Venezia rilancia il cinema italiano, merito e budget. Garrone, De Angelis, Costanzo, Diritti, Castellitto e Sollima

Venezia rilancia il cinema italiano, merito e budget. Garrone, De Angelis, Costanzo, Diritti, Castellitto e Sollima

Venezia rilancia il cinema italiano, merito e budget. Garrone, De Angelis, Costanzo, Diritti, Castellitto e Sollima Photo Credit: Fotogramma.it


I party, nonostante le defezioni sindacali di molte star americane, saranno numerosi per una edizione che festeggia gli 80 anni della Mostra del cinema di Venezia. Confermata da Giorgio Armani la sfilata all'Arsenale del 2 settembre One Night Only e il galà charity dell'amfAR il 3 settembre a La Misericordia che onorerà Ava DuVernay e avrà Rita Ora e Leona Lewis ospiti speciali

Sei film in concorso a Venezia sono tanti, ma nessuna autarchia come ha ricordato a luglio il direttore artistico Alberto Barbera alla conferenza stampa di presentazione dell'80/ma edizione (30 agosto - 9 settembre), casomai merito e anche l'ambizione di mettere in campo produzioni importanti capaci di sfidare alla pari quelle internazionali. Insomma una sorta di orgoglio italiano: "Due esempi su tutti dal punto di vista produttivo, il film di Costanzo ('Finalmente l'alba') - ha sottolineato il direttore della Mostra del cinema - ha un budget di 28 milioni di euro e Comandante di De Angelis tra i 16 e i 17 mln. Insomma un rischio consapevole da parte dei produttori italiani di consolidare il nostro cinema che in questi anni ha avuto tante difficoltà a confrontarsi con i prodotti internazionali. E questo proprio perché si rischiava meno. Le mostre autarchiche a Venezia - ha sottolineato Barbera - ci sono state, sono quelle del '39, del '40 e del '41 quando non c'erano né francesi, né inglesi, ma solo film italiani e tedeschi, solo opere dell'Asse".

LE PELLICOLE ITALIANE

Tra le altre cose poi sei film in concorso al Lido non sono neppure un record assoluto, era già accaduto nel 1968 quando scesero in campo a Venezia: 'Diario di una schizofrenica' di Nelo Risi, 'Fuoco' di Gian Vittorio Baldi, 'Galileo' di Liliana Cavani, 'Nostra signora dei Turchi' di Carmelo Bene, 'Partner' di Bernardo Bertolucci e 'Teorema' di Pier Paolo Pasolini. Questi comunque i sei film italiani in gara partendo dal più costoso, ovvero Finalmente l'alba di Saverio Costanzo, un'opera che guarda alla Roma-Hollywood degli anni Cinquanta. Qui un'aspirante attrice e prossima al fidanzamento si reca negli studi di Cinecittà per fare un provino. Ore memorabili, un vero e proprio passaggio all'età adulta in una ricostruzione dell'epoca piena inevitabilmente di suggestioni felliniane. C'è poi il film d'apertura, Comandante di Edoardo De Angelis, ambientato durante la Seconda Guerra Mondiale con Pierfrancesco Favino nei panni dell'eroe di guerra Salvatore Todaro, comandante del sommergibile Cappellini della Regia Marina. Esempio di eroismo italico e di una solidarietà antica che fa sì che Todaro salvi dei marinai, da lui stesso affondati, rischiando nave ed equipaggio. Il film è stato già oggetto di polemiche, che potrebbero riscoppiare, per la partecipazione di Todaro alla X Mas. Altro film di cui non si mancherà di parlare è Io Capitano, (11,2 mln di budget) di Matteo Garrone, sul tema dell'emigrazione. Nessun intento politico da parte del regista, ma è inevitabile che l'odissea di questi due ragazzi partiti dal Senegal per approdare in Europa sarà analizzata e giudicata in ogni sua parte. Anche in Lubo di Giorgio Diritti, budget di 7,4 mln, c'è un'anima politica con la storia di un giovane jenisch (Franz Rogowski), ovvero un nomade e artista di strada che nel 1939 viene chiamato nell'esercito elvetico a difendere i confini nazionali. Fin qui niente di strano se a un certo punto l'uomo non scoprisse che i figli gli sono stati requisiti dall'Opera 'Bambini della strada', organizzazione con la volontà di sradicare la piaga del nomadismo. Tra i film più costosi anche Adagio di Stefano Sollima, poco meno di 12 milioni di budget, una storia di vendetta e redenzione con protagonista Manuel, ragazzo di sedici anni che cerca di godersi la vita mentre si prende cura dell'anziano padre (Toni Servillo). Nel cast anche degli irriconoscibili Pierfrancesco Favino, Adriano Giannini e Valerio Mastandrea. Anche per Enea di Pietro Castellitto, un budget di 8,2 mln di euro per la storia di una ricca famiglia borghese sotto lo sguardo stralunato e nichilista del regista romano nei panni di un giovane viziato e filosofo diviso tra circolo, rave borghesi e spaccio di cocaina. Nel cast anche Benedetta Porcaroli. 

