I delfini hanno una rete sociale molto simile a quella umana, lo mette in evidenza uno studio

30 agosto 2022, ore 08:00 , agg. alle 15:24

La rete sociale dei delfini è molto simile a quella umana e aiuta a capire anche la nostra evoluzione

Altro che scimmie, la rete di cooperazione sociale più simile a quella umana è dei delfini. Una straordinaria scoperta, questa di un gruppo di ricercatori guidati dall'Università statunitense del Massachusetts di Dartmouth e dall'Università britannica di Bristol e che è stata pubblicata sulla rivista dell'Accademia nazionale delle scienze statunitense. I delfini, secondo quanto riferito dai ricercatori formano alleanze su più livelli che permettono ai maschi di avere maggiore accesso alle femmine, aumentando quindi il loro successo riproduttivo. Questa ricerca è importante perché permette di comprendere meglio anche l'evoluzione sociale e cognitiva umana.


La ricerca

Lo studio guidato da Richard Connor dell'Università di Dartmouth e Stephanie King di quella di Bristol, ha messo in evidenza i legami all’interno di un gruppo di 121 delfini tursiopi maschi (Tursiops truncatus) che vivono nella Baia degli Squali, nell'Australia Occidentale. I ricercatori hanno notato come questi esemplari formino reti cooperative di primo livello, formate da due-tre maschi, per condividere l'accesso ad una femmina. Ma anche che in un secondo momento questi gruppi si allarghino ad un secondo livello fino a 14 esemplari, in competizione tra loro, anche se possono stringere alleanze e creare un terzo livello sociale. Era convinzione che quella della cooperazione tra gruppi negli esseri umani fosse unica e dipendesse da due particolari caratteristiche che ci distinguono dagli scimpanzé, (il nostro antenato), ovvero l'evoluzione dei legami di coppia e le cure parentali da parte dei maschi. “I risultati dello studio mostrano che le alleanze intergruppo possono emergere anche senza queste caratteristiche” ha commentato Richard Connor, sostenendo che “da un sistema sociale e di accoppiamento più simile a quello degli scimpanzé”. Lo studio ha dimostrato anche che i tursiopi maschi formano la più grande rete di alleanze a più livelli conosciuta al di fuori degli umani e che le relazioni di cooperazione tra i gruppi, consentono ai maschi di trascorrere molto più tempo con le femmine, aumentando così il loro successo riproduttivo.


Un risultato importante

Questa ricerca delle Università di Dartmouth e di Bristol arriva dallo stesso gruppo di ricerca che quest'anno celebra il quarantesimo anniversario dell'inizio della ricerca sui delfini di Baia degli Squali. Uno studio iniziato nel 1982, ma anche nel trentesimo anniversario della pubblicazione nel 1992 della prima scoperta della cooperazione di secondo livello. Commentando la sensazionale scoperta, uno dei co-autori dello studio, l’antropologo Michael Kruetzen dell'Università di Zurigo ha sostenuto che “è raro che una ricerca su animali diversi dai primati venga condotta da un dipartimento di antropologia”, e che "i risultati mostrano che è possibile ottenere importanti intuizioni sull'evoluzione di caratteristiche precedentemente ritenute unicamente umane esaminando altri gruppi di animali altamente sociali e dal cervello grande”.


I delfini hanno una rete sociale molto simile a quella umana, lo mette in evidenza uno studio
Tags: fotogramma, delfini, foto agenzia fotogramma.it, rete di cooperazione sociale

Share this story: