Oggi si celebra la Giornata Mondiale del Latte, alimento evergreen, gli europei sono al top per i consumi

01 giugno 2021, ore 08:00 , agg. alle 12:19

Il World Milk Day è stato istituito venti anni, nel 2001 dalla Fao, dedicato al latte vaccino, ma non solo; i popoli del nord Europa sono i consumatori più assidui; in Cina, vendita di panna alle stelle

Oggi il 1° giugno ricorre il World Milk Day, la Giornata Mondiale del Latte, istituita dalla Fao, l’ente delle Nazioni Uniti per l’agricoltura e l’alimentazione: il latte, alimento di origine animale, viene considerato da sempre una vera e propria miniera nutrizionale per la presenza, nella sua composizione, di lipidi, proteine, sali minerali solubili, carboidrati, sostanze azotate non proteiche, vitamine idrosolubili, enzimi. L’Italia è il quinto Paese produttore europeo di latte vaccino, dopo Germania, Francia, Regno Unito e Paesi Bassi. Oltre al latte vaccino sono utilizzati nell’alimentazione umana quelli di pecora, di capra, di bufala e d’asina, caratterizzati da proprietà nutritive diverse e dalla presenza di percentuali di grassi diverse.

Europei, primi nel mondo per consumo di latte

Secondo Assolatte, i popoli del Nord Europa consumano latte in grandi quantità; guardando la classifica del consumo annuale pro capite, si scopre che svettano gli estoni (121 kg a testa) seguiti dagli irlandesi (con 113 kg), finlandesi (104 kg), inglesi (97 kg), danesi (80 kg), austriaci (74 kg) e svedesi (74 kg). Gli italiani, fino al 2019 hanno consumato meno latte, poi, durante il lockdown, si è assistito a un incremento nell’acquisto di molti prodotti caseari, tra cui il latte fermentato e lo yogurt.

Boom nel mercato cinese per la panna

I derivati del latte conquistano la Cina; in particolare nel mercato asiatico spopola la panna, base anche per preparare tante pietanze italiane. Assolatte sottolinea che, dopo i numeri lusinghieri dell'export 2020 (+145%), la panna continua a conquistare estimatori nel mercato cinese  (+600%) in questo inizio d’anno.

Dagli esperti arrivano diversi consiglio d’uso.

Il primo consiglio è di assumere, ogni giorno, due porzioni di latticini, inclusa la colazione del mattino a base di latte o yogurt . I nutrizionisti spiegano che è fondamentale consumare da 2 a 3 porzioni di latte o latticini al giorno per garantire al nostro organismo il giusto apportano di nutrienti essenziali che l’organismo umano non è in grado di sintetizzare. Due o tre volte alla settimana, va inserito nella dieta, una porzione di formaggio come secondo piatto che può costituire una valida alternativa a una porzione di carne da 120 grammi o di 2 uova. Ma gli esperti sottolineano che, poiché i formaggi sono ricchi di colesterolo, è necessario equilibrare la dieta. Il formaggio stagionato può essere utilizzato grattugiato per insaporire i primi piatti al posto del sale. Semaforo verde anche per chi segue una dieta dimagrante: due o tre volte a settimana, via libera a una porzione di formaggio fresco perché, a parità di peso con quello stagionato, ha un valore calorico più basso. Il latte non è più vietato neppure a chi è intollerante al lattosio grazie ai prodotti lattiero-caseari delattosati, che mantengono intatte tutte le proprietà del latte e che sono assimilabili anche da chi è intollerante al lattosio.


Oggi si celebra la Giornata Mondiale del Latte, alimento evergreen,  gli europei sono al top per i consumi
Tags: Fao, Latte, WorldMilkDay

Share this story: