Iran, è morto il presidente Raisi. Le reazioni internazionali e le nuove elezioni

Iran, è morto il presidente Raisi. Le reazioni internazionali e le nuove elezioni

Iran, è morto il presidente Raisi. Le reazioni internazionali e le nuove elezioni Photo Credit: AgenziaFotogramma.it


L'elicottero su cui viaggiava si è schiantato per ragioni ancora da accertare, uccidendo anche il Ministro degli Esteri. Entro cinquanta giorni previste nuove elezioni

L’annuncio è arrivato poco prima delle 6 ora italiana. I resti del velivolo, ripartito dall’Azerbaijan, dove il presidente Ebrahim Raisi aveva inaugurato una diga, sono stati trovati carbonizzati, in un’impervia zona di montagna. Le cause dello schianto sono ancora da accertare. Tra le ipotesi, il guasto tecnico e il maltempo. Teheran ha aperto un'inchiesta. A bordo c’erano nove persone, tutte morte, tra cui il ministro degli Esteri Hossein Amir-Abdollahian. I funerali saranno celebrati domani a Tabriz, nel nord-ovest dell’Iran. La guida suprema Ali Khamenei ha annunciato cinque giorni di lutto nazionale, descrivendo Raisi, 63 anni, un "lavoratore instancabile al servizio del popolo e dell'Islam". L'opposizione chiedeva invece che fosse processato per crimini contro l'umanità.


ELEZIONI ENTRO 50 GIORNI

Alla guida del governo nominato ora il vice presidente Mohammad Mokhber, che ha assicurato che non ci saranno interruzioni nel lavoro dell'esecutivo. Al ministero degli esteri arriva invece Ali Bagheri Kani, già capo negoziatore per il programma nucleare di Teheran. Nuove elezioni sono previste entro cinquanta giorni. Le consultazioni che avevano visto vincere Raisi nel 2021 erano state le presidenziali con l’affluenza più bassa nella storia della Repubblica islamica. Un risultato da imputare anche all'esclusione di centinaia di candidati moderati e riformisti, che aveva lasciato il campo agli ultraconservatori. 


LE REAZIONI INTERNAZIONALI

Intanto cordoglio è stato espresso da tutti i leader mondiali. Tra le reazioni, spicca quella di Vladimir Putin, che ha parlato di Raisi come di "un vero amico di Mosca". Il presidente russo ha avuto un colloquio telefonico con Mokhber, sottolineando la volontà di rafforzare ulteriormente l'interazione tra Russia e Iran. Anche Hamas ha espresso condoglianze. "L'amico popolo iraniano dispone di antiche istituzioni capaci di affrontare questa dura prova" ha sostenuto la fazione islamica. Secondo i ribelli Houthi "la morte di Raisi è una perdita per tutto il mondo islamico". Hezbollah ha reso omaggio ad un "protettore dei movimenti di resistenza". Il Libano ha decretato tre giorni di lutto. Cordoglio è stato espresso anche dal Presidente cinese Xi Jinping. "Saremo al fianco dell'Iran" ha scritto su X il presidente turco Erdogan. Proprio un drone di Ankara si era rivelato fondamentale per individuare i resti dell'elicottero. 




Argomenti

Ali Khamenei
Ebrahim Raisi
elicottero
Iran
Mokhber

Gli ultimi articoli di Ludovica Marafini

  • Scuola, lotta del governo ai diplomifici. Per 47 istituti revoca dello status di "paritari"

    Scuola, lotta del governo ai diplomifici. Per 47 istituti revoca dello status di "paritari"

  • Milano, incidente sulla tangenziale nord tra un'auto e un camion. Due ragazzi sono morti

    Milano, incidente sulla tangenziale nord tra un'auto e un camion. Due ragazzi sono morti

  • Stupro a Roma, arrestato Simone Borgese, già condannato per altre violenze

    Stupro a Roma, arrestato Simone Borgese, già condannato per altre violenze

  • Amanda Knox, confermata la condanna per calunnia nei confronti di Patrick Lumumba

    Amanda Knox, confermata la condanna per calunnia nei confronti di Patrick Lumumba

  • Natisone, la Procura indaga per omicidio colposo. Proseguono le ricerche dell'ultimo disperso

    Natisone, la Procura indaga per omicidio colposo. Proseguono le ricerche dell'ultimo disperso

  • Gaza, Hamas potrebbe accettare il piano di Biden. Netanyahu, tregua momentanea per gli ostaggi

    Gaza, Hamas potrebbe accettare il piano di Biden. Netanyahu, tregua momentanea per gli ostaggi

  • Attesa per la sentenza nel processo a Donald Trump. "Da presidente avrei bombardato Russia e Cina"

    Attesa per la sentenza nel processo a Donald Trump. "Da presidente avrei bombardato Russia e Cina"

  • Giulia Tramontano, un anno dopo il delitto Impagnatiello racconta in aula la sua verità

    Giulia Tramontano, un anno dopo il delitto Impagnatiello racconta in aula la sua verità

  • Raid israeliano su un campo profughi a Rafah. Almeno quaranta i morti, centinaia i feriti

    Raid israeliano su un campo profughi a Rafah. Almeno quaranta i morti, centinaia i feriti

  • Maiorca, crolla la terrazza di un ristorante. Quattro i morti e numerosi i feriti

    Maiorca, crolla la terrazza di un ristorante. Quattro i morti e numerosi i feriti