Fase 2, Giorgia Meloni, sbagliato discriminare tra categorie di lavoratori, c’è il rischio di una bomba sociale

29 aprile 2020, ore 10:52

La leader di Fratelli d’Italia ha spiegato perché nella giornata di ieri i suoi parlamentari hanno manifestato, ha lamentato l’assenza di confronto tra Governo e opposizione e spiegato la contrarietà al Mes

La leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni ha spiegato, su RTL 102.5, le motivazioni della manifestazione di ieri da parte dei parlamentari del suo partito. Negli ultimi giorni sono state diverse le richieste delle persone di scendere in piazza a manifestare dissenso, ma sarebbe stato irresponsabile. “Per questo motivo abbiamo scelto di manifestare solo con i nostri sessanta parlamentari, per poter mantenere le distanze di sicurezza”, ha aggiunto Giorgia Meloni, spiegando di aver svolto la propria funzione di partito politico, nel rappresentare le richieste dei cittadini. Ciascun deputato rappresentava una categoria in sofferenza; dai parrucchieri ai musicisti, dai titolari di centri estetici a baristi, ristoratori, commercianti e micro-imprese. 

Meloni: troppa confusione sulla Fase 2 

Giorgia Meloni ha commentato le decisioni del Governo sulla Fase 2. Secondo la leader di Fratelli d’Italia c’è molta confusione sul tema delle riaperture e, allo stesso tempo, si chiede a diversi settori di restare chiusi un altro mese senza offrire un supporto concreto. Il combinato disposto di chiusura e cassa integrazione di marzo non pagata è ciò che sta terrorizzando le persone. “C’è il rischio che diventi una bomba sociale e bisogna contenerlo con iniziative concrete e ascoltando le richieste dei cittadini”. Giorgia Meloni ha anche risposto a Matteo Salvini, che ha affermato che i problemi non si risolvono con un quarto d’ora in piazza. “Certamente, si risolvono in Parlamento e infatti siamo andati in piazza per chiedere di poter dire la nostra” ha spiegato. Giorgia Meloni ha lamentato, da parte del Governo, l’assenza di confronto con l’opposizione, anche prima della conferenza stampa di Giuseppe Conte di domenica sera. “Se si poteva accettare dopo una settimana, in quanto in piena emergenza, dopo due mesi non è normale che si decida sui diritti fondamentali di milioni di persone senza consultare il Parlamento”. 


Fase 2, Giorgia Meloni, sbagliato discriminare tra categorie di lavoratori, c’è il rischio di una bomba sociale

“Come avrei affrontato le riaperture”

La leader di Fratelli d’Italia ha spiegato come avrebbe affrontato la questione delle riaperture. Una volta stabilita, tramite gli esperti, la possibilità di riaprire, non avrebbe discriminato tra categorie di lavoratori. “Le vite non sono codici ATECO, il Governo deve assumersi la responsabilità di fornire le prescrizioni di sicurezza necessarie affinché si possa lavorare”. Chiunque sia in grado di far rispettare distanza di sicurezza, dispositivi di protezione e operare sanificazione deve poter riaprire. Altrimenti, si condannano interi settori a non riaprire più in base al codice ATECO, ha aggiunto Giorgia Meloni. Altri temi fondamentali sono la lotta alla burocrazia e la velocità nel fornire liquidità. C’è grande urgenza nell’erogare la cassa integrazione, ma l’apparato burocratico è rimasto lo stesso. Infine, sul tema delle risorse Giorgia Meloni ha commentato che “la garanzia al 100% da parte dello Stato, consente alle banche di utilizzarla anche per rientrare dai prestiti pregressi”. 

“No al Mes, è un prestito di soldi già nostri” 

Sull’Unione Europea, Giorgia Meloni ha risposto a Silvio Berlusconi affermando che i veri nazionalisti sono Germania, Francia e gli altri Stati che interpretano l’Europa come una tavola su cui banchettare a spese degli altri. Infine, un commento sul Mes; per la leader di Fratelli d’Italia si tratta di un prestito di soldi già nostri, in quanto l’Italia ha messo 15 miliardi nel Fondo salva-Stati e si è impegnata a investirne ulteriori 125. “Sarebbe più serio riprenderci i nostri soldi e non dover pagare gli interessi a nessuno”, ha aggiunto Giorgia Meloni. Le “condizioni light” dureranno fino alla fine dell’emergenza, intesa come un anno, ha spiegato il direttore generale del Mes Klaus Regling. “Ad oggi questo è quanto affermato dai tedeschi, vedremo quali saranno le condizioni, ma sono certa che si tratti di una trappola e di un rischio”. 


Non Stop News - L'intervista a Giorgia Meloni: coronavirus, fase 2 e le opposizioni

Tags: Coronavirus, Europa, Giorgia Meloni, Mes, Non Stop News

Share this story: