Noury (Amnesty) a RTL 102.5: "Zaky un successo, ora processo per Regeni"

Noury (Amnesty) a RTL 102.5: "Zaky un successo, ora processo per Regeni"

Noury (Amnesty) a RTL 102.5: "Zaky un successo, ora processo per Regeni" Photo Credit: agenziafotogramma.it


Il portavoce di Amnesty international Italia parla a RTL 102.5: "Se il governo egiziano ha proposto uno scambio tra la libertà di Zaky e la verità su Regeni, un governo serio avrebbe rifiutato"

Tra le realtà che più si sono battute per la libertà di Patrick Zaky c'è sicuramente Amnesty international. Il suo portavoce per l'Italia, Riccardo Noury, torna a parlare su RTL 102.5. "La libertà di Zaky è un successo di una campagna iniziata il 7 febbraio 2020 quando è stato arrestato e a cui hanno aderito tante istituzioni e realtà, che nelle ventiquattro ore successive alla vergognosa condanna di qualche giorno fa si sono mosse. Quando Patrick metterà piede sull'asfalto di Bologna avrò la certezza che tutto questo sarà finito". "In Egitto ci sono sessantamila prigionieri politici. Ma penso alla Cina, all'Iran o alla Russia. È un mondo in cui i diritti umani sono violati e difenderli ogni giorno ha un costo notevole".


La mobilitazione

"Ognuno dovrebbe fare quello che sa fare meglio" dice Noury. "La diplomazia sta nel negoziare anche non in forma pubblica. L'informazione deve tenere alta l'attenzione, l'opinione pubblica invece deve fare rumore. Tutto questo funziona se ci si muove insieme, allo stesso passo e per lo stesso obiettivo". Rispetto ai metodi di pressione di Amnesty, Noury ricorda gli inizi: "Nel 1961 iniziammo scrivendo lettere per posta ai governi nelle cui carceri c'erano persone che non dovevano starci. Sessant'anni dopo lo facciamo con le email e ancora raccogliendo firme in piazza. Quando Amnesty nacque non c'erano social network, ma noi siamo rimasti quello".

Scambio Zaky-Regeni?

Rispetto alle ipotesi di un presunto scambio tra la libertà di Patrick Zaky e la verità su Giulio Regeni, Noury commenta: "Il ministro degli Esteri ha detto che siamo persone serie. Le persone serie non fanno queste cose. Se c'è stata l'intenzione di proporlo da parte del governo egiziano, persone serie lo avrebbero rifiutato. Sui diritti umani non si fanno scelte, non si va avanti su una storia arretrando su un'altra. Ora Patrick arriverà a Bologna e sarà libero, ma continuiamo a chiedere e pretendere un processo per una verità che tutti conosciamo, ossia che Giulio Regeni è stato vittima di un omicidio di Stato".


Argomenti

Amnesty
Amnesty international
Egitto
Giulio Regeni
Noury
Patrick Zaky
Regeni
Riccardo Noury
Zaky

Gli ultimi articoli di Luigi Santarelli

  • L'Arma dei Carabinieri ha festeggiato 210 anni

    L'Arma dei Carabinieri ha festeggiato 210 anni

  • Morto il rettore della Cattolica Franco Anelli, ipotesi suicidio

    Morto il rettore della Cattolica Franco Anelli, ipotesi suicidio

  • Ilaria Salis è uscita dal carcere di Budapest, ora è agli arresti domiciliari in Ungheria

    Ilaria Salis è uscita dal carcere di Budapest, ora è agli arresti domiciliari in Ungheria

  • Partito In&Aut festival, Casellati, "certificazione di inclusione per le aziende"

    Partito In&Aut festival, Casellati, "certificazione di inclusione per le aziende"

  • Vertice Cina-Russia, "soluzione politica in Ucraina, no a escalation"

    Vertice Cina-Russia, "soluzione politica in Ucraina, no a escalation"

  • Meloni, "aspettiamo le risposte di Giovanni Toti, ha governato molto bene"

    Meloni, "aspettiamo le risposte di Giovanni Toti, ha governato molto bene"

  • La7 sul caso Gruber-Mentana, "mantenere rispetto reciproco e verso l'azienda"

    La7 sul caso Gruber-Mentana, "mantenere rispetto reciproco e verso l'azienda"

  • Il maltempo rovina i piani degli italiani per il primo maggio

    Il maltempo rovina i piani degli italiani per il primo maggio

  • Vannacci, "l'antifascismo non ha senso, Mussolini uno statista"

    Vannacci, "l'antifascismo non ha senso, Mussolini uno statista"

  • Milano, 18enne ucciso a colpi di pistola in zona ortomercato

    Milano, 18enne ucciso a colpi di pistola in zona ortomercato