ITALIA TRA SEZIONI E FUORI CONCORSO

Infine, tra gli altri film italiani nelle varie sezioni, troviamo ad Orizzonti Extra l'esordio alla regia di Micaela Ramazzotti con Felicità, anche qui una famiglia disfunzionale, ma questa volta poco abbiente. La Ramazzotti veste i panni di una truccatrice di cinema con un fratello problematico e un amante professore (Sergio Rubini) che la maltratta. Sempre ad Orizzonti, c'è poi Invelle di Simone Massi, film d'animazione che racconta una storia d'Italia vista dal basso, e Una sterminata domenica di Alain Parroni ovvero una sorta di "manifesto di una generazione perduta" come lo ha definito Barbera. Fuori concorso The Penitent di Luca Barbareschi, adattamento cinematografico dal testo del drammaturgo Premio Pulitzer David Mamet, interpretato dallo stesso regista e da Catherine McCormack, Adam James e Adrian Lester. Infine L'ordine del tempo, ultimo film di Liliana Cavani, Leone alla carriera, con la storia di un gruppo di amici di vecchia data, che ogni anno si ritrova nella stessa villa sul mare per festeggiare il compleanno di uno di loro. Durante i festeggiamenti la comitiva apprende che il mondo potrebbe finire nel giro di poche ore. Megacast con Alessandro Gassmann, Claudia Gerini, Edoardo Leo, Ksenia Rappoport, Richard Sammel, Valentina Cervi, Fabrizio Rongione, Francesca Inaudi, Angeliqa Devi, Mariana Tamayo, Alida Calabria e Angela Molina.


Argomenti

80° Mostra del Cinema di Venezia
Cinema
Italia
Laguna

Gli ultimi articoli di Redazione Web

  • Verso le elezioni americane, il 48% voterebbe per Trump, Biden in crisi

    Verso le elezioni americane, il 48% voterebbe per Trump, Biden in crisi

  • La due giorni della Premier in Nord America, Meloni, la sinistra usa Mattarella contro il premierato, ottimi rapporti con il  Colle

    La due giorni della Premier in Nord America, Meloni, la sinistra usa Mattarella contro il premierato, ottimi rapporti con il Colle

  • Formula 1. Gran premio del Bahrain: Verstappen già padrone, brilla Ferrari Sainz

    Formula 1. Gran premio del Bahrain: Verstappen già padrone, brilla Ferrari Sainz

  • Da Myazaki a Scorsese tanti vegliardi agli Oscar. Ottuagenari creativi non gettano la spugna

    Da Myazaki a Scorsese tanti vegliardi agli Oscar. Ottuagenari creativi non gettano la spugna

  • Maltempo in tutta Italia, al nord una delle nevicate più forti degli ultimi anni. Resta l'allerta in Emilia

    Maltempo in tutta Italia, al nord una delle nevicate più forti degli ultimi anni. Resta l'allerta in Emilia

  • New Hit di RTL 102.5: da questa settimana in onda “Ma che idea” dei BNKR44, “Stumblin' In" di Cyril, “100 messaggi” di Lazza e “Doctor (Work it out)” di Miley Cyrus e Pharrell

    New Hit di RTL 102.5: da questa settimana in onda “Ma che idea” dei BNKR44, “Stumblin' In" di Cyril, “100 messaggi” di Lazza e “Doctor (Work it out)” di Miley Cyrus e Pharrell

  • Addio a Paolo Taviani. Con il fratello con Vittorio hanno portato sul grande schermo rigore e impegno civile

    Addio a Paolo Taviani. Con il fratello con Vittorio hanno portato sul grande schermo rigore e impegno civile

  • RTL 102.5 presenta "‘70 ‘80 ‘90 all’ora”: i grandi successi della musica dance mixati dal dj Massimo Alberti

    RTL 102.5 presenta "‘70 ‘80 ‘90 all’ora”: i grandi successi della musica dance mixati dal dj Massimo Alberti

  • Harry privato della scorta personale: "Io a rischio come mia madre"

    Harry privato della scorta personale: "Io a rischio come mia madre"

  • Alessandra Todde a RTL 102.5: “Sono favorevole al voto online così che tutti possono contribuire alla vita della propria regione anche se lontani”

    Alessandra Todde a RTL 102.5: “Sono favorevole al voto online così che tutti possono contribuire alla vita della propria regione anche se lontani”