Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Bruxelles: tra una settimana il giudizio dell'Europa sulla manovra, Olanda e Austria sollecitano apertura di una procedura di infrazione
- Roma: manovra, il governo non teme reazione dell'Europa, Salvini ribadisce, grafomani a Bruxelles, non ci muoviamo di un millimetro
- Roma: Tav, il commissario straordinario Foietta avverte, a dicembre le gare le d’appalto o parte il tassametro, pesante danno erariale
- Roma: caso De Falco, il senatore del M5s che ha provocato la battuta d’arresto su decreto Genova, io coerente, non temo espulsione
- Londra: Brexit, il governo britannico ha detto sì alla bozza di intesa, dopo una lunga riunione
- Roma: Istat, record di permessi d'asilo nel 2017, sono stati oltre 101mila, in Italia i cittadini extracomunitari regolari sono 3,7 milioni
- Bari: scommesse illegali on-line controllate dalla mafia, effettuati 68 fermi tra Puglia, Calabria e Sicilia, sequestrato un miliardo di euro
- Canada: Olimpiadi invernali 2026, si sfila Calgary, no dei cittadini canadesi alla candidatura, in corsa Milano-Cortina e Stoccolma
- Calcio: Nations League, l'Italia è in ritiro a Coverciano per preparare il match di sabato a Milano, gli azzurri affronteranno il Portogallo
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
08 novembre 2018

Foto rubate dai social finiscono sui siti porno, cento denunce

Tra i reati che potrebbero essere contestati, oltre alla diffamazione, anche quello di sostituzione di persona

Sarebbero già un centinaio le denunce presentate alla polizia postale di Firenze da ragazze le cui foto, rubate dai profili dei social, sono finite su un sito con contenuti porno. Le foto sarebbero state pubblicate in stanze virtuali ora piene di commenti osceni. Le denunce sarebbero arrivate, e stanno continuando ad arrivare, dopo un servizio in tv. Proprio grazie alla trasmissione, e a un veloce passaparola, molte ragazze fiorentine e non solo, hanno scoperto che le loro foto, normali e innocenti sui social, pubblicate fuori dal loro contesto naturale diventavano ambigue. La polizia postale sta lavorando per capire se è possibile chiudere il sito e risalire a chi ha postato le foto. Tra i reati che potrebbero essere contestati, oltre alla diffamazione, anche quello di sostituzione di persona.

Foto rubate dai social finiscono sui siti porno, cento denunce