Il Milan abbatte il toro, Verona fatale a una Roma distratta dal mercato. Vittorie per Frosinone e Monza, sconfitte Atalanta e Empoli

Il Milan abbatte il toro, Verona fatale a una Roma distratta dal mercato. Vittorie per Frosinone e Monza, sconfitte Atalanta e Empoli

Il Milan abbatte il toro, Verona fatale a una Roma distratta dal mercato. Vittorie per Frosinone e Monza, sconfitte Atalanta e Empoli Photo Credit: Fotogramma.it


Il Milan batte il Torino 4-1, Verona-Roma è finita 2-1, stesso risultato in precedenza per Frosinone-Atalanta, terminata 2-1; Monza-Empoli, 2-0. Tutte le altre partite in programma tra domani e lunedì

MILAN -TORINO, 4-1

Il Milan si presenta tirato a lucido alla sua prima a San Siro. Trascinato dai nuovi (Pulisic su tutti) e dai soliti noti (Giroud e Theo Hernandez), i rossoneri partono forti anche davanti ai 72mila del Meazza e al numero uno di RedBird Gerry Cardinale in tribuna, battendo senza troppi patemi il Torino con un netto 4-1. Un'altra prestazione convincente per gli uomini di Stefano Pioli, che confermano quanto di buono fatto vedere nel primo successo stagionale con il Bologna, limitando pure le disattenzioni in fase difensiva. Anche per merito di un Torino che fa poco o nulla per creare problemi alla retroguardia rossonera, trovando il gol del momentaneo 1-1 con Schuurs in una occasione casuale o quasi. Per il resto, dopo la sfuriata milanista nel finale di primo tempo che ha indirizzato la gara, in campo a San Siro tanto rossonero e poco granata, tanto che il Milan ha più volte sfiorato i gol per la goleada nella ripresa, mancando solo nella precisione sottoporta. Una partita tuttavia non semplice per gli uomini di Pioli, che hanno avuto la bravura di aspettare con pazienza la prima occasione giusta per colpire. Pochi gli spazi concessi dal Torino infatti in avvio di gara, con i soli tentativi dalla distanza di Giroud e Theo Hernandez ad impensierire la porta granata. La classica sfida in cui serve qualità per superare gli avversari e il Milan quest'anno la qualità l'ha cercata e portata a casa dal mercato: Pulisic in ripartenza innesca Loftus-Cheek, l'inglese sgasa e riesce a servire nuovamente lo statunitense che da due passi sblocca il risultato. Sembra il gol che può mettere in discesa la partita, ma il Torino reagisce trovando il pareggio alla prima mezza occasione, con una girata di Schuurs che insacca su un tiro sporco di Ricci. Ma l'equilibrio dura poco, perché i rossoneri tornano subito a spingere. Serve però il controllo del Var su un tocco di mano in area di Buongiorno per riportare avanti i padroni di casa: Mariani concede il rigore e dal dischetto Giroud spiazza Milinkovic-Savic per il nuovo vantaggio milanista. Non basta, perché poi è il turno della solita asse mancina, con Leao che inventa per Theo Hernandez, scavetto dello spagnolo e 3-1 rossonero appena prima dell'intervallo. Nella ripresa la reazione del Torino non c'è e il Milan prova ad approfittarne ancora. Arrivano così occasioni per Loftus-Cheek, Pulisic e Reijnders (subito dopo un breve stop per lo spegnimento di alcuni riflettori, con la gara ripresa dopo pochi secondi), ma nonostante le ottime costruzioni di gioco ai rossoneri manca un po' di precisione. Un'altra sgasata di Leao porta invece a un pestone di Schuurs in area ai danni del portoghese (costretto poi a venire sostituito), con il Var che richiama Mariani per rivedere l'azione: secondo rigore per il Milan e seconda realizzazione perfetta per Giroud, alla prima doppietta stagionale, con il gol che chiude la sfida. Nel finale così c'è spazio anche per far tastare il prato di San Siro ad altri nuovi arrivati rossoneri come Musah, Chukwueze ed Okafor. Il modo migliore per continuare a correre e rilanciare le ambizioni di lottare in vetta al campionato. 

