Il pareggio nel derby di Milano di Coppa Italia sta stretto al Milan

02 marzo 2022, ore 16:34 , agg. alle 16:51

Il risultato del derby di Milano di Coppa Italia sta stretto al Milan. Stasera si giocherà l'andata della semifinale tra Fiorentina e Juventus

La partita di ieri si è aperta con un messaggio apparso sugli schermi di San Siro che ha visto come protagonista l’ex attaccante rossonero ucraino Shevchenko, un momento toccante di richiamo alla pace e all’unione nel contesto di guerra che il mondo sta vivendo. Un messaggio molto importante, che ricalca i valori che lo sport vuole trasmettere. Visibile la commozione anche sui visi dei calciatori all’inizio del match. Tante le bandiere ucraine sventolate sugli spalti.

Sul piano della prestazione, è rimandata ad aprile la sorte delle milanesi in Coppa Italia. Solo allora scopriremo quale delle due squadre passerà il turno per giocarsi la finale del torneo all’Olimpico di Roma, il prossimo 11 maggio. Nella gara di ieri, terminata senza goal, nel complesso meglio il Milan, impreciso però nella fase di concretizzazione, mentre continua la crisi dell’Inter. L’attacco neroazzurro non segna infatti da 403 minuti. Dopo il ko con il Sassuolo e il pareggio con il Genoa, la squadra di Inzaghi era chiamata a una reazione che però non è arrivata, nonostante il rientro di Correa dopo dall’infortunio, subentrato a Dzeko all’ottantesimo. La squadra sembra aver perso l’anima e quella forza di gruppo che l’aveva portata al vertice della classifica in campionato. Una nota positiva però è il portiere Handanovic che, dopo qualche incertezza nelle ultime uscite, ha ricevuto il sostegno da parte della tifoseria interista e ieri sera, quando è stato chiamato in causa ha salvato l’Inter respingendo su Saelemaekers e su una conclusione dalla distanza ben indirizzata da Leao.

SEMIFINALE DI ANDATA FIORENTINA JUVENTUS

Stasera si giocherà l’andata dell’altra semifinale di Coppa Italia all’Artemio Franchi. Si affronteranno Fiorentina e Juventus, divise da una forte rivalità alimentata nell’ultimo periodo dall'acquisto nel mercato di gennaio di Dusan Vlahovic, l’attaccante che serviva alla squadra di Allegri per colmare l’assenza di goal che mancava alla vecchia signora dopo l’addio di Ronaldo. Vlahovic, passato a Torino per una cifra che si aggira intorno ai 70/80 milioni di euro, ha portato parecchio scompiglio a Firenze tanto da costringere la società viola a scrivere un comunicato sul proprio sito in cui invitava i propri tifosi a sostenere la squadra evitando cori razzisti e discriminazioni. Anche Allegri, durante la conferenza stampa precedente alla partita, ha sottolineato l’importanza di una rivalità che deve rimanere consona ai valori dello sport. Allegri non si è mostrato preoccupato per l’accoglienza che potrà ricevere Vlahovic e ha sottolineato che le cose preoccupanti sono altre come la guerra. Il tecnico bianconero inoltre non ha mancato di lodare il giovane allenatore della Fiorentina, Italiano, che ha portato alla sua squadra un gioco aggressivo, divertente, con dei buoni interpreti. La Juventus ha vinto la Coppa Italia lo scorso marzo battendo l’Atalanta al Mapei Stadium per 2-1 con un goal di Federico Chiesa, altro ex di questa partita che però non sarà a disposizione di Allegri a causa di un infortunio al crociato, rimediato nel match contro la Roma all’Olimpico lo scorso nove gennaio. Chiesa non è il solo infortunato in casa Juventus, infatti al momento la coperta è corta, la vecchia signora dovrà fare a meno di Dybala, Bernardeschi, Rugani, Alex Sandro, Zakaria, Mckennie e Kaio jorge. La Juventus si appoggerà a Morata, affiancato da Kean e da qualche aggregato dell’under 23 come Akè, Soulè e Miretti. Vincenzo Italiano si affida particolarmente al sostegno della tifoseria che sente in modo particolare l'atmosfera di questa sfida. Dopo il ko contro il Sassuolo, arrivato nei minuti finali del match con un colpo di testa di Defrel i viola cercano un rilancio contro i rivali di sempre.


Il pareggio nel derby di Milano di Coppa Italia sta stretto al Milan
Tags: Coppa Italia, Fiorentina, Inter, Juventus, Milan

Share this story: