Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Roma: Governo, 5 Stelle e Lega comunicano al Quirinale il nome del premier scelto, Giuseppe Conte, Di Maio, finalmente nasce la terza Repubblica, pienamente soddisfatti, Salvini, lasceremo ai nostri figli un Paese migliore
- Roma: Governo, Di Maio, il giurista Giuseppe Conte sarà premier politico, è nella mia squadra, votato da 11 milioni di persone
- Chieti: si indaga sull'uomo che ha gettato da un viadotto la figlia e si è suicidato, la moglie morta in circostanze da chiarire, l'uomo non aveva problemi psichici
- Porto Sant'Elpidio (Fm): contadino uccide la moglie di 75 anni al culmine di una lite, usato un fucile da caccia
- Firenze: albero cade su un pullman di turisti durante un nubifragio, ci sono 5 feriti, nessuno grave
- Roma: dati Frontex, in un anno il numero di migranti arrivati via mare in Italia è calato del 78%
- Venezuela: Nicolas Maduro rieletto Presidente, guiderà il Paese sudamericano per altri sei anni, ma l'opposizione denuncia brogli nelle elezioni
- Roma: sondaggio Eurostat, la città eterna è all'ultimo posto nella classifica della pulizia delle capitali europee
- Calcio: Massimiliano Allegri guiderà la Juve anche nella prossima stagione, Buffon verso il Paris St.Germain
- Calcio: ancora dubbi sul futuro di Maurizio Sarri a Napoli, per l'allenatore ci sarebbe una offerta dello Zenit San Pietroburgo
16 maggio 2018

Istat, l’Italia è il secondo Paese più vecchio al mondo

Sempre più anziani, continuano a diminuire i bambini, Sud in grave ritardo

L’Italia è un Paese sempre più vecchio, anzi il secondo più vecchio al mondo, dietro il Giappone. L’aspettativa di vita per gli uomini è di 80,6 anni, per le donne arriva a 84,9. Secondo i dati Istat, ogni 100 giovani ci sono 168,7 anziani, una differenza che aumenta e che porta anche a un inevitabile calo demografico. Al 1° gennaio 2018, la popolazione stimata è di 60 milioni e mezzo di residenti, centomila in meno rispetto all’anno prima. Del resto, di bambini ne nascono costantemente di meno. Gli stranieri sono 5 milioni e seicentomila, pari all’8,4% del totale. Oltre a essere anziano, nel rapporto Istat l’Italia appare anche un Paese bloccato: l’ascensore sociale è fermo e così resta fondamentale la dote familiare, in termini di disponibilità economica e posizione di partenza. Le differenze interne restano e si aggravano, con una crisi che è costata trecentomila posti di lavoro al Sud, unica area del Paese a non aver ancora recuperato i livelli occupazionali del 2008. Le aree più dinamiche d’Italia vedono entrambe Milano come motore: una si estende verso Est, fino al Veneto e i confini orientali, l’altra raggiunge la via Emilia.

Istat, l’Italia è il secondo Paese più vecchio al mondo