VERONA- ROMA, 2-1

Verona fatale per una Roma distratta. Le voci di mercato. un primo tempo da dimenticare, parecchia sfortuna, due le traverse colpite dai giallorossi, tante le scusanti ma al Bentegodi è uno stoico Verona a fare festa. Due gare, avversarie non proprio irresistibili sulla carta, Salernitana e Hellas e Roma con un solo punticino in classifica. Di certo non è un inizio che sognavano i tifosi. Mourinho recupera Pellegrini e Dybala, entrambi prontamente in campo Gioca Paredes a centrocampo, Aouar va in panchina. Baroni sceglie l'attaccante di peso, Djuric con Folorunsho e Ngonge alle sue spalle. Hien guida la difesa a tre. La partenza del Verona annichilisce la Roma. Terracciano spara da lontanissimo, Rui Patricio è goffo nella respinta corta, Duda da due passi porta avanti i veneti grazie al regalo del portoere avversario. Nonostante sia stata colpita a freddo, la formazione giallorossa non sbanda ma organizza una reazione immediata. Cristante su angolo di Dybala colpisce la traversa, Pellegrini da ottima posizione calcia a lato, Magnani salva a botta sicura su tiro di Zalewski, Montipò blocca Dybala da pochi passi. Poi Doveri assegna un rigore per un'ipotetica mano di Hongla, il Var corregge il fischietto perchè il centrocampista africano tocca con il petto. Successivamente arriva il raddoppio dell'Hellas, con la Roma che si fa infilare da un contropiede di Ngonge partito dalla propria area: poi l'attaccante belga salta con una finta Smalling e di sinistro regala ai suoi il doppio vantaggio. Alla ripresa delle ostilità sono ben tre i cambi tra i giallorossi. Dentro Aouar, El Sharaawy e Spinazzola, fuori Paredes, Llorente e Kristensen. E nonostante anche Zalewski sia costretto ad uscire anzitempo per un duro colpo rimediato da Duda, dentro Karsdorp, i cambi danno il frutto sperato, ossia riaprire velocemente la gara. Tiro di Pellegrini, palla che si impenna, Belotti anticipa Montipò e di testa Aouar realizza la sua prima rete con la maglia della Roma. Baroni prova a replicare al nuovo atteggiamento della Roma dando ancora più sostanza al reparto centrale, dentro Faraoni e il neo acquisto Serdar, fuori Terracciano e Ngonge. Ma la Roma chiude sempre di più il Verona nella propria metacampo raccogliendo angoli su angoli e anche l'inserimento di una punta come Bonazzoli non consente al Verona di guadagnare campo. Hellas che resta anche in inferiorità numerica. Hien si attacca alla maglia di Belotti, Doveri estrae il giallo poi si corregge con l'aiuto del Var e manda anzitempo il difensore svedese negli spogliatoi. La punizione è calciata da Pellegrini e i veneti si salvano nuovamente perchè la palla colpisce l'incrocio dei pali della porta gialloblù. Il Bentegodi rumoreggia al recupero segnalato dal quarto uomo, ben 10' i minuti extratime. Ma il Verona barcolla però non cade e conquista una vittoria insperata che proietta i veneti a punteggio pieno in vetta alla classifica. 

