Trent'anni fa l'omicidio di don Giuseppe Diana, migliaia di ragazzi lo ricordano a Casal di Principe

Trent'anni fa l'omicidio di don Giuseppe Diana, migliaia di ragazzi  lo ricordano a Casal di Principe

Trent'anni fa l'omicidio di don Giuseppe Diana, migliaia di ragazzi lo ricordano a Casal di Principe Photo Credit: agenziafotogramma.it


Gli studenti sotto casa hanno gridato il suo nome. Il Presidente Mattarella, "simbolo potente di liberazione", Papa Francesco, "don Diana invita a costruire un mondo libero dal giogo del male"

In tre decenni, il ricordo del sacerdote, ucciso in un agguato di camorra, il 19 marzo del 1994 nella sagrestia della chiesa di san Nicola di Casal Di Principe è diventato un motore di legalità. Oggi, migliaia di studenti hanno attraversato la cittadina del casertano e sotto casa di Don Diana hanno chiamato a gran voce "Don Peppe!".

Le parole di Mattarella

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella  ha definito don Diana, "un testimone di speranza, educatore alla libertà, punto di riferimento per i giovani e le persone oneste di Casal di Principe. La crudeltà con cui hanno strappato alla vita un uomo giusto, non è riuscita a sottomettere la comunità. Gli assassini sono stati individuati e condannati. La testimonianza di Don Diana è divenuta un simbolo potente di liberazione, una spinta al riscatto sociale", ha dichiarato il Capo dello Stato.


Il ricordo di don Ciotti

A guidare la marcia di oggi, come sempre don Luigi Ciotti, presidente di Libera che si è augurato la beatificazione di don Diana. E’ stato un martire, ha ricordato, per aver detto parole coraggiose e di denuncia e per aver agito. Oggi, come da trent’anni a questa parte, ha deposto una corona di fiori sulla tomba del sacerdote. E concluderà anche la giornata dopo la lettura delle vittime innocenti della criminalità organizzata

il Papa, "don Diana ci invita a costruire mondo libero dal male"

Papa Francesco ha ricordato don Diana, in una lettera inviata al vescovo di Aversa ha sottolineato come l'omicidio "di questo coraggioso discepolo di Gesù ci invita a costruire un mondo libero dal giogo del male e da ogni tipo di prepotenza malavitosa". Poi l'invito ai concittadini del sacerdote:  "Perseverate sulla via tracciata da Don Diana e, con impegno quotidiano, coltivate pazientemente il seme della giustizia e il sogno dello sviluppo umano e sociale per la vostra terra".



La condanna dei killer 

Nel 2003 è stato condannato all’ergastolo, come mandante dell’omicidio di don Peppe, Nunzio De Falco. Arrestato dopo una breve latitanza in Spagna, o’ lupo - come era soprannominato - tentò inizialmente di addossare le responsabilità del delitto al boss Francesco Schiavone. Successivamente, messo alle strette dalle rivelazioni del collaboratore di giustizia Giuseppe Quadrano, esecutore materiale del delitto, fu costretto a confessare. È morto nell’aprile del 2022 per un male incurabile. Quadrano è stato condannato a 14 anni. Nel marzo del 2004 è arrivata anche la condanna all’ergastolo per Mario Santoro e Francesco Piacenti, ritenuti coautori dell’omicidio.


Argomenti

camorra
CasaldiPrincipe
DonDiana

Gli ultimi articoli di Maria Paola Raiola

  • Ridare il sorriso ai bimbi che vivono nei Paesi più poveri del mondo: la storia dei medici di Operation Smile

    Ridare il sorriso ai bimbi che vivono nei Paesi più poveri del mondo: la storia dei medici di Operation Smile

  • Scuola: via libera al Senato al ddl Valditara sulle valutazioni degli studenti, la condotta peserà di più

    Scuola: via libera al Senato al ddl Valditara sulle valutazioni degli studenti, la condotta peserà di più

  • Genova: uccise la sorella, confermata in appello la condanna a 24 anni e mezzo per Alberto Scagni

    Genova: uccise la sorella, confermata in appello la condanna a 24 anni e mezzo per Alberto Scagni

  • Amadeus lascia la Rai: per lui si spalancano le porte del Nove, il canale del gruppo  Warner Bros  Discovery

    Amadeus lascia la Rai: per lui si spalancano le porte del Nove, il canale del gruppo Warner Bros Discovery

  • Strage Suviana: recuperato anche il corpo dell'ultimo disperso, sette i morti e cinque feriti, 4 ancora ricoverati

    Strage Suviana: recuperato anche il corpo dell'ultimo disperso, sette i morti e cinque feriti, 4 ancora ricoverati

  • Delitto Aosta: il presunto omicida fermato a Lione era già stato denunciato per violenze dalla 22enne francese

    Delitto Aosta: il presunto omicida fermato a Lione era già stato denunciato per violenze dalla 22enne francese

  • Il mistero dell'omicidio della ragazza francese nella chiesa diroccata in Val D'Aosta, si cerca l'assassino

    Il mistero dell'omicidio della ragazza francese nella chiesa diroccata in Val D'Aosta, si cerca l'assassino

  • Medio Oriente: la minaccia di Israele dell'attacco a Rafah rallenta i negoziati

    Medio Oriente: la minaccia di Israele dell'attacco a Rafah rallenta i negoziati

  • Il Vaticano pubblica Dignitas Infinita: no alla maternità surrogata,  la violenza sulle donne è scandalo globale

    Il Vaticano pubblica Dignitas Infinita: no alla maternità surrogata, la violenza sulle donne è scandalo globale

  • L'Iran minaccia: attacco a Israele inevitabile, ma decideremo come e quando rispondere a Tel Aviv

    L'Iran minaccia: attacco a Israele inevitabile, ma decideremo come e quando rispondere a Tel Aviv