Migranti: dopo il rilascio di alcuni migranti deciso dal Tribunale di Catania, il Viminale impugnerà la sentenza

Migranti: dopo il rilascio di alcuni migranti deciso dal Tribunale di Catania, il Viminale impugnerà la sentenza

Migranti: dopo il rilascio di alcuni migranti deciso dal Tribunale di Catania, il Viminale impugnerà la sentenza Photo Credit: agenziafotogramma.it


E' scontro tra governo e giudici sulla decisione del tribunale di Catania di rimettere in libertà tre migranti del centro di Pozzallo. Il Ministero dell'Interno ha annunciato di voler impugnare il provvedimento

Il decreto del governo con le nuove norme sull'immigrazione non ha fatto in tempo a entrare in vigore che già scatena un polverone giuridico e si apre un caso tra Tribunale di Catania e Ministero dell'Interno. Il caso monta dopo la decisione dei giudici siciliani di rimettere in libertà tre migranti trattenuti nel centro di Pozzallo. Uno dei tre è un cittadino tunisino  sbarcato a metà settembre a Lampedusa e poi portato nel nuovo centro di Pozzallo, e messo in libertà. I giudici  hanno motivato la decisione, ritenendo il recente decreto del governo "illegittimo in più parti" e in contrasto sia con la Costituzione che con le direttive europee. In particolare, sottolineano fonti legali, "i giudici contestano la nuova procedura di trattenimento e la cauzione da pagare per non andare nel centro". 

Altri due immigrati rilasciati

Peraltro relativamente a due dei provvedimenti di non convalida del trattenimento, si tratta di due cittadini tunisini destinatari di provvedimenti di espulsioni già eseguiti (ciò nonostante rientrati nel territorio italiano) che nel corso dell’udienza per la convalida hanno invocato la protezione per la necessità di fuggire  in un caso, "perché perseguitato per caratteristiche fisiche che i cercatori d’oro del suo Paese, secondo credenze locali, ritengono favorevoli delle loro attività (particolari linee della mano)"...nell’altro "per dissidi con i familiari della sua ragazza i quali volevano ucciderlo ritenendolo responsabile del decesso di quest’ultima".

 Il ministero dell'Interno impugnerà il provvedimento del tribunale di Catania che ha negato la convalida del trattenimento di tre migranti: la fondatezza dei richiami giuridici contenuti nel provvedimento sarà quindi sottoposta al vaglio di un altro giudice. Fonti vicine al dossier migranti sottolineano che "la procedura accelerata di frontiera è uno degli aspetti che, già contenuto nella direttiva europea 2013, trova oggi l'unanime consenso dei Paesi europei nell'ambito del costruendo nuovo Patto per le migrazioni e l'asilo e che il Governo italiano ha disciplinato nel decreto Cutro"

Argomenti

Migranti
MinisteroInterno
TribunalediCatania

Gli ultimi articoli di Maria Paola Raiola

  • Palermo: indagini sulla morte di Angelo Onorato,  la moglie Francesca, eurodeputata non crede a ipotesi suicidio

    Palermo: indagini sulla morte di Angelo Onorato, la moglie Francesca, eurodeputata non crede a ipotesi suicidio

  • Eurispes: pubblicato il Rapporto Italia 2024, fotografia di un Paese al bivio

    Eurispes: pubblicato il Rapporto Italia 2024, fotografia di un Paese al bivio

  • Genova: il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti ascoltato dai magistrati su inchiesta corruzione

    Genova: il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti ascoltato dai magistrati su inchiesta corruzione

  • Ucraina: le ore più difficili, Mosca avanza nel nord, le truppe di Kiev si ritirano parzialmente da Kharkiv

    Ucraina: le ore più difficili, Mosca avanza nel nord, le truppe di Kiev si ritirano parzialmente da Kharkiv

  • Ambiente: arrivano le Bandiere Blu in 236 località di mare e lago che si aggiudicano il riconoscimento

    Ambiente: arrivano le Bandiere Blu in 236 località di mare e lago che si aggiudicano il riconoscimento

  • Università italiane  in discesa nella classifica mondiale delle migliori al mondo, su tutte vince Harvard

    Università italiane in discesa nella classifica mondiale delle migliori al mondo, su tutte vince Harvard

  • Una donna su cinque lascia il lavoro dopo il parto, i numeri del report sulla maternità di Save the Children

    Una donna su cinque lascia il lavoro dopo il parto, i numeri del report sulla maternità di Save the Children

  • Strage sul lavoro a Casteldaccia: indagini in corso, tanti i punti da chiarire, grave un operaio sopravvissuto

    Strage sul lavoro a Casteldaccia: indagini in corso, tanti i punti da chiarire, grave un operaio sopravvissuto

  • Guerra in Ucraina, gli Stati Uniti accusano la Russia di aver usato armi chimiche; Mosca risponde, accuse odiose

    Guerra in Ucraina, gli Stati Uniti accusano la Russia di aver usato armi chimiche; Mosca risponde, accuse odiose

  • Medio Oriente: gli Stati Uniti stringono i tempi per un accordo tra Israele e Hamas, Blinken vede Netanyahu

    Medio Oriente: gli Stati Uniti stringono i tempi per un accordo tra Israele e Hamas, Blinken vede Netanyahu