Evade il re dei narcoboss, stato d'emergenza in Ecuador. Evasione da film, era fuggito forse già a Natale, sostituito in cella da un sosia

Evade il re dei narcoboss, stato d'emergenza in Ecuador. Evasione da film, era fuggito forse già a Natale, sostituito in cella da un sosia

Evade il re dei narcoboss, stato d'emergenza in Ecuador. Evasione da film, era fuggito forse già a Natale, sostituito in cella da un sosia Photo Credit: Fotogramma.it


Due boss in fuga e in Ecuador è stato proclamato lo stato di emergenza per 60 giorni su tutto il territorio che prevede il coprifuoco dalle 23 alle 5. Lo annuncia su X l'Ambasciata d'Italia in Ecuador che spiega come sono previste eccezioni per i trasferimenti da e per gli aeroporti per coloro che hanno un volo in partenza o in arrivo

L'incredibile - e indisturbata - fuga dal carcere di un principe del narcotraffico, ennesimo episodio del clima di insicurezza e violenza che ormai da anni attanaglia l'Ecuador, ha spinto il presidente Daniel Noboa a decretare lo stato di emergenza per due mesi su tutto il territorio nazionale. La misura, la prima di questo genere adottata da Noboa, insediatosi al potere a novembre, prevede l'immediato intervento dell'esercito in tutte le prigioni ecuadoriane, un coprifuoco notturno fra le 23 e le 5 del mattino e limitazioni alle libertà di riunione e movimento e alla privacy nelle comunicazioni.

IL BOSS EVASO ALL'INSAPUTA DEL CARCERE

Adolfo Macías, conosciuto come 'Fito', considerato il principale boss del narcotraffico del Paese e leader del gruppo criminale Los Choneros, sembrava "scomparso" dal carcere di massima sicurezza del Litoral di Guayaquil. Fino a ieri la polizia ipotizzava che si fosse "nascosto in qualche zona poco accessibile" della prigione. Il super boss, condannato nel 2011 a 34 anni di carcere per diversi reati, fra cui traffico di droga e omicidio, era invece fuggito, forse già da Natale, facendosi sostituire in cella da un sosia. Immaginabile che tale rivelazione abbia mandato su tutte le furie il capo dello Stato, che aveva fatto della lotta alla violenza e alla corruzione l'emblema della sua vittoriosa campagna elettorale, spingendolo a decretare la misura eccezionale. "E' finito il tempo in cui la criminalità organizzata dettava al governo di turno cosa fare", ha dichiarato Noboa in un breve video diffuso attraverso i suoi canali social. Dopo aver indicato di aver dato "disposizioni chiare e precise" ai comandanti militari e di polizia affinché intervengano nel controllo delle carceri, il capo dello Stato ha chiesto ai cittadini di sostenere le forze dell'ordine chiamate a garantire la convivenza civile. Tuttavia le restrizioni previste dal decreto e la mobilitazione delle forze armate non sono servite, almeno nel primo giorno, a controllare davvero l'ordine pubblico nazionale, perché il Paese - che ormai si è conquistato il primato di più violento dell'America Latina - è stato travolto da un'ondata di violenze, che hanno terrorizzato la popolazione: attentati esplosivi, incendi di veicoli e infrastrutture, rivolte in sei carceri con il sequestro di secondini e agenti di polizia, e blackout elettrici. Secondo la polizia e le autorità locali, gli attacchi hanno riguardato ben sette province: Esmeraldas, Pichincha, Azuay, El Oro, Los Ríos, Loja, Chimborazo e Guayas. Non solo. 

ALTRO NARCOTRAFFICANTE IN FUGA

Le autorità ecuadoriane hanno dovuto ammettere oggi che un altro noto narcotrafficante e leader della banda dei Los Lobos, Fabricio Colón Pico, è riuscito a fuggire, insieme a una trentina di reclusi, dal carcere di Riobamba, nella provincia di Chimborazo, dove era stato rinchiuso appena tre giorni prima. Inoltre, se l'ingresso di 300 soldati dell'esercito nella prigione del Litoral di Guayaquil, da dove è fuggito 'Fito', ha potuto riportare la normalità, così non è stato per altri centri di reclusione, come quello di Turi, dove i detenuti in rivolta hanno sequestrato 49 secondini e 12 persone addette alla cucina. O come ad Ambato, segnato da uno sciopero della fame dei reclusi che hanno sequestrato 15 guardie carcerarie. 


Argomenti

Carceri
Droga
Ecuador
Evasione
Narcotrafficante
Stato d'emergenza

Gli ultimi articoli di Redazione Web

  • Verso le elezioni americane, il 48% voterebbe per Trump, Biden in crisi

    Verso le elezioni americane, il 48% voterebbe per Trump, Biden in crisi

  • La due giorni della Premier in Nord America, Meloni, la sinistra usa Mattarella contro il premierato, ottimi rapporti con il  Colle

    La due giorni della Premier in Nord America, Meloni, la sinistra usa Mattarella contro il premierato, ottimi rapporti con il Colle

  • Formula 1. Gran premio del Bahrain: Verstappen già padrone, brilla Ferrari Sainz

    Formula 1. Gran premio del Bahrain: Verstappen già padrone, brilla Ferrari Sainz

  • Da Myazaki a Scorsese tanti vegliardi agli Oscar. Ottuagenari creativi non gettano la spugna

    Da Myazaki a Scorsese tanti vegliardi agli Oscar. Ottuagenari creativi non gettano la spugna

  • Maltempo in tutta Italia, al nord una delle nevicate più forti degli ultimi anni. Resta l'allerta in Emilia

    Maltempo in tutta Italia, al nord una delle nevicate più forti degli ultimi anni. Resta l'allerta in Emilia

  • New Hit di RTL 102.5: da questa settimana in onda “Ma che idea” dei BNKR44, “Stumblin' In" di Cyril, “100 messaggi” di Lazza e “Doctor (Work it out)” di Miley Cyrus e Pharrell

    New Hit di RTL 102.5: da questa settimana in onda “Ma che idea” dei BNKR44, “Stumblin' In" di Cyril, “100 messaggi” di Lazza e “Doctor (Work it out)” di Miley Cyrus e Pharrell

  • Addio a Paolo Taviani. Con il fratello con Vittorio hanno portato sul grande schermo rigore e impegno civile

    Addio a Paolo Taviani. Con il fratello con Vittorio hanno portato sul grande schermo rigore e impegno civile

  • RTL 102.5 presenta "‘70 ‘80 ‘90 all’ora”: i grandi successi della musica dance mixati dal dj Massimo Alberti

    RTL 102.5 presenta "‘70 ‘80 ‘90 all’ora”: i grandi successi della musica dance mixati dal dj Massimo Alberti

  • Harry privato della scorta personale: "Io a rischio come mia madre"

    Harry privato della scorta personale: "Io a rischio come mia madre"

  • Alessandra Todde a RTL 102.5: “Sono favorevole al voto online così che tutti possono contribuire alla vita della propria regione anche se lontani”

    Alessandra Todde a RTL 102.5: “Sono favorevole al voto online così che tutti possono contribuire alla vita della propria regione anche se lontani”