Cosa resterà del 2023? Ecco i film più rappresentativi dell’anno

Cosa resterà del 2023? Ecco i film più rappresentativi dell’anno

Cosa resterà del 2023? Ecco i film più rappresentativi dell’anno Photo Credit: Agenzia Fotogramma.it


Da Barbenheimer a C’è ancora domani, passando per la debacle Marvel. 365 giorni di cinema da rivivere e ricordare

Mentre il 2023 lentamente volge al termine, è tempo di bilanci. Il cinema è tornato a ruggire, soprattutto dopo due anni in cui ha faticato non poco a causa della pandemia. Sono tanti i titoli che sono riusciti a lasciare il segno e soprattutto hanno contribuito a riportare nelle sale tanti spettatori. Ecco una rapida carrellata di ciò che ricorderemo dal punto di vista audiovisivo e cinematografico dell’anno che sta per chiudersi. Parafrasando la celebre canzone di Raf, “cosa resterà del 2023”?


GLI SCIOPERI FERMANO HOLLYWOOD

Sicuramente il 2023 passerà alla storia come un anno complesso per l’industria americana. Oltreoceano, infatti, abbiamo assistito a ben due scioperi che hanno letteralmente paralizzato Hollywood ma che allo stesso tempo sono riusciti a portare nuovi contratti a tutela di alcuni lavoratori dello spettacolo. La prima agitazione scoppia a maggio e riguarda il sindacato degli sceneggiatori che incrociano le braccia per ben 148 giorni, superando anche i 100 giorni dello sciopero che colpì il cinema americano nel 2007/2008. Pochi mesi dopo, anche gli attori seguono la linea degli scrittori, iniziando una protesta contro gli studios. Per trovare un accordo occorrerà aspettare 118 giorni.


ESPLODE IL BARBENHEIMER

L’estate del 2023 è stata ricca di tante uscite ma sicuramente la ricorderemo soltanto per due film in particolare che sono riusciti a battere numerosi record e soprattutto sono stati in grado di affollare le sale di tutto il mondo. È il fenomeno ribattezzato Barbenheimer, composto sta Barbie di Greta Gerwig e Oppenheimer di Christopher Nolan. Il primo sarà campione d’incassi assoluto andando a conquistare in tutto il mondo 1,44 miliardi di dollari, mentre il secondo è risultato il biopic più visto della storia con quasi 1 miliardo di incassi complessivi. Nel weekend di apertura in Nordamerica i due film hanno fatto registrare numeri da record che raramente si erano visti negli ultimi tempi. Insomma un fenomeno cinematografico senza precedenti che ricorderemo per molto tempo. 


C’E ANCORA DOMANI PER IL CINEMA ITALIANO

Nessuno l’avrebbe potuto prevedere. E invece a dare una bella spinta al botteghino italiano ci ha pensato Paola Cortellesi che con con il suo film d’esordio da regista “C’è ancora domani” è riuscita a conquistarsi oltre 32 milioni di euro, superando tutti gli altri film, compresi i grandi titoli americani, diventando il film più visto in Italia nel 2023. Ma non solo. La pellicola è il quinto incasso italiano più alto di tutti i tempi e il secondo dallo scoppio della pandemia.


SUPER MARIO, DI NOME E DI FATTO

Sul versante dell’animazione il protagonista assoluto del 2023 è senza ombra di dubbio il simpatico Super Mario Bros che è riuscito a battere anche i titoli Disney, portandosi a casa la bellezza di 1,36 miliardi di dollari. Usato sicuro ma in un cartoon originale, sembra essere questa la ricetta per non sbagliare, soprattutto in un’annata in cui i titoli animati originali hanno faticato non poco al botteghino.


LA MARVEL NON SI SENTE MOLTO BENE

Tra i flop del 2023 sicuramente bisogna iscrivere la Marvel. Fino a qualche anno fa, la casa delle idee diretta da Kevin Feige, era insuperabile e guidava la macchina dell’audiovisivo in tutto il mondo. Oggi invece fatica molto sia negli incassi che nella qualità dei suoi prodotti, sempre più confusi e privi di una vera e propria linea editoriale forte e coesa.



Argomenti

Cinema
Film

Gli ultimi articoli di Mario Vai

  • Dune - Parte due, la fantascienza arthouse secondo Denis Villeneuve

    Dune - Parte due, la fantascienza arthouse secondo Denis Villeneuve

  • Verso gli Oscar 2024, The Holdovers. Una favola antica ma senza tempo

    Verso gli Oscar 2024, The Holdovers. Una favola antica ma senza tempo

  • Verso gli Oscar 2024, Barbie: l’inno contro il patriarcato dipinto di rosa

    Verso gli Oscar 2024, Barbie: l’inno contro il patriarcato dipinto di rosa

  • Verso gli Oscar 2024, Killers of the Flower moon: il lato oscuro dell’America secondo Scorsese

    Verso gli Oscar 2024, Killers of the Flower moon: il lato oscuro dell’America secondo Scorsese

  • Bafta 2024, Oppenheimer conquista la scena strappando ben 7 premi. Lo segue Povere Creature a quota 5

    Bafta 2024, Oppenheimer conquista la scena strappando ben 7 premi. Lo segue Povere Creature a quota 5

  • Oscar 2024, Oppenheimer di Christopher Nolan candidato come miglior film

    Oscar 2024, Oppenheimer di Christopher Nolan candidato come miglior film

  • Oscar 2024, "Povere Creature!" di Yorgos Lanthimos candidato come miglior film

    Oscar 2024, "Povere Creature!" di Yorgos Lanthimos candidato come miglior film

  • Addio a Sandra Milo, la "Sandrocchia" di Fellini

    Addio a Sandra Milo, la "Sandrocchia" di Fellini

  • Oscar 2024: Anatomia di una caduta di Justine Triet candidato come miglior film

    Oscar 2024: Anatomia di una caduta di Justine Triet candidato come miglior film

  • Nomination Oscar 2024, l’Italia vola a Hollywood con Garrone. Oppenheimer fa incetta di candidature

    Nomination Oscar 2024, l’Italia vola a Hollywood con Garrone. Oppenheimer fa incetta di candidature