Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Roma: convention M5S per presentare il reddito di cittadinanza, Di Maio, se ci sarà recessione mettiamo in sicurezza fasce più deboli
- Palermo: blitz anti-mafia all’alba, nuova Cupola di Cosa nostra, effettuati sette fermi grazie al racconto di due pentiti
- Roma: migranti, Salvini rilancia dopo attacco al presidente Macron di Di Maio, la Francia è fra i Paesi che impoveriscono l'Africa
- Usa: verrà chiesta al Canada l'estradizione di Wanzhou, il direttore finanziario di Huawei, arrestata in dicembre a Vancouver
- Indonesia: forte scossa di terremoto di magnitudo 6.6 a largo delle coste dell'isola di Sumba, nessuna allerta tsunami
- Roma: l'attore Lino Banfi sarà rappresentante per l'Italia nella commissione Unesco
- Francia: un aereo scompare dai radar, disperso nei cieli della Manica anche l'attaccante del Cardiff City, l'argentino Emiliano Sala
- Cremona: caporalato, migranti sfruttati e pagati tre euro l'ora per raccolta di abiti, eseguiti 4 arresti
- Calcio: Cristiano Ronaldo patteggia con il fisco spagnolo, verserà 18,8 milioni di euro e non sconterà 23 mesi di carcere perchè non ha precedenti penali
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
16 dicembre 2018

Falso sito sul reddito di cittadinanza, ci cascano in 500mila

Mezzo milione di persone ha consultato il sito "Imps", l'idea satirica di Ars Digitalia

Mentre continua la discussione su diversi punti della manovra del governo Lega-M5s, si continua a parlare del reddito di cittadinanza, ovvero dell’aiuto economico che il Movimento 5 Stelle intende destinare a 5,5 milioni di italiani senza reddito, o con redditi troppo bassi. In questi giorni, su un sito, uno dei punti cardine della manovra è diventato una “beffa”. La società di comunicazione Ars Digitalia ha creato un sito, sviluppandolo con una grafica molto simile a quella dell’Inps, ma dandogli un nome che trae in inganno: “Imps”. E’ nato così un portale che ironizza sul provvedimento, che ad oggi ha ancora tempi e modalità di erogazione incerti. Aprendo il sito, appare un form attraverso cui è possibile inserire i propri dati e inoltrare la richiesta del reddito di cittadinanza. Dopo aver completato tutti gli step, però, compare un errore. In fondo al sito satirico si legge: “La sicurezza, in questo caso, passa attraverso la corretta informazione”. Nel “tranello” del sito satirico sono già cascate 500mila persone.

Falso sito sul reddito di cittadinanza, ci cascano in 500mila