L’Ema autorizza la pillola Pfizer, ma non in gravidanza. La Liguria, da lunedì, in giallo

16 dicembre 2021, ore 19:30

L’Agenzia europea del farmaco da il via libera anche ad altri due trattamenti anti Covid e all'aumento della capacità di produzione dei vaccini anti-Covid di Janssen (J&J), Moderna e Pfizer/BioNTech

La pillola antivirale di Pfizer contro Covid-19 dovrà essere somministrata il prima possibile dopo la diagnosi ed entro 5 giorni dall'inizio dei sintomi. La terapia dura 5 giorni e non è raccomandata in gravidanza. Sono le indicazioni arrivate dall’Ema, l’Agenzia europea del farmaco. Secondo il parere dell’autorità, gli stati che lo ritengono opportuno, possono decidere su un possibile uso precoce del medicinale prima dell'autorizzazione Ue. Sempre l’Ema ha autorizzato l’aumento della capacità di produzione dei vaccini anti-Covid di Janssen (J&J), Moderna e Pfizer/BioNTech, in tre siti produttivi che si trovano in Francia, Spagna e Stati Uniti. Intanto il presidente regionale e assessore alla Sanità Giovanni Toti ha fatto sapere "Da lunedì la Liguria sarà in zona gialla per le prossime due settimane”. Nel giorno in cui, in tutta Italia, sono partite le vaccinazioni nella fascia 5-11 anni, il ministro della Salute Roberto Speranza ha fatto il punto sulla campagnaOltre l’88% ha avuto una dose, l’85% ha completato il ciclo e sono oltre 13 milioni i richiami somministrati nel nostro Paese”.

EMA SU PILLOLA PFIZER, ENTRO 5 GIORNI E NO IN GRAVIDANZA

Il trattamento con il Paxlovid è riservato ad adulti con Covid-19 che non richiedono ossigeno supplementare e che sono a maggior rischio di progressione verso una malattia grave. Paxlovid deve essere somministrato il prima possibile dopo la diagnosi ed entro 5 giorni dall'inizio dei sintomi. la terapia dura 5 giorni e non è raccomandata in gravidanza. Mentre chi allatta dovrà interrompere le poppate al bebè durante il trattamento. Le indicazioni dell’Ema sul medicinale che non è stato ancora autorizzato nell'Unione, serviranno a quelle autorità nazionali che potrebbero decidere un uso precoce del medicinale ad esempio in contesti di emergenza, alla luce dell'aumento dei tassi d'infezione e dei morti dovuti al Covid in tutta l'Ue.

COVID: TOTI, LIGURIA IN ZONA GIALLA PER DUE SETTIMANE

"Da lunedì la Liguria sarà in zona gialla per le prossime due settimane. Secondo il report del 16 dicembre l'incidenza media settimanale ogni 100mila abitanti si attesta a 313 (314 Savona, 235 Spezia, 647 Imperia, 229 Genova) mentre i posti letto occupati in area medica sono al 17% e quelli in terapia intensiva sono al 12%" spiega il governatore ligure Giovanni Toti. Il presidente e assessore alla Sanità parla di dato atteso “Vista la circolazione del virus nei giorni scorsi e che conferma come ci troviamo nel picco della quarta ondata. Fortunatamente grazie ai vaccini, gli ospedali e le terapie intensive sono occupate di un terzo rispetto allo scorso anno e questo - ha concluso - ci permette di non avere situazioni di allarme negli nostri ospedali".

SPERANZA A G7 SALUTE, ESIGENZA RAFFORZARE VACCINI E CAUTELE

Il ministro Roberto Speranza ha partecipato, in videoconferenza, al G7 dei ministri della Salute. "Alla luce del quadro epidemiologico esposto dagli esperti inglesi sulla diffusione della variante Omicron, i ministri hanno condiviso l'esigenza di rafforzare le campagne vaccinali e insistere sulle cautele comportamentali", spiega una nota.

L’Ema autorizza la pillola Pfizer, ma non in gravidanza. La Liguria, da lunedì, in giallo

IL BOLLETTINO QUOTIDIANO

Sono 26.109 i positivi ai test Covid individuati nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 23.195. Sono invece 123 le vittime in un giorno, ieri erano state 129. Il tasso di positività è pari al 3,6%.

Tags: Bambini, Covid, