Assalto al Capitol, Trump convocato per testimoniare. Il tycoon, la Commissione è un disastro totale

14 ottobre 2022, ore 08:00

L'ex presidente è chiamato a fornire documenti e a testimoniare sotto giuramento sul suo ruolo nell'attacco. La reazione di Trump è durissima

Svolta clamorosa, anche se logica, nelle indagini sull'assalto al Capitol del 6 gennaio 2021: la commissione parlamentare d'inchiesta, composta da sette dem e due repubblicani, ha votato all'unanimità per convocare Donald Trump con un mandato (subpoena). L'ex presidente è chiamato a fornire documenti e a testimoniare sotto giuramento sul suo ruolo nell'attacco.

LA COMMISSIONE

"E' la persona al centro della storia di quello che successe il 6 gennaio, quindi vogliamo sentirlo", ha spiegato il presidente dem della commissione Bennie Thompson al termine dell'ultima udienza pubblica, in cui sono state svelate nuove prove sul suo coinvolgimento. Non è chiaro se il tycoon rispetterà il provvedimento di una commissione che ha sempre attaccato come faziosa ma in caso di rifiuto rischia di essere deferito al dipartimento di giustizia per oltraggio al Congresso, rischiando da uno a 12 mesi di prigione. Come il suo ex stratega alla Casa Bianca Steve Bannon, che il 21 ottobre conoscerà l'entita' della pena dopo che una giuria lo ha riconosciuto colpevole di questo reato. Alcuni membri dell'entourage di Trump, compresi la figlia Ivanka e il genero Jared Kushner, hanno già testimoniato davanti alla commissione.

LE NUOVE PROVE

La decisione è arrivata dopo un'ennesima udienza pubblica, l'ultima prima che la commissione presenti i risultati della sua indagine entro fine anno, probabilmente dopo le elezioni di Midterm. Dai nuovi documenti e dalle nuove testimonianze è emerso che il tycoon aveva pianificato in anticipo di cantare vittoria a prescindere dall'esito del voto, che continuò a denunciare elezioni rubate pur sapendo di aver perso e che non intervenne subito per fermare la folla dei suoi supporter, benchè fosse a conoscenza che erano armati. "Niente sarebbe accaduto senza di lui. Fu personalmente e sostanzialmente coinvolto in tutto", ha accusato la vicepresidente della commissione Liz Cheney, bestia nera di Trump. "Le prove mostrano che il suo falso discorso della vittoria era stato ben pianificato in anticipo, prima che fossero contati tutti i voti. Era un piano premeditato dal presidente per dichiarare vittoria comunque. Aveva fatto un piano per stare al potere prima dell'election day", ha rincarato la deputata Zoe Lofgren. Ancora oggi resta "un pericolo chiaro ed attuale" per la democrazia, ha sintetizzato Thompson. Tra le nuove prove un documentario danese in cui Roger Stone, ex consigliere del tycoon, evoca la violenza a prescindere dal voto. E numerosi documenti del Secret Service, cui Trump chiese inutilmente di essere portato tra i suoi fan in marcia verso il Capitol dopo il suo comizio incendiario.

Assalto al Capitol, Trump convocato per testimoniare. Il tycoon, la Commissione è un disastro totale
PHOTO CREDIT: Fotogramma.it

TRUMP, PERCHE' MI CONVOCANO ALLA FINE?

"Perchè la commissione non selezionata non mi ha chiesto di testimoniare mesi fa? Perché hanno aspettato sino alla fine, ai momenti finali del loro ultimo incontro? Perchè la commissione è un 'disastro' totale che è servita solo per dividere ulteriormente il nostro Paese, che in ogni caso fa facendo veramente male. Uno zimbello in tutto il mondo": lo scrive Donald Trump sul suo social Truth, commentando la citazione davanti alla commissione parlamentare che indaga sull'assalto al Capitol.

Tags: Capitol, Commissione parlamentare d'inchiesta, Donald Trump

Share this story: