Oscar, ultimi preparativi sul red carpet prima della cerimonia. Spillette rosse per la tregua a Gaza

Oscar, ultimi preparativi sul red carpet prima della cerimonia. Spillette rosse per la tregua a Gaza

Oscar, ultimi preparativi sul red carpet prima della cerimonia. Spillette rosse per la tregua a Gaza Photo Credit: Fotogramma.it


Mancano pochissime ore per ascoltare l'attesissimo ''And The Winner Is''. Non ci resta che aspettare, sicuri che anche quest'anno la notte degli Oscar farà parlare ed emozionare, ancora una volta, tutti gli appassionati del grande schermo

"Questo è il tappeto rosso più famoso al mondo", dice Felipe Marques all'ANSA, mani grandi che stringono un taglierino minuscolo, accosta minuziosamente due lembi della moquette su cui tra qualche ora cammineranno le star di Hollywood. Ci infila sotto della colla e schiaccia con una specie di ferro da stiro, contando fino a dieci a mezza voce. Ogni anno dal 2007, per una settimana, lavora qui, a coprire questo pezzo dell'Hollywood Boulevard che dal grosso incrocio con Highland Avenue porta al cinema Dolby. Sono 300 metri scarsi di moquette, per 10 metri di larghezza. "Ho visto tutte le sfumature di rosso e anche il beige dell'edizione passata: pessimo, troppo delicato. Ci mettiamo sette giorni a montarlo, a rifinire gli angoli e a coprire tutto: lunedì invece, si strappa e si tira: in sette ore è tutto nel cestino. Ma sa cosa succede? È pieno di gente che ci chiede di prenderne un pezzetto di ricordo. Io non sono autorizzato, allora mi volto dall'altra parte e lascio fare", ride dando di gomito.

AL LAVORO SUL RED CARPET

Tutto attorno, operai si muovono veloci sul red carpet con stivaloni da cantiere, alcuni trasportano con dei montacarichi delle fioriere che separano l'area della sfilata dei divi dalle gradinate su cui si appostano le telecamere, tutte strette l'una sull'altra con i posti assegnati; altri salgono e scendono da bracci automatici, cacciaviti alla mano, per aggiustare luci e faretti, li orientano chiedendo conferma ai colleghi che osservano da terra. "È il mio primo anno - spiega Cassidy Ramirez, estraendo un grosso riflettore da un contenitore rivestito in polistirolo: "Di solito siamo sui set, tra le decine di artigiani che creano la magia del cinema. Qui senz'altro lavoriamo doppio, perché c'è un sacco di gente in mezzo e l'atmosfera è più elettrica, tutti sentiamo di contribuire all'evento con la E maiuscola per la nostra industria", sorride la giovane. Giornalisti accreditati fanno collegamenti davanti ai treppiedi; controfigure sfilano e posano lungo il percorso; chi passa l'aspirapolvere, chi si dedica alle composizioni floreali, tranciando rami di bougainville. Rick Roberts, occhiali da presbite sul naso, pennellino in una mano e latta di vernice bianca nell'altra, sta dando gli ultimi tocchi al cartongesso ondulato che farà da sfondo alle foto delle celebrity: "Faccio questa cosa dall'edizione numero 68. Ero un ragazzo! Sono cresciuto qui, si può dire".

I FAN GIA' IN ATTESA

Schiere di curiosi e fan si sporgono dalle transenne per osservare. Tra poche ore tutta l'area sarà off limits anche per i pedoni. Il traffico è chiuso da lunedì. Solo chi è accreditato potrà accedere alla zona, attraverso controlli e metal detector piazzati a ovest, al Chinese Theatre. A est invece, ci sarà la processione delle limousine che lasciano le star all'imbocco del red carpet. "Ogni edizione, da 17 anni, prendo una settimana di ferie per stare qui a guardare quando allestiscono. Non riesco a star lontana", racconta Vivianne Robinson ("Alias Oscar Lady", puntualizza). È ricoperta di cimeli accumulati nel corso degli anni: "Qui ho un pezzo della tenda dell'edizione n.85, qui tutti gli scampoli di tappeto: vedi come cambia di intensità il colore?", dice indicando le maniche della giacca di jeans. Orecchini, occhiali, spillette a forma di statuetta si affollano in ogni centimetro della sua uniforme da super fan. Sul cappello sono incollate le locandine dei candidati al miglior film: "Li ho visti tutti, che domande! Oppenheimer due volte, Barbie tre. Penso vincerà il primo, ormai ci becco sempre", dice molto seria in volto.

SPILLETTE ROSSE SUL RED CARPET DEGLI OSCAR PER LA TREGUA A GAZA

Spillette rosse sul red carpet per il cessate il fuoco a Gaza: le hanno distribuite gli attivisti di Artists4Ceasefire nella speranza che qualche star di alto profilo le indossi sull'abito scelto per la cerimonia dei 96/i Academy Awards. Le spille rappresenterebbero in questo modo un allineamento da parte di alcuni divi agli appelli per la tregua su cui ad altri premi della stagione di Hollywood è stato preferito mantenere il silenzio. Ne aveva però indossata una ai premi dei registi della Dga Mark Ruffalo, candidato miglior non protagonista per Povere Creature!: "Che c'è di sbagliato a dare una chance alla pace?", aveva detto a Deadline. Artist4Ceasefire raggruppa celebrità e membri dell'industria dello spettacolo che hanno recentemente firmato una lettera aperta al presidente Joe Biden perché si mobiliti per fermare le ostilità sulla Striscia. Ne fanno parte tra gli altri America Ferrera e Bradley Cooper, entrambi in corsa per le statuette assegnate questa notte, accanto a Cate Blanchett, Drake, Ben Affleck e Jennifer Lopez. Le spillette rosse si affiancano ai nastrini gialli simbolici dell'appello per la liberazione degli ostaggi in mano ad Hamas che si sono visti sui red carpet dei premi a partire dai Golden Globes.


Argomenti

Cinema
Gaza
Hollywood
Oscar
Oscar 2024
Red Carpet
Spillette rosse

Gli ultimi articoli di Redazione Web

  • Taylor Swift, conto alla rovescia per il nuovo album. Tortured Poets Department esce domani, fan in fila a Los Angeles

    Taylor Swift, conto alla rovescia per il nuovo album. Tortured Poets Department esce domani, fan in fila a Los Angeles

  • Champions: Real Madrid in semifinale, City beffato ai rigori. Nell'altro quarto avanza il Bayern Monaco

    Champions: Real Madrid in semifinale, City beffato ai rigori. Nell'altro quarto avanza il Bayern Monaco

  • Buon compleanno Victoria Beckham: l'iconica Spice Girl compie cinquant'anni

    Buon compleanno Victoria Beckham: l'iconica Spice Girl compie cinquant'anni

  • Ultimo, nuovo album a sorpresa e nuovo tour estivo

    Ultimo, nuovo album a sorpresa e nuovo tour estivo

  • Radio Zeta Future Hits Live 2024, i conduttori sono Paola di Benedetto, Giulia Laura Abbiati e Luigi Santarelli

    Radio Zeta Future Hits Live 2024, i conduttori sono Paola di Benedetto, Giulia Laura Abbiati e Luigi Santarelli

  • Remuntada del Psg, 4-1 al Barca e semifinale Champions. Il B.Dortmund batte 4-2 l'Atletico Madrid. Fuori le due spagnole

    Remuntada del Psg, 4-1 al Barca e semifinale Champions. Il B.Dortmund batte 4-2 l'Atletico Madrid. Fuori le due spagnole

  • Scontri a La Sapienza, fuori la guerra dagli atenei. Due arresti. Meloni, questo non è manifestare ma delinquere

    Scontri a La Sapienza, fuori la guerra dagli atenei. Due arresti. Meloni, questo non è manifestare ma delinquere

  • Le nuove strade della sostenibilità Il tema è al centro del nuovo appuntamento organizzato Adnkronos

    Le nuove strade della sostenibilità Il tema è al centro del nuovo appuntamento organizzato Adnkronos

  • Sfera Ebbasta: per il trapper italiano un nuovo importante traguardo, 200 dischi di platino

    Sfera Ebbasta: per il trapper italiano un nuovo importante traguardo, 200 dischi di platino

  • Ad Austin succede di tutto, alla fine vince Vinales, terzo Bastianini, quinto Bagnaia

    Ad Austin succede di tutto, alla fine vince Vinales, terzo Bastianini, quinto Bagnaia