Sofia Goggia torna sul podio in una gara di coppa del mondo, seconda nella discesa libera della val d'Isere

18 dicembre 2020, ore 15:15 , agg. alle 15:31

Sofia Goggia si è piazzata alle spalle della svizzera Suter nella discesa libera in Val d'Isere; fuori Federica Brignone, brutta caduta ma senza gravi conseguenze per l'austriaca Schmidhofer

L’attesa è durata un anno e dieci mesi; in mezzo c’è stato anche un brutto infortunio alla mano. Ora Sofia Goggia è tornata ad assaporare il gusto del podio in un gara di coppa del mondo. La sciatrice bergamasca si è piazzata al secondo posto nella discesa libera femminile della Val d’Isere, in Francia. L’ultimo suo acuto è datato 23 febbraio 2019, vittoria a Crans Montana, in Svizzera. Per la Goggia questo è il ventottesimo podio in coppa del mondo, il tredicesimo in discesa libera.

VITTORIA SFIORATA

Quella sulle Alpi francesi è stata una gara emozionante, con numerosi colpi di scena. La vittoria è andata alla svizzera Corinne Suter. La Goggia ha sfiorato il successo, poi sfumato per soli undici centesimi di secondo. Peccato perché la sua discesa non è stata priva di sbavature, senza le quali il primo posto sarebbe stato alla sua portata. Sofia è comunque parsa soddisfatta nelle sue dichiarazioni dopo la gara: “Penso di aver disputato un ottima difesa a livello di atteggiamento, l’ho sciata tutta all’attacco. Purtroppo ho commesso un errore, è stato un po’ un rischio inutile nella parte finale ma fortunatamente sono riuscita a stare in piedi dove tante sono cadute. Penso che senza quell’errore avrei potuto ambire alla vittoria, però per oggi va bene così. È già una fortuna uscire illesa da un numero del genere. È la conferma che ci sono, che è giusta la direzione del lavoro che ho intrapreso”. 

EMOZIONI E CADUTE

Sofia Goggia ha rischiato di cadere, altre concorrenti sono finite fuori gara: tra queste la detentrice della coppa del mondo assoluta Federica Brignone. Fuori nello stesso punto anche la Haehlen e la McKennis. Attimi di apprensione poi per la sciatrice austriaca Nicole Schmidhofer: all’atterraggio di un salto è finita a oltre 100 all’ora contro le reti e le ha sfondate: secondo la federazione austriaca non ha subìto infortuni gravi anche se è comunque stata portata in ospedale per controlli più approfonditi, specie al ginocchio sinistro, che ha preso un colpo molto forte. Ma vista la dinamica della sua caduta, la Schidhofer può dirsi fortunata.


Sofia Goggia torna sul podio in una gara di coppa del mondo, seconda nella discesa libera della val d'Isere

UOMINI IN VAL GARDENA

Sulla mitica pista Saslong della Val Gardena è invece andato in scena il Super G maschile. A fare la voce grossa, ancora una volta, sono stati i norvegesi. La vittoria è andata ad Aleksander Aamodt Kilde, detentore della Coppa del Mondo, mentre terzo si è piazzato Kjetil Jansrud. È la decima vittoria dei norvegesi a Santa Cristina dal 2010 a oggi, tra superG e discesa. Tra i due scandinavi è riuscito a infilarsi lo svizzero Mauro Caviezel, già vincitore in superG nello scorso weekend a Val d’Isère. Lontani dal podio gli azzurri: il migliore è risultato Dominik Paris, 12°, mentre Innerhofer e Buzzi sono finiti oltre il 20° posto. Lo svizzero Marco Odermatt, nono, si è ripreso la leadership della Coppa del Mondo generale con 290 punti contro i 276 di Alexis Pinturault, assente in Val Gardena e atteso domenica in Alta Badia per il gigante e, lunedì, per lo slalom. Domani sulla Saslong della Val Gardena è in programma la discesa libera, appuntamento alle 11.45. 


Tags: coppa del mondo, discesa libera, sci, Sofia Goggia, val d'Isere

Share this story: