Maxi operazione antimafia: sequestrati beni per oltre 131 milioni di euro

Maxi operazione antimafia: sequestrati beni per oltre 131 milioni di euro

Maxi operazione antimafia: sequestrati beni per oltre 131 milioni di euro


In manette 18 persone nell'ambito della retata svolta su tutto il territorio nazionale

Duro colpo della Direzione Investigativa Antimafia di Roma alla criminalità organizzata. Questa mattina all’alba una maxi operazione che ha coinvolto oltre 500 operatori impegnati in varie regioni italiane, ha portato all’esecuzione di diciotto misure cautelari, al sequestro di beni per oltre 131 milioni di euro, per un totale di 57 persone indagate.

A finire in manette anche Antonio Nicoletti, figlio dell'ex storico esponente della banda della Magliana, Enrico, e il figlio di Michele Senese, Vincenzo, ritenuto il capo della camorra a Roma. Misura cautelare anche per il produttore cinematografico Daniele Muscariello e il noto manager musicale Angelo Calculli. Arrestati anche Roberto Macori e Salvatore D'Amico.


L’Operazione

I destinatari delle misure cautelari disposte dal Gip del Tribunale di Roma (su richiesta della Procura della Capitale), sono ritenuti gravemente indiziati di far parte di due associazioni (con l’aggravante mafiosa) radicate a Roma e strutturate al fine di consumare estorsioni, usura, fittizia intestazione di beni, riciclaggio, auto riciclaggio e reimpiego in attività economiche di proventi illeciti. Attività criminali volte, secondo l'accusa, ad agevolare i clan di camorra Mazzarella - D'Amico, le cosche della 'ndrangheta Mancuso e Mazzaferro e il clan Senese.

La retata di questa mattina è stata possibile solo dopo un lungo lavoro di indagine. La raccolta di informazioni da parte degli inquirenti è stata avviata nel marzo 2018 e ha portato le forze dell’ordine a individuare una vera e propria centrale di riciclaggio operante nella Capitale con interessi su tutto il territorio nazionale. Alla base dell’attività illecita meccanismi di intimidazione a la derivante condizione di assoggettamento dovuta agli stretti legami con le organizzazioni criminali mafiose tradizionali che avrebbero fornito garantito alle “frange operative” vere e proprie armi da guerra.


I sequestri

Insieme alle misure cautelari, questa mattina il Giudice per le indagini preliminari ha disposto anche il sequestro preventivo di 3 società e per equivalente fino alla concorrenza di una somma che supera i 131 milioni di euro. Secondo le forze dell’ordine, i soldi confiscati sarebbero frutto dei reati contestati.



Argomenti

cronaca
dia
mafia
roma
rtl1025

Gli ultimi articoli di Massimo Lo Nigro

  • Terrore offline: guasti informatici in tutto il mondo mandano in tilt aziende, aeroporti e uffici

    Terrore offline: guasti informatici in tutto il mondo mandano in tilt aziende, aeroporti e uffici

  • Messina Denaro: trovato il secondo covo del boss, arrestato un favoreggiatore

    Messina Denaro: trovato il secondo covo del boss, arrestato un favoreggiatore

  • Ischia e i tassisti “furbetti”: corse da 35 euro pagate 75

    Ischia e i tassisti “furbetti”: corse da 35 euro pagate 75

  • Turista aggredito da un orso in Trentino, è in ospedale

    Turista aggredito da un orso in Trentino, è in ospedale

  • Brescia, picchiavano le figlie “non brave musulmane”. Familiari in fuga dopo la condanna

    Brescia, picchiavano le figlie “non brave musulmane”. Familiari in fuga dopo la condanna

  • Salute, mangiar male costa fino a 289 euro all’anno

    Salute, mangiar male costa fino a 289 euro all’anno

  • Università: 3 atenei italiani tra i migliori 100 in Europa

    Università: 3 atenei italiani tra i migliori 100 in Europa

  • Clima: giugno 2024 è stato il più caldo di sempre

    Clima: giugno 2024 è stato il più caldo di sempre

  • Paura in Texas: quattro bagnanti aggrediti da un branco di squali

    Paura in Texas: quattro bagnanti aggrediti da un branco di squali

  • Orrore a Pannarano (BN): sgozza e decapita il fratello dopo una lite

    Orrore a Pannarano (BN): sgozza e decapita il fratello dopo una lite