Il post in fabbrica, 2A offre 40 posti di lavoro

 17 aprile 2019 | A2, il post in fabbrica, interviste, non stop news

Ospite di Non Stop News Emanuele Di Franco, key account manager dell'azienda leader mondiale nella produzione di pressofusi di alluminio per il mercato dell'automotive e della domotica

Stamattina, in Non Stop News, per la rubrica Il post in fabbrica è stato ospite in studio a Milano Emanuele Di Franco, key account manager di 2A, azienda leader mondiale nella produzione di pressofusi di alluminio per il mercato dell'automotive e della domotica. Nata come azienda produttrice di chiusure lampo, dispone oggi delle presse più grandi al mondo e ha 3 siti produttivi in provincia di Torino, più altri due in Alabama e in Cina. Ha 350 dipendenti e ne cerca subito almeno altri 40: "Cerchiamo diplomati e laureati: tecnici commerciali, che abbiano conoscenza della lingua inglese, persone addette alla qualità, logistica, carrellisti e programmatori". Di Franco ha poi raccontato che l'atteggiamento grintoso e voglioso di fare, come è accaduto nel suo caso, sono spesso decisivi: "I candidati devono avere volontà, voglia di fare, passione e non devono fermarsi ai primi ostacoli". I curricula per le candidature possono essere inviati a www.unimpiego.it/ilpostinfabbrica. Appuntamento, su RTL 102.5, a mercoledì prossimo alle 7.45.
Il post in fabbrica, 2A offre 40 posti di lavoro
Il post in fabbrica in Non Stop News del 17 aprile 2019 - A2

Emanuele Di Franco, key account dell'azienda mondiale nella produzione di pressofusi di alluminio per il mercato dell'automotive e della domotica, è intervenuto in Non Stop News, condotto da Giusy Legrenzi, Fulvio Giuliani e Pierluigi Diaco. Puoi seguire RTL 102.5 in RADIOVISIONE sul canale 36 del digitale terrestre, 736 di Sky, in FM, Digital Radio, dal sito internet ufficiale, dall’App e dai nostri social! Sito internet: http://www.rtl.it Facebook: https://www.facebook.com/RTL102.5/ Twitter: https://twitter.com/rtl1025 Instagram: https://www.instagram.com/rtl1025/

Share this story: