Vacanze: le 3 cose da evitare quando si parte per una meta esotica

Vacanze: le  3 cose da evitare quando si parte per una meta esotica

Vacanze: le 3 cose da evitare quando si parte per una meta esotica


Attenzione agli acquisti fatti sulla spinta delle emozioni, limitare il “tour de force” del turista e niente eccessi a tavola

E’ arrivato il tempo delle vacanze. E quest’anno, dopo tanto pensare, si parte per una meta esotica. Evviva! Ecco alcuni consigli e riflessioni per evitare problemi di ogni sorta  quando si varcano i confini per raggiungere mete esotiche.


Attenzione agli acquisti fatti sulla spinta emotiva

Prima di comprare qualcosa è bene controllare subito il luogo di produzione, per non rischiare di tornare a casa con un prodotto realizzato, ad esempio, in Cina o sull’isola di Taiwan. Non che ci sia nulla di male ma se l’idea è quella di legare l’oggetto alla vacanza, intesa come ricordo del luogo, si suggerisce di verificare esattamente l’origine della merce. Attenzione anche alla qualità, soprattutto se l’acquisto viene fatto in un mercatino o in un piccolo negozio artigianale. Infine, è meglio non senza farsi prendere dalla frenesia del souvenir. Per lo shopping oltre al portafoglio è bene usare la testa.


Occhi aperti a tavola

Non bisogna fidarsi dell’apparenza. Un alimento che cattura la nostra attenzione per l’aspetto potrebbe non essere sicuro. E’ sempre meglio, comunque, mangiare solo cibi cotti e informarsi in merito alle pietanze che compongono un piatto, spezie comprese. Potrebbero essere contaminati gli alimenti venduti in strada e/o acquistati in luoghi in cui potrebbero essere carenti le misure igieniche. Dunque, occhi aperti anche su dove si mangia.  Ed è assolutamente da evitare l’assunzione di liquidi da fonti di incerta sicurezza. Non bisogna mai bere direttamente dal rubinetto e occorre anche prestatare attenzione all'acqua servita nelle caraffe.


Evitare la "sindrome di Superman"

Quando ci si trova in una meta esotica è bene non farsi prendere dalla frenesia. Le energie non sono inesauribili, vanno utilizzate pensando a tutta la vacanza nel suo complesso, senza arrivare spompati agli ultimi giorni. Non si possono fare tutte le escursioni, tutte le attività proposte o vedere tutti i luoghi più remoti del posto. Occorre fare delle scelte, altrimenti la vacanza diventa una corsa continua. Da evitare il rischio stress causato dal “tour de force” al quale ci si sottopone per  sfruttare al massimo, e fino all'ultimo minuto,  un viaggio così costoso e così distante, in particolare se non ci sono giorni “cuscinetto” tra la data del rientro e il ritorno al lavoro.




Argomenti

Agenzia Fotogramma
meta esotica
rischi vacanze
viaggio
pericoli a tavola
Vacanza

Gli ultimi articoli di Alessandra Giannoli

  • La Corte internazionale di giustizia dell’Aja ordina a Israele lo stop dell’offensiva a Rafah

    La Corte internazionale di giustizia dell’Aja ordina a Israele lo stop dell’offensiva a Rafah

  • Secondo fonti russe il presidente Putin sarebbe pronto a un cessate il fuoco in Ucraina, il Cremlino smentisce

    Secondo fonti russe il presidente Putin sarebbe pronto a un cessate il fuoco in Ucraina, il Cremlino smentisce

  • Un cambio di Europa è possibile, così Giorgia Meloni all’evento di Vox a Madrid

    Un cambio di Europa è possibile, così Giorgia Meloni all’evento di Vox a Madrid

  • Terminata la visita di Papa Francesco a Verona, una giornata densa di appuntamenti

    Terminata la visita di Papa Francesco a Verona, una giornata densa di appuntamenti

  • Chico Forti in Italia, non vedo l’ora di riabbracciare mia madre

    Chico Forti in Italia, non vedo l’ora di riabbracciare mia madre

  • All’età di 68 anni è morto a Roma il giornalista Franco di Mare, da tempo era  malato di cancro

    All’età di 68 anni è morto a Roma il giornalista Franco di Mare, da tempo era malato di cancro

  • Maltempo in Veneto, il governatore Zaia parla di danni ingentissimi

    Maltempo in Veneto, il governatore Zaia parla di danni ingentissimi

  • Attentato al premier slovacco:  Robert Fico in coma farmacologico, non è in pericolo di vita

    Attentato al premier slovacco: Robert Fico in coma farmacologico, non è in pericolo di vita

  • Si intensifica l’offensiva russa in Ucraina, evacuazioni a Kharkiv

    Si intensifica l’offensiva russa in Ucraina, evacuazioni a Kharkiv

  • Camila Giorgi irreperibile dopo il ritiro, la tennista potrebbe essere negli Stati Uniti

    Camila Giorgi irreperibile dopo il ritiro, la tennista potrebbe essere negli Stati Uniti