Giornata dedicata alle vittime di mafia, Papa Francesco: "C'è chi sfrutta la pandemia per arricchirsi"

21 marzo 2021, ore 14:12 , agg. alle 11:54

La 26esima edizione di una data che vede come protagonista una fitta rete di associazioni, scuole e realtà sociali in un percorso che punta a cambiare la mentalità di molti

Oggi è la Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie. La 26esima edizione di una data che vede come protagonista una fitta rete di associazioni, scuole e realtà sociali in un percorso che punta a cambiare la mentalità di molti. Questa Giornata, da qualche anno, è anche riconosciuta ufficialmente dallo Stato con un legge (la n. 20 dell’8 marzo 2017). “A ricordare e riveder le stelle – cultura e memoria” è il titolo scelto quest’anno dall’associazione Libera, in prima linea nel contrasto alle mafie. Parole prese in prestito da Dante Alighieri, che esortano a portare avanti per tutto l’anno la battaglia comune contro la criminalità organizzata.


Il Presidente della Repubblica Mattarella: “Estirpare le mafie è possibile e necessario”

Diversi i messaggi arrivati per rimarcare l’importanza di questa Giornata. Primo fra tutti quello del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che ha sottolineato che “estirpare le mafie è possibile e necessario” e che “l’azione di contrasto parte dal rifiuto di quel metodo che nega dignità alla persona, dal rifiuto della compromissione, della reticenza, dell'opportunismo".


Il presidente del Senato Casellati: “Lo Stato faccia sentire che c’è”

"Solo quando le organizzazioni criminali verranno estirpate dai nostri territori, potremo dire di aver onorato davvero la memoria di tutte le vittime di mafia. Coltivare il ricordo di coloro che hanno perso la vita lottando per la legalità è un imperativo categorico. Lo Stato faccia sentire che c'è. Specialmente oggi, con l'emergenza economica aggravata dalla pandemia, è alto il rischio che i clan facciano da banche alle imprese e da ufficio di collocamento per chi perde il lavoro". È  quanto ha dichiarato il presidente del Senato, Elisabetta Casellati.


Papa Francesco durante l’Angelus: “Le mafie, sfruttando la pandemia, si arricchiscono con la corruzione”

La Giornata della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie è stata anche al centro dell’Angelus di Papa Francesco. “Le mafie sono presenti in varie parti del mondo – ha detto questa mattina il Pontefice - e, sfruttando la pandemia, si stanno arricchendo con la corruzione". Papa Francesco le ha definite "strutture di peccato", "contrarie al Vangelo di Cristo", che "scambiano la fede con l'idolatria". "Oggi facciamo memoria di tutte le vittime e rinnoviamo il nostro impegno contro le mafie", ha chiesto il Papa.


Giornata dedicata alle vittime di mafia, Papa Francesco: "C'è chi sfrutta la pandemia per arricchirsi"
Tags: casellati, criminalità, libera, lotta alle mafie, mafie, mattarella, papa francesco

Share this story: