La banda del buco scoperta a Napoli, passava dalle fogne e accumulava ricchezze

La banda del buco scoperta a Napoli, passava dalle fogne e accumulava ricchezze

La banda del buco scoperta a Napoli, passava dalle fogne e accumulava ricchezze Photo Credit: Fotogramma.it


Sono scattate le manette per 9 rapinatori. Il giudice, nell'ordinanza di custodia cautelare ha sottolineato l'impressionante scaltrezza, l'elevata professionalità e la spregiudicatezza degli appartenenti all'associazione

Capi di abbigliamento, cellulari, attrezzi da lavoro. Anche opere d'arte e catalizzatori d'auto: tutto faceva brodo per la "banda del buco" napoletana sgominata dai carabinieri che oggi hanno notificato cinque arresti in carcere e quattro ai domiciliari. Passando dalle fogne sbucavano da pavimenti e mura mettendo a segno furti di ingente valore nel cuore della città. A farne parte sarebbero state 14 persone, ma solo per nove sono state notificate misure cautelari. Due i furti, piuttosto eclatanti, contestati agli indagati, anche se la Procura si sta concentrando su altri episodi che sembrano avere la stessa paternità. Il primo in noto negozio di abbigliamento nel quale sono stati trafugati - e poi recuperati dalle forze di polizia - scarpe e abbigliamento per 173mila euro; il secondo alla biblioteca storica dell'ex complesso ospedaliero Gesù e Maria dove sono stati trafugati oggetti d'interesse storico-culturale, tra cui una statua, cimeli e testi antichi. Il gip di Napoli Giovanni Vinciguerra ha sottolineato, nella sua ordinanza, l'impressionante "scaltrezza, l'elevata professionalità e la spregiudicatezza degli appartenenti all'associazione".

IL RICCO BOTTINO

E le indagini giustificano gli aggettivi del giudice, visto cosa è stato recuperato dagli investigatori: gruppi elettrogeni silenziosi, jammer per silenziare gli allarmi, sega taglia cemento, martelli pneumatici e lampade a lunga durata. L'occorrente per scavare per mesi. E i bottini, ricettati, hanno fruttato sempre ingenti guadagni. A dare avvio alle indagini sono stati i condomini di un palazzo storico: attraverso un tombino che si trova nell'androne, i ladri si introducevano nel sottosuolo spacciandosi per operai. La banda, costretta a rinunciare ad un colpo "grosso" dopo aver sentito il fiato sul collo delle forze dell'ordine,  non si perde d'animo e decide di dedicarsi anche ai furti dei catalizzatori d'auto: contengono metalli preziosi come platino, palladio e rodio, che valgono 10 volte più dell'oro e che fruttano anche mille euro a pezzo. Vengono organizzate missioni anche fuori regione e compiono una decina di furti, in varie città del centro nord, tra le province di Roma, Ancona, Firenze e Bologna. 

IL COLPO SFUMATO

La banda stava anche progettando un clamoroso furto in un Apple Store di Napoli che si trova in piazza Carità, a pochi passi dalla caserma che ospita il Comando Provinciale dei carabinieri. I militari li tengono sotto controllo mentre i ladri, a loro volta, controllano i movimenti delle forze dell'ordine, anche camuffandosi da semplici cittadini che portano a spasso i cani. "Abbiamo quasi fatto là... un magazzino enorme, 5-600 telefoni", dice uno dei ladri in una intercettazione. Il negozio preso di mira è piuttosto piccolo, ma i depositi sotterranei - cui la banda voleva accedere scavando nel sottosuolo - sono capienti. Il furto all'Apple Store, però, sfuma. Uno degli arrestati, che svolgeva la mansione di scavatore e basista, lavorava, saltuariamente, anche in un bar vicino alla caserma. E' lui a mettere in guardia i complici indicando la fitta presenza dei militari in zona. 


Argomenti

Arresto
Banda
Bottino
Napoli
Rapinatori

Gli ultimi articoli di Redazione Web

  • Maltempo: sull'Italia è arrivato il ciclone tirrenico, pioggia fino al week end, disagi in Liguria e Toscana

    Maltempo: sull'Italia è arrivato il ciclone tirrenico, pioggia fino al week end, disagi in Liguria e Toscana

  • Giuseppe Valditara a RTL 102.5: “Mai parlato del divieto di utilizzo dei tablet, ma non sostituisca carta e penna”

    Giuseppe Valditara a RTL 102.5: “Mai parlato del divieto di utilizzo dei tablet, ma non sostituisca carta e penna”

  • Al via le gare di Moto Gp, Formula Uno e non solo. In Bahrain e Qatar i primi appuntamenti

    Al via le gare di Moto Gp, Formula Uno e non solo. In Bahrain e Qatar i primi appuntamenti

  • AAA cercasi super fan di Taylor Swift per il Victoria and Albert museum per il ruolo di consulente

    AAA cercasi super fan di Taylor Swift per il Victoria and Albert museum per il ruolo di consulente

  • Dargen D'Amico presenta “Ciao America” a RTL 102.5: «Ho una cifra molto italiana ma declinata in stile hip hop»

    Dargen D'Amico presenta “Ciao America” a RTL 102.5: «Ho una cifra molto italiana ma declinata in stile hip hop»

  • Il 10% degli adolescenti ha disturbi social, ma soffrono anche di ansia e dipendenza da videogames

    Il 10% degli adolescenti ha disturbi social, ma soffrono anche di ansia e dipendenza da videogames

  • L’Eurovision si avvicina. Loredana Bertè, i Jalisse e Marcella Bella si sfidano per rappresentare San Marino

    L’Eurovision si avvicina. Loredana Bertè, i Jalisse e Marcella Bella si sfidano per rappresentare San Marino

  • New Hit di RTL 102.5: da questa settimana in onda “Lonely Dancers” di Conan Gray e “Love On” di Selena Gomez

    New Hit di RTL 102.5: da questa settimana in onda “Lonely Dancers” di Conan Gray e “Love On” di Selena Gomez

  • "Tu come stai?”: la nuova rubrica di RTL 102.5 dedicata al benessere

    "Tu come stai?”: la nuova rubrica di RTL 102.5 dedicata al benessere

  • “Sinceramente” di Annalisa è la canzone vincitrice della classifica "RTL 102.5 #Radiofestival" 2024, l’artista ha ricevuto il premio in diretta negli studi di RTL 102.5

    “Sinceramente” di Annalisa è la canzone vincitrice della classifica "RTL 102.5 #Radiofestival" 2024, l’artista ha ricevuto il premio in diretta negli studi di RTL 102.5