MONZA-EMPOLI, 2-0

Il migliore di San Siro è il migliore dello U-Power: cambiano gli stadi, ma il volto del nuovo Monza è sempre quello di Andrea Colpani. Uscito a testa alta dal Meazza la scorsa settimana nel 2-0 per l'Inter, capace di mettere in ginocchio l'Empoli con lo stesso risultato, per i primi tre punti biancorossi, al debutto stagionale davanti al proprio pubblico. In partenza Palladino boccia Kyriakopoulous e si inventa Ciurria sulla sinistra, lanciando Birindelli a destra, con Mota Carvalho preferito a Maric davanti. Zanetti deve fare a meno di Caprile e tra i pali ci va Perisan, che a Pordenone prese il posto di Di Gregorio e che anche lo scorso anno fu titolare a Monza al posto di Vicario. Resta invece relegato in panchina per l'ex di turno, Ranocchia, con Cacace e Caputo che vincono i ballottaggi con Pezzella e Piccoli. In tribuna accanto a Galliani l'ultimo arrivato in casa Monza, Akpa-Akpro, lo scorso anno proprio con i toscani. Il primo tiro ciabattato è di Ciurria dopo 7 minuti, a cui risponde subito Cancellieri. Al minuto 8 i gialli sono già due: Baldanzi, dopo 36", e Izzo. La mossa del mancino Ciurria sulla corsia comoda si rivela vincente, perché il Monza affonda sempre a sinistra, con lo stesso 84 ma anche con Mota e Caprari. Eppure l'occasione arriva per vie centrali: al 20' Gagliardini dalla lunga distanza centra la traversa. Cinque minuti dopo Ciurria per Colpani che trova solo Luperto a dirgli di no, quindi Mota si inventa una girata di testa che esce di poco. L'Empoli soffre e regge solo fino al 45', quando Colpani compie il consueto movimento a rientrare da destra e di sinistro trova il sette per il vantaggio. All'intervallo Zanetti ribalta i suoi, se è vero che l'avvio è tutto empolese: Di Gregorio dice di no due volte a Caputo, poi Marin dai trenta metri è deviato sulla traversa da Di Gregorio. Ma è il Monza a passare di nuovo: Ciurria crossa da sinistra per la testa di Colpani, lasciato colpevolmente solo. Perisan si oppone in modo rivedibile e il tabellone segna 2-0. E se lo scorso marzo finì 2-1, l'Empoli cerca di rimettere in pista il proprio destino, dall'altra c'è la squadra brianzola che cerca di chiuderla con Caprari, alla ricerca del gol numero 50 in A. Di Gregorio smanaccia un rasoterra di Haas, dall'altra parte Ciurria sfiora il 3-0 con un gran destro a incrociare. Prima che D'Ambrosio esca in barella con le mani sul volto, Piccoli si divora il gol della bandiera a tu per tu con Di Gregorio, dopo una leggerezza di Marì. Ma l'occasione ce l'ha anche Vignato, messo in vetrina con Valentin Carboni: 19 e 18 anni, per dire che il futuro del nuovo Monza è già iniziato. 

FROSINONE-ATALANTA, 2-1

Un'impresa fatta di coraggio, cuore, aggressività e strategia. Aspettando le gare di domani forse sarà l'impresa della seconda giornata. Il Frosinone batte l'Atalanta 2-1 ribaltando ogni pronostico (nei sei precedenti i laziali non avevano mai vinto e neppure segnato) e ridimensionando le ambizioni di Gasperini e soci, vittoriosi al debutto. Per riscattare il ko col Napoli, Eusebio Di Francesco cambia tre pedine rispetto all'undici schierato sabato scorso. Previsti gli innesti del portiere Cerofolini (al posto dello squalificato Turati) e del centravanti Cheddira, all'esordio assoluto, ma la sorpresa è Barrenechea play basso. Resta fuori Caso. E' un modulo variabile dove Gelli agisce da esterno a destra (felice intuizione del tecnico) con Baez dirottato a sinistra. Harroui incursore, quasi un trequartista alle spalle del centravanti Cheddira. Nel 3-4-1-2 dell'Atalanta una sola novità: Ederson a centrocampo con Koopmeiners sulla trequarti e Pasalic in panchina. Sulle fasce Zappacosta (originario di Sora in provincia di Frosinone) e Ruggeri. Confermata la coppia d'attacco Zapata-Lookmann. De Ketelaere, a segno col Sassuolo, parte tra rincalzi come anche Scamacca, il grande colpo estivo dell'Atalanta. Il Frosinone parte fortissimo, molto aggressivo. Ancora di più rispetto alla gara col Napoli. Ed al primo affondo passa: Romagnoli di forza ruba palla a Lookman ed innesca Harroui che entra in area e dopo una finta supera Musso. L'Atalanta colpita a freddo fatica a riorganizzarsi in una partita cambiata troppo presto per i piani di Gasperini. La squadra laziale sulle ali dell'entusiasmo e facendo leva su una buona condizione fisica continua a pressare a tutto campo ed a spingere. A tratti anche con qualità nel fraseggio. Nell'Atalanta il più intraprendente e Zappacosta che al 17' va vicino al pari spedendo fuori un cross dalla sinistra di Koopmeiners. E' il Frosinone comunque a raddoppiare al 24' con Monterisi (seconda presenza in Serie A e primo gol) bravo a risolvere una mischia su corner di Baez, sporcato da Romagnoli. Lo stesso Monterisi alla mezzora salva ancora su Zappacosta. Il Frosinone finisce in attacco e nel recupero Baez e Mazzitelli impegnano Musso. Nella ripresa Gasperini corre ai ripari ed inserisce De Ketelaere e Zortea (i marcatori con il Sassuolo). L'Atalanta spinge e riapre i giochi all'11' con Zapata (quinto gol al Frosinone). Ma il Frosinone non si disunisce e grazie anche ai cambi azzeccati tiene botta. Ed anzi in contropiede punge con Garritano 2 volte (18' e 19') e Mazzitelli (20'). Gasperini le prova tutte inserendo anche Scamacca e Muriel. Niente da fare. Cerofolini tra il 24' ed il 30' si guadagna la pagnotta parando su Scalvini e De Ketelaere. Gli ultimi sussulti di Scamacca (39') e Garritano (50'). Ma l'impresa è del Frosinone. 


