Applausi a scena aperta per la nuova Traviata all’Arena di Verona. Tra belle époque e ritratti di signora

11 luglio 2021, ore 12:19

All’Arena di Verona, ieri sera è andata in scena la quarta nuova produzione del Festival 2021: La Traviata di Giuseppe Verdi, la storia d’amore e sacrificio più celebre dell’Opera. Le nuove scene architettoniche e digitali sono state arricchite dai ritratti femminili riprodotti sugli imponenti ledwall grazie alle Gallerie degli Uffizi, ambasciatrici di bellezza del 98° Arena di Verona Opera Festival 2021

Una standing ovation, lunga oltre 3 minuti e mezzo, dal pubblico dell’ Arena di Verona Opera Festival 2021 al cast de “La Traviata”. Dopo la prima con i verdiani Irina Lungu, Francesco Meli e Luca Salsi, si avvicenderanno, nelle prossime settimane, i cantanti più richiesti: Yoncheva, Garifullina, Grigolo, Pirgu, Piazzola, Petean, diretti da Francesco Ivan Ciampa. Emozione e scalpore per lo spettacolo dell’Opera di Giuseppe Verdi nell’incantevole scenario dell’Arena di Verona. Accanto al teatro più grande del mondo RTL102.5, la radiovisione più ascoltata d’Italia che regala i biglietti degli spettacoli agli ascoltatori.

IL NUOVO ALLESTIMENTO COLLOCA LA VICENDA DE LA TRAVIATA IN QUELLA CHE FU L’ETÀ DELL’ORO DI PARIGI

Ruota tutto intorno all’esposizione universale del 1889, che Verdi stesso visse e conobbe: una Belle Époque raffinata e floreale, in cui la metropoli è rappresentata dal prodigio tecnico della Torre Eiffel, criticatissima al tempo ma oggi simbolo immortale della capitale francese. Sul palcoscenico areniano l’integrazione quindi di scenografie digitali di impianto tradizionale con sorprese ed immagini ispirate al tardo Ottocento parigino e costruzioni create appositamente nei laboratori areniani, con costumi d’epoca e nuove coreografie.

VIAGGIO NELLA BELLEZZA DELL’OPERA DI VERDI IN COLLABORAZIONE CON LE GALLERIE DEGLI UFFIZI E CON IL PATROCINIO DEL MINISTERO DELLA CULTURA

Per portare in scena questo titolo, l’opera più amata e rappresentata al mondo, Fondazione Arena di Verona ha individuato come partner ideale le Gallerie degli Uffizi, con il Patrocinio del Ministero della Cultura. Sul celeberrimo preludio, che in poche battute dipinge in suono la malattia e l’amore di Violetta, scorrono infatti le immagini selezionate con la prestigiosa istituzione fiorentina, creando un ideale viaggio nella bellezza femminile che culmina con l’entrata in scena della protagonista. “Per La Traviata – spiega il direttore delle Gallerie degli Uffizi Eike Schmidtle Gallerie offrono una scelta di immagini che racconta la figura femminile in tutte le sue declinazioni, spaziando dal Rinascimento al XIX Secolo. In questo ventaglio di meraviglie incontriamo la mitologica sensualità della Venere di Botticelli e della Flora di Tiziano, la perfezione della Velata di Raffaello, il vigore di sante ed eroine bibliche immortalato dai pittori Manieristi, fino ad arrivare all’intima grazia delle scene domestiche dei Macchiaioli e all’eleganza, quasi fotografica, dei ritratti di donne reali realizzati da Goya, Boldini e Corcos. Una concentrazione di bellezza e intensità emotiva che si sposa magnificamente con l’intensità emotiva dell’opera più conosciuta ed apprezzata in tutto il pianeta”. Cecilia Gasdia, Sovrintendente e Direttore artistico della Fondazione sottolinea Sempre nel segno della Bellezza, siamo onorati di aver creato un percorso artistico mirato con le Gallerie degli Uffizi, proseguendo il dialogo tra le diverse arti all’Arena di Verona”. Gasdia osserva “Anche questa scelta di immagini, fatta dai nostri creativi insieme alle Gallerie fiorentine, contribuisce a rendere il nostro spettacolare e decisamente ampio palcoscenico adatto ad una vicenda intima come La Traviata. Intima ma pur sempre universale, in grado di parlare a tutti anche oggi, come gli sguardi e i gesti dei ritratti che vedrete all’inizio. Mai come quest’anno Violetta è internazionale, con le migliori interpreti di oggi che da tutto il mondo debuttano in Arena, accanto ad altri amici del nostro Festival: bisognerà tornare più volte per vedere e sentire questi diversi artisti dialogare ogni recita in modo diverso e sempre nuovo”. Aggiunge il Vice Direttore Artistico Stefano TrespidiNella Traviata, la musica di Verdi, come la più moderna macchina di presa, inquadra il totale delle feste con Coro e Ballo e poi fa un rapido zoom sui protagonisti mettendo le loro emozioni in primo piano. In Arena i personaggi si muovono in un contesto visivo elegante, ispirato alla Belle Époque, una Parigi come la sogniamo noi grazie alle scenografie digitali ma seguendo una tradizione interpretativa precisa che ha inaugurato Luchino Visconti e proseguito Franco Zeffirelli, che ha dedicato all’Arena la sua ultima regia, proprio La Traviata”.


Applausi a scena aperta per la nuova Traviata all’Arena di Verona. Tra belle époque e ritratti di signora

RTL 102.5 PARTNER DEL 98° ARENA DI VERONA OPERA FESTIVAL 2021

Anche quest’anno RTL 102.5, la radiovisione più ascoltata d’Italia, è presente al 98° Arena di Verona Opera Festival: dal 19 giugno al 4 settembre RTL 102.5 accompagna gli ascoltatori attraverso una stagione ricca di spettacoli, di titoli e di cast stellari e regala i biglietti. Sono numerosissimi gli appuntamenti che erano già in cartellone nel 2020 e riprogrammati poi nel 2021, che RTL 102.5 sta seguendo con collegamenti in diretta e copertura redazionale per raccontare la magia dell’Opera nel teatro all’aperto più grande del mondo.






BRINDISI
Tags: 98°Arena di Verona Opera Festival 2021, Arena di Verona, La Traviata, RTL1025

Share this story: