Dall’oriente terribili parassiti, la popolia japonica attacca le vegetazione in Lombardia e Piemonte

21 giugno 2021, ore 20:00

Il bosco verticale di Milano tra le più recenti vittime, danni enormi registrati in poco tempo, ma macchie di vegetazione sono state colpite in altre zone di Milano e del Piemonte

Dall’oriente terribili parassiti, la popolia japonica attacca le vegetazione in Lombardia e Piemonte


Segnalazioni arrivano da più luoghi, tra Piemonte e Lombardia, in provincia di Varese, di Novara, specie a Trecate. Poi nelle ultime ore, tra il verde sotto attacco c’è anche il Bosco Verticale di Milano. La popillia japonica è un insetto che sta minando gli equilibri di molti orti e giardini. Così come altri insetti già arrivati da noi, non si sa come , come la cimice asiatica e la tuta absoluta del pomodoro, si tratta di una specie che non appartiene al nostro ecosistema.


Come e peggio delle cavallette

Arrivano in nutriti gruppi, calano in centinaia, con i loro gusci dai colori iridescenti. Prendono “la residenza” in una pianta e ci mettono davvero poco a scarnificare le foglie. Sotto le loro voraci mandibole la foglia si trasforma in una sorta di gruviera verde, destinata a perire in breve tempo. Testimonianze hanno chiarito che a nulla serve scuotere le piante, oppure spruzzare spray contro gli scarafaggi, perché questo uccide le piante anche prima degli insetti. Bisogna segnalare all'Ats e anche ai responsabili del verde del Bosco Verticale, uno degli ultimi luoghi colpiti. L’esercito volante degli insetti giapponesi, che avevano già fatto danni all'agricoltura nei campi fuori Milano, hanno attaccato anche il Bosco Verticale. In Giappone sono sotto controllo, negli Stati Uniti sono un flagello In Giappone, la nazione da cui ha origine, non provoca gravi danni, poiché è tenuto sotto controllo dagli antagonisti. Negli Usa, invece, dove fu introdotto per errore agli inizi del secolo scorso, è uno degli insetti tuttora più distruttivi in assoluto. In Italia non si sa ancora bene come sia giunto. I primi focolai vennero segnalati nel 2014 in Piemonte e Lombardia, dove in questo periodo sembrano proliferare. In queste regioni i servizi fitosanitari si sono attivati per contenere l’infestazione, evitando la diffusione in altre zone del Paese. Si cercano antagonisti efficaci La Takahashia japonica, appartiene alla famiglia della cocciniglia, è un coleottero scarabeide, Nel luglio 2020 le trappole hanno raccolto alcuni insetti in provincia di Parma. Nel 2017 è stata rinvenuta in Svizzera, proveniente dall’Italia. A livello sperimentale, in Europa, e soprattutto nel nostro paese, si stanno cercando antagonisti efficaci. Ma le percentuali di efficacia dei metodi applicati sinora sono piuttosto basse.

Tags: Bosco Verticale , Milano, parassiti, popilia japonica

Share this story: