Donald Trump ha vinto contro tutti e tutto

Donald Trump ha vinto contro tutti e tutto

Donald Trump ha vinto contro tutti e tutto


Il direttore Luigi Tornari analizza le presidenziali americane

Donald Trump ha vinto contro tutti e tutto. Ha scalato dall’esterno il partito Repubblicano. Nessuno lo voleva e ha vinto le primarie. Da candidato ha battuto la favorita della vigilia. Ha vinto contro i media senza l’appoggio di nessun grande quotidiano americano e senza l’appoggio di alcuna rete televisiva. Nessun governo europeo lo voleva. Sicuramente ha parlato e convinto la maggioranza degli americani che lo ha portato alla Casa Bianca. Esce a pezzi Hillary Clinton. Perde senza appello. Una disfatta. Aveva ragione chi voleva l’ex hippies Sanders al posto di una donna che non è piaciuta, per esempio, alle donne americane. Donald Trump sarà il nuovo presidente degli Stati Uniti. E’ stato votato dalla maggioranza degli aventi diritto della più grande democrazia del mondo ed è stato votato sulla base di un programma di governo specularmente antitetico ai due mandati di Obama. 

Oggi è il 9 novembre non un giorno a caso. Nel 1989 cadeva il muro di Berlino. Oggi negli Stati Uniti un outsider, che da programma elettorale vuole costruire muri sia reali sia di protezionismo economico, diventa l’uomo più potente del mondo. Non è detto che applichi alla lettera quel programma. La retorica populista è stata perfetta per vincere le elezioni. La maggioranza dei cittadini statunitensi, risultati alla mano, voleva questo. Voleva sentirsi dire quelle parole. Governare il più grande e potente paese del mondo, però, sarà un’altra cosa. E già il suo primo discorso da Presidente in pectore è stato più rassicurante e riconciliante che non populista.

 



Gli ultimi articoli di Redazione Web

  • A Roma nell’aria ci sono tracce di cocaina, la centralina di Cinecittà ha rilevato concentrazioni elevate

    A Roma nell’aria ci sono tracce di cocaina, la centralina di Cinecittà ha rilevato concentrazioni elevate

  • Verso le elezioni americane, il 48% voterebbe per Trump, Biden in crisi

    Verso le elezioni americane, il 48% voterebbe per Trump, Biden in crisi

  • La due giorni della Premier in Nord America, Meloni, la sinistra usa Mattarella contro il premierato, ottimi rapporti con il  Colle

    La due giorni della Premier in Nord America, Meloni, la sinistra usa Mattarella contro il premierato, ottimi rapporti con il Colle

  • Formula 1. Gran premio del Bahrain: Verstappen già padrone, brilla Ferrari Sainz

    Formula 1. Gran premio del Bahrain: Verstappen già padrone, brilla Ferrari Sainz

  • Da Myazaki a Scorsese tanti vegliardi agli Oscar. Ottuagenari creativi non gettano la spugna

    Da Myazaki a Scorsese tanti vegliardi agli Oscar. Ottuagenari creativi non gettano la spugna

  • Maltempo in tutta Italia, al nord una delle nevicate più forti degli ultimi anni. Resta l'allerta in Emilia

    Maltempo in tutta Italia, al nord una delle nevicate più forti degli ultimi anni. Resta l'allerta in Emilia

  • New Hit di RTL 102.5: da questa settimana in onda “Ma che idea” dei BNKR44, “Stumblin' In" di Cyril, “100 messaggi” di Lazza e “Doctor (Work it out)” di Miley Cyrus e Pharrell

    New Hit di RTL 102.5: da questa settimana in onda “Ma che idea” dei BNKR44, “Stumblin' In" di Cyril, “100 messaggi” di Lazza e “Doctor (Work it out)” di Miley Cyrus e Pharrell

  • Addio a Paolo Taviani. Con il fratello con Vittorio hanno portato sul grande schermo rigore e impegno civile

    Addio a Paolo Taviani. Con il fratello con Vittorio hanno portato sul grande schermo rigore e impegno civile

  • RTL 102.5 presenta "‘70 ‘80 ‘90 all’ora”: i grandi successi della musica dance mixati dal dj Massimo Alberti

    RTL 102.5 presenta "‘70 ‘80 ‘90 all’ora”: i grandi successi della musica dance mixati dal dj Massimo Alberti

  • Harry privato della scorta personale: "Io a rischio come mia madre"

    Harry privato della scorta personale: "Io a rischio come mia madre"