Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Genova: crollo ponte Morandi, premier Conte, ultimo bilancio 38 morti e 15 feriti, sabato funerali di Stato e giornata di lutto nazionale
- Genova: crollo ponte, governo, stato di emergenza per 12 mesi, subito 5 milioni di euro, revoca della concessione ad Autostrade per l'Italia
- Milano: crollo ponte Morandi a Genova, tonfo in Borsa per il titolo Atlantia che controlla il gruppo Autostrade, a picco anche Piazza Affari
- Genova: crollo ponte, Autostrade per l'Italia, pronti a ricostruire il viadotto in 5 mesi, Salvini, chiedano scusa
- Genova: crollo ponte, Procuratore Capo Cozzi, non è stata una fatalità, ma un errore umano
- Genova: crollo ponte, sindaco Bucci, 632 persone sfollate, le case a rischio saranno abbattute
- Aprilia (Lt): cittadino del Camerun ferito da un proiettile sparato da un balcone, i responsabili sono tre ragazzi, denunciati per lesioni aggravate
- Palermo: è morta Rita Borsellino, sorella del magistrato Paolo, ucciso dalla mafia nel 1992, aveva 73 anni
- Calcio: l'Atletico Madrid ha vinto la Supercoppa Europea, sconfitto il Real Madrid 4-2 ai supplementari
16 maggio 2018

Istat, l’Italia è il secondo Paese più vecchio al mondo

Sempre più anziani, continuano a diminuire i bambini, Sud in grave ritardo

L’Italia è un Paese sempre più vecchio, anzi il secondo più vecchio al mondo, dietro il Giappone. L’aspettativa di vita per gli uomini è di 80,6 anni, per le donne arriva a 84,9. Secondo i dati Istat, ogni 100 giovani ci sono 168,7 anziani, una differenza che aumenta e che porta anche a un inevitabile calo demografico. Al 1° gennaio 2018, la popolazione stimata è di 60 milioni e mezzo di residenti, centomila in meno rispetto all’anno prima. Del resto, di bambini ne nascono costantemente di meno. Gli stranieri sono 5 milioni e seicentomila, pari all’8,4% del totale. Oltre a essere anziano, nel rapporto Istat l’Italia appare anche un Paese bloccato: l’ascensore sociale è fermo e così resta fondamentale la dote familiare, in termini di disponibilità economica e posizione di partenza. Le differenze interne restano e si aggravano, con una crisi che è costata trecentomila posti di lavoro al Sud, unica area del Paese a non aver ancora recuperato i livelli occupazionali del 2008. Le aree più dinamiche d’Italia vedono entrambe Milano come motore: una si estende verso Est, fino al Veneto e i confini orientali, l’altra raggiunge la via Emilia.

Istat, l’Italia è il secondo Paese più vecchio al mondo