Argomenti

Calcio
Campionato
Frosinone-Atalanta
Milan-Torino
Monza-Empoli
Serie A
Verona-Roma

Gli ultimi articoli di Redazione Web

  • Sardegna, Matteo Renzi a RTL 102.5: “Meloni ha umiliato Salvini. Vedrete che romperanno”

    Sardegna, Matteo Renzi a RTL 102.5: “Meloni ha umiliato Salvini. Vedrete che romperanno”

  • Maltempo, il sindaco di Vicenza Giacomo Possamai su RTL 102.5: “Preoccupati per le prossime ore”

    Maltempo, il sindaco di Vicenza Giacomo Possamai su RTL 102.5: “Preoccupati per le prossime ore”

  • Maltempo: sull'Italia è arrivato il ciclone tirrenico, pioggia fino al week end, disagi in Liguria e Toscana

    Maltempo: sull'Italia è arrivato il ciclone tirrenico, pioggia fino al week end, disagi in Liguria e Toscana

  • Giuseppe Valditara a RTL 102.5: “Mai parlato del divieto di utilizzo dei tablet, ma non sostituisca carta e penna”

    Giuseppe Valditara a RTL 102.5: “Mai parlato del divieto di utilizzo dei tablet, ma non sostituisca carta e penna”

  • Al via le gare di Moto Gp, Formula Uno e non solo. In Bahrain e Qatar i primi appuntamenti

    Al via le gare di Moto Gp, Formula Uno e non solo. In Bahrain e Qatar i primi appuntamenti

  • AAA cercasi super fan di Taylor Swift per il Victoria and Albert museum per il ruolo di consulente

    AAA cercasi super fan di Taylor Swift per il Victoria and Albert museum per il ruolo di consulente

  • Dargen D'Amico presenta “Ciao America” a RTL 102.5: «Ho una cifra molto italiana ma declinata in stile hip hop»

    Dargen D'Amico presenta “Ciao America” a RTL 102.5: «Ho una cifra molto italiana ma declinata in stile hip hop»

  • Il 10% degli adolescenti ha disturbi social, ma soffrono anche di ansia e dipendenza da videogames

    Il 10% degli adolescenti ha disturbi social, ma soffrono anche di ansia e dipendenza da videogames

  • L’Eurovision si avvicina. Loredana Bertè, i Jalisse e Marcella Bella si sfidano per rappresentare San Marino

    L’Eurovision si avvicina. Loredana Bertè, i Jalisse e Marcella Bella si sfidano per rappresentare San Marino

  • New Hit di RTL 102.5: da questa settimana in onda “Lonely Dancers” di Conan Gray e “Love On” di Selena Gomez

    New Hit di RTL 102.5: da questa settimana in onda “Lonely Dancers” di Conan Gray e “Love On” di Selena Gomez