloni all’evento di Vox a Madrid

  • Terminata la visita di Papa Francesco a Verona, una giornata densa di appuntamenti

    Terminata la visita di Papa Francesco a Verona, una giornata densa di appuntamenti

  • Chico Forti in Italia, non vedo l’ora di riabbracciare mia madre

    Chico Forti in Italia, non vedo l’ora di riabbracciare mia madre