Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
-
-
- Roma: oggi al via gli esami di maturità per 500mila studenti, si comincia con il tema di italiano
- Calcio: Michel Platini fermato in Francia, interrogato nell'inchiesta sulla presunta corruzione per l'assegnazione dei mondiali, è stato rilasciato in nottata
- Calcio: inchiesta sull'assegnazione al Qatar dei Mondiali 2022, Platini respinge le accuse di corruzione, sono estraneo ai fatti
- Brescia: un bambino di un anno è ricoverato in gravi condizioni, avrebbe ingerito cocaina, medici, sta migliorando
- Roma: Andrea Camilleri in rianimazione, gravi ma stabili le condizioni dello scrittore, i medici, ha una fibra forte
- Napoli: premier Giuseppe Conte, recuperato clima di fiducia con Salvini e Di Maio dopo toni veementi della campagna elettorale
- Gran Bretagna: il ministro Tria torna a bocciare i minibond, strumento illegale, Salvini, le tasse vanno abbassate
- Portogallo: simposio delle banche centrali, presidente della Bce Draghi, rischio inflazione, Eurozona resta debole
- Roma: Istat, 1, 8 milioni di famiglie italiane vivono in povertà assoluta, pari a circa 5 milioni di persone
- Calcio: mondiali femminili, Italia-Brasile 0-1, azzurre qualificate agli ottavi come prime del girone
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
13 giugno 2019

Migranti, si riaccende il duello fra Ong e Governo

La Sea Watch 3 non vuole attraccare a Tripoli, Salvini: “Se nave non obbedisce avrà conseguenze”. Intanto ancora frizioni nella maggioranza

E’ di nuovo scontro sulla Sea Watch 3, la nave con a bordo 52 migranti soccorsi al largo della Libia, perché Tripoli si è offerta per la prima volta di riprenderli, ma l'organizzazione umanitaria rifiuta di riportarli indietro, in quanto la capitale libica non sarebbe un porto sicuro: “E’ una vergogna dell’Italia e dell’Unione europea”. Dura la replica del ministro dell’Interno Matteo Salvini, secondo il quale “l'atteggiamento della Sea Watch sembra un sequestro di persona per motivi politici, e l’ong polemizza col Viminale sulla pelle degli immigrati”. Tutto quando continua il pressing dell’Europa sui nostri conti pubblici mentre il ministro dell’Economia Giovanni Tria nega liti con Salvini sulla flat tax, ma la maggioranza si spacca ancora su Radio Radicale, per salvarla la Lega difatti vota l’emendamento Pd, e il leader 5s Luigi Di Maio si infuria: “Un atto gravissimo, il Carroccio ne risponderà davanti al Paese”. Ma non basta. Salta anche il voto in Vigilanza Rai sul doppio incarico al presidente Foa, nominato pure presidente di RaiCom. Lega e M5s non hanno trovato l'accordo e hanno fatto mancare il numero legale. ​

Migranti, si riaccende il duello fra Ong e Governo