Cestista di Milano placca il ladro che ha rubato la borsetta alla mamma

Cestista di Milano placca il ladro che ha rubato la borsetta alla mamma

Cestista di Milano placca il ladro che ha rubato la borsetta alla mamma Photo Credit: agenziafotogramma.it


Giovanni Tam, 21 anni, alto 208 centimetri, acchiappa il ladro tra gli applausi dei presenti

Performance da applausi in Corso Genova a Milano.


IL FURTO

Una signora accosta la sua auto vicino al portone di casa, dove scarica la spesa. Il tempo di portarla vicino all’ascensore, tornare alla vettura e scoprire che la borsa lasciata sul sedile per pochi istanti non c’è più. Rassegnata, sale in macchina e va a parcheggiare. Tornando verso casa a piedi, in una via laterale, vede due persone su una panchina con la sua borsa, intenti a spartirsi il bottino. La signora resta lucida, si apparta e chiama il marito e il figlio in soccorso.


I GIGANTI

La famiglia Tam, ha una particolarità che la contraddistingue: in tutto, sommate le loro altezze, misurano oltre 6 metri. Il figlio, Giovanni, fisico da atleta, distribuito su un’altezza non comune, giocatore di basket all’Amherst College negli USA, raggiunge la madre, che nel frattempo, aveva affrontato i malviventi ed era riuscita a farsi restituire i documenti, ma non il resto. Con l’avvicinarsi del gigante, i due iniziano a correre in direzioni opposte. Giovanni, sceso a torso nudo e in ciabatte, insegue quello con la refurtiva. Come in una scena di un film, il ragazzo sfila le pantofole e, a piedi nudi, mette il turbo, sotto lo sguardo attonito dei presenti. Raggiunge il ladro e lo atterra, prende un pugno, ma non molla. Recupera la refurtiva tra gli applausi della gente, mentre arrivano, trafelati i genitori increduli.


LA SCELTA DI NON DENUNCIARE

Il ladro, malcapitato -vista la scelta della vittima-, prega di non denunciarlo: è appena uscito dal carcere e sta per iniziare una messa alla prova importante per la sua vita. I tre giganti si consultano e decidono di dargli fiducia, confidando che l’esperienza a lieto fine possa servire da monito ed incoraggiamento per il futuro all’uomo pentito.

Giovanni è scosso, ma lucido abbastanza per raccontare che il senso di ingiustizia e la rabbia lo hanno spinto a correre più forte che poteva, quando lo ha preso, però, si è limitato ad immobilizzarlo.

In fin dei conti per il mariuolo una giornata nemmeno troppo sfortunata: ha incontrato un gigante buono.



Argomenti

FURTO
GIGANTI
MILANO

Gli ultimi articoli di Valentina Iannicelli

  • Trentaduesimo anniversario della strage di via D'Amelio: morirono Paolo Borsellino e cinque uomini della scorta

    Trentaduesimo anniversario della strage di via D'Amelio: morirono Paolo Borsellino e cinque uomini della scorta

  • Convention repubblicana: Donald Trump accetta la candidatura del partito. Il discorso

    Convention repubblicana: Donald Trump accetta la candidatura del partito. Il discorso

  • Incendio doloso a Nizza: sette vittime di cui tre bambini e un adolescente

    Incendio doloso a Nizza: sette vittime di cui tre bambini e un adolescente

  • Joe Biden ha il Covid: la nuova tegola per il presidente degli Stati Uniti

    Joe Biden ha il Covid: la nuova tegola per il presidente degli Stati Uniti

  • Aurora Ramazzotti ancora nel mirino di un hater, difeso anche da Fabrizio Corona

    Aurora Ramazzotti ancora nel mirino di un hater, difeso anche da Fabrizio Corona

  • Caccia al covo di Matteo Messina Denaro: la Dda di Palermo segue gli spostamenti del capomafia

    Caccia al covo di Matteo Messina Denaro: la Dda di Palermo segue gli spostamenti del capomafia

  • Giro d’Italia Women, vittoria a Elisa Longo Borghini, successo italiano dopo 16 anni

    Giro d’Italia Women, vittoria a Elisa Longo Borghini, successo italiano dopo 16 anni

  • Giro d’Italia Women, la sesta tappa a Liane Lippert, Longo Borghini difende la maglia rosa

    Giro d’Italia Women, la sesta tappa a Liane Lippert, Longo Borghini difende la maglia rosa

  • Giro d’Italia Women, quarta tappa alla canadese Clara Emond, in rosa resiste Elisa Longo Borghini

    Giro d’Italia Women, quarta tappa alla canadese Clara Emond, in rosa resiste Elisa Longo Borghini

  • Giro d'Italia Women, la terza tappa alla neozelandese Fisher Black, in rosa sempre Elisa Longo Borghini

    Giro d'Italia Women, la terza tappa alla neozelandese Fisher Black, in rosa sempre Elisa Longo Borghini