Tra oligarchi sanzionati in GB anche la figliastra di Lavrov. Il ministro degli esteri resta sulle sue e accusa l’Occidente di russofobia

24 marzo 2022, ore 14:00

Nella lista aggiornata dei bersagli delle sanzioni anti Mosca imposte dal governo di Boris Johnson c’è anche la figlia dell’attuale compagna del ministro degli esteri russo

Il pugno duro di BoJo si abbatte su più di 1000 fra individui e aziende ritenuti in un modo o nell'altro legati al sistema di potere del presidente Vladimir Putin. C'è anche il nome della 26enne Polina Kovaleva, titolare di un appartamento di lusso a Londra e additata dal governo britannico come figlia di primo letto dell'attuale compagna del ministro degli Esteri russo, Serghei Lavrov, nella lista delle sanzioni anti Mosca imposte dal governo di Boris Johnson in risposta all'invasione dell'Ucraina e di concerto con Usa, Ue e Canada. La ministra degli Esteri, Liz Truss, sottolinea che nell’elenco dei nuovi sanzionati ci sono banche e imprese finora non colpite. Anche la società di arruolamento di mercenari Wagner Group, la figliastra del ministro degli Esteri Lavrov e il ceo della maggiore banca della Russia.

L’INCONTRO A MOSCA CON CROCE ROSSA INTERNAZIONALE

A un mese dall’inizio del conflitto russo-ucraino il capo della Croce Rossa internazionale Peter Maurer è volato a Mosca per incontrare il ministro degli esteri russo Sergei Lavrov. Davanti a un Paese intero sotto le bombe, attacchi contro i civili, milioni di persone in fuga, più di 120 bambini uccisi, quasi mille i morti totali, la conclusione di Maurer è semplice “Non è possibile creare dei corridoi umanitari per le città assediate in Ucraina senza un accordo sul campo, un accordo con i militari”.

L’EMERGENZA UMANITARIA E L’IMPEGNO DI LAVROV

La Russia è interessata ad eliminare gli ostacoli per risolvere i problemi umanitari in Ucraina. Lo ha detto il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov, come riporta Interfax. "Siamo interessati a trovare soluzioni a questi problemi, che si stanno accumulando in Ucraina, e ad eliminare le barriere all'evacuazione dei civili e alla consegna degli aiuti umanitari", ha detto Lavrov in apertura dei colloqui con il presidente del Comitato Internazionale della Croce Rossa Maurer.

Tra oligarchi sanzionati in GB anche la figliastra di Lavrov. Il ministro degli esteri resta sulle sue e accusa l’Occidente di russofobia

LAVROV DENUNCIA OCCIDENTE E KIEV

Il ministro Lavrov è tornato ad accusare l’Occidente di portare avanti la russofobia. Poi l’attacco a Kiev “Oggi abbiamo parlato del lato politico delle cose. Di come le autorità di Kiev e i nazionalisti che controllano vari insediamenti stanno cercando di impedire ai civili di uscire liberamente, cercando di usarli come scudi umani, piazzando armi pesanti nei quartieri urbani e commettendo altre azioni che contraddicono direttamente il diritto umanitario internazionale".

Tags: Boris Johnson, Croce Rossa Internazionale, Gran Bretagna, Peter Maurer, Sanzioni, Serghej Lavrov

Share this story: