Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Lampedusa: caso Sea Watch, la nave ha forzato il blocco ed è ferma, da ore, davanti al porto dell'isola in attesa di far sbarcare i migranti, si attendono decisioni delle autorità
- Roma: caso Sea Watch, ira di Salvini contro il comandante della nave, questo è un atto ostile, l'Olanda si faccia carico dei migranti, schierati i carabinieri in banchina
- Roma: governo, ministro Salvini, se il Movimento 5 Stelle continua con i no, trarrò le conseguenze, ma Di Maio è persona seria
- Roma: afa e caldo africano, temperature in aumento, oggi bollino rosso in sei città, appello del ministro Salute Giulia Grillo, al pronto soccorso solo se necessario
- Francia: Notre-Dame, l'incendio dello scorso aprile causato forse da una sigaretta spenta male oppure da un cortocircuito, scartata l'ipotesi dolosa
- Manduria (Ta): anziani torturati da baby gang, altri 9 nuovi arresti, otto sono minorenni, spunta una terza vittima
- Roma: riapre dopo 246 giorni la fermata della metro A di Piazza della Repubblica, resta chiusa, invece, Barberini
- Calcio: i mondiali femminili in Francia, appuntamento su Rtl 102.5, sabato, dalle 15, per Italia-Olanda, chi vince va in semifinale
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
04 gennaio 2019

Sahara, ogni 20 mila anni da deserto a pianura verde

L’effetto è dato dal cambiamento dell’inclinazione dell’asse terrestre che, periodicamente, modifica il modo in cui la Terra riceve i raggi solari

Il Sahara cambia radicalmente aspetto ogni 20.000 anni, trasformandosi da un deserto a una pianura verde e viceversa. Lo indica l'analisi dei depositi delle polveri, che ha permesso di ricostruire la storia del clima in quest'area negli ultimi 240.000 anni. L'ipotesi è che queste trasformazioni siano dovute ai cambiamenti dell'inclinazione dell'asse terrestre che, periodicamente, modificano il modo in cui la Terra riceve i raggi del Sole. Pubblicato sulla rivista su Science Advances, il risultato si deve ai ricercatori del Massachusetts Institute of Technology, (Mit). La scoperta secondo David McGee del Mit, e' importante "per comprendere la storia di questo deserto e in quali tempi è stato ospitale per l'uomo". Il Sahara non è stato sempre così desolato e arido. Pitture rupestri primitive e fossili scoperti nella regione, indicano che questo deserto in passato sia stato un'oasi relativamente verdeggiante, dove prosperavano insediamenti umani. Ora i ricercatori del Mit, analizzando le polveri depositate al largo delle coste dell'Africa occidentale negli ultimi 240.000 anni, e presenti nelle carote di sedimenti estratte dai fondali, hanno scoperto che il Sahara e il Nord Africa in generale hanno oscillato tra un clima umido e secco ogni 20.000 anni, in sincronia con i cambiamenti dell'inclinazione dell'asse terrestre. Questo 'pendolo' climatico, secondo gli esperti, infatti, sarebbe principalmente dovuto ai cambiamenti dell'inclinazione dell'asse terrestre, che a loro volta influenzano la distribuzione della luce solare sulla Terra. Per quanto riguarda il Nord Africa, è probabile che, quando la Terra è inclinata per ricevere la massima luce solare estiva, l'aumento del calore solare intensifichi l'attività dei monsoni della regione, che a sua volta rende il Sahara più umido e verde. Quando l'asse del pianeta si sposta su un angolo che riduce la quantità di luce solare in arrivo sul Nord Africa, l'attività dei monsoni nella regione si indebolisce, producendo un clima più secco.

Sahara, ogni 20 mila anni da deserto a pianura verde