Meloni torna a Tunisi con Von Der Leyen e Rutte, obiettivo migranti ed energia

Meloni torna a Tunisi con Von Der Leyen e Rutte, obiettivo migranti ed energia

Meloni torna a Tunisi con Von Der Leyen e Rutte, obiettivo migranti ed energia Photo Credit: agenziafotogramma.it


Sul tavolo un memorandum con il governo di Tunisi per il controllo delle frontiere la gestione dei flussi migratori

Nuova missione in Tunisia per la presidente del Consiglio Giorgia Meloni, che torna a Tunisi insieme alla presidente della Commissione europea Ursula Von Der Leyen e al premier olandese Mark Rutte. Scopo della visita è siglare un memorandum d'intesa con il presidente tunisino Kais Saied su temi di gestione dei flussi migratori e partenariato energetico. La prossima settimana, poi, il ministro dell'Interno Matteo Piantedosi riceverà a Roma il suo omologo tunisino, dopo aver dichiarato che "il blocco navale lo stiamo facendo con l'accordo con la Tunisia". Meloni è partita subito dopo aver inaugurato in mattinata il collegamento Frecciarossa tra Roma e Pompei insieme al ministro della Cultura Gennaro Sangiuliano.


L'accordo

Ultimo miglio dunque per il memorandum tra Unione europea e Tunisia che segna una novità nella gestione europea dei flussi migratori dal nord Africa. Da quanto si apprende, il testo a cui hanno lavorato le delegazioni prevede dei primi stanziamenti europei a Tunisi in due tranche da 150 e 105 milioni di euro per migliorare il controllo delle frontiere da parte del governo di Saied, che pure nelle ultime ore avrebbe chiesto più fondi. Nell'accordo anche un partenariato energetico per nuove forniture dall'Africa all'Unione europea per cui potrebbe essere previsto un nuovo stanziamento da parte di Bruxelles. In questo caso, però, nulla dovrebbe muoversi prima della risoluzione dello stallo che da tempo insiste tra la stessa Tunisia e il Fondo monetario internazionale rispetto a un prestito di 1,9 miliardi di euro che l'FMI chiede di vincolare a un percorso di riforme, definito un "diktat" dal presidente Saied.

La politica migratoria tunisina

Rispetto alle criticità nella gestione dei migranti, negli ultimi giorni le autorità tunisine hanno incrementato le comunicazioni sui ricollocamenti. Nel corso di una riunione del Consiglio di sicurezza nazionale, poi, il presidente Saied aveva annunciato una lotta a tutto campo contro i trafficanti. "Preferisco che questa migrazione venga definita disumana, non irregolare" aveva dichiarato. "Sono consapevole di ciò che sto sostenendo, molti sono i casi di migrazione e questa non è la sua solita forma, ma una vera e propria deportazione. Il tutto è gestito da reti criminali che praticano la tratta di esseri umani e il traffico di organi. Queste reti hanno uno scopo lucrativo, ma mirano anche all'esistenza stessa dei paesi e delle nazioni". Diverse organizzazioni non governative del Paese intanto sono tornate a chiedere al governo di Tunisi interventi per garantire una adeguata assistenza a quei migranti che, scrivono le ONG, vivono una "situazione catastrofica".


Argomenti

Giorgia Meloni
Italia
Mark Rutte
Tunisia
Unione europea
Ursula Von Der Leyen

Gli ultimi articoli di Luigi Santarelli

  • Meloni sul no a Von Der Leyen, "ho agito da leader europeo, continueremo a collaborare"

    Meloni sul no a Von Der Leyen, "ho agito da leader europeo, continueremo a collaborare"

  • Biden, "sono solo tre anni più vecchio di Trump, la mia acutezza mentale è buona"

    Biden, "sono solo tre anni più vecchio di Trump, la mia acutezza mentale è buona"

  • Biden parla alla nazione, "decisioni si prendono nelle urne, non con le pallottole"

    Biden parla alla nazione, "decisioni si prendono nelle urne, non con le pallottole"

  • Papa Francesco a Trieste, "preoccupato dalla cattiva salute della democrazia"

    Papa Francesco a Trieste, "preoccupato dalla cattiva salute della democrazia"

  • La procura di Milano ha chiesto un altro rinvio a giudizio per Daniela Santanchè nel caso Visibilia

    La procura di Milano ha chiesto un altro rinvio a giudizio per Daniela Santanchè nel caso Visibilia

  • Ancora latitante Giacomo Bozzoli dopo la condanna all'ergastolo per l'omicidio dello zio

    Ancora latitante Giacomo Bozzoli dopo la condanna all'ergastolo per l'omicidio dello zio

  • Spari e sacchi di soldi portati via con un escavatore: rapinato un caveau a Sassari

    Spari e sacchi di soldi portati via con un escavatore: rapinato un caveau a Sassari

  • Meloni sulle nomine UE, "merito e metodo sbagliati", e si astiene sul Von Der Leyen bis

    Meloni sulle nomine UE, "merito e metodo sbagliati", e si astiene sul Von Der Leyen bis

  • Meloni sull'inchiesta di Fanpage, "antisemiti incompatibili con Fdi ma è metodo da regime"

    Meloni sull'inchiesta di Fanpage, "antisemiti incompatibili con Fdi ma è metodo da regime"

  • Fallito il tentato golpe militare in Bolivia, arrestato ex comandante dell'esercito

    Fallito il tentato golpe militare in Bolivia, arrestato ex comandante dell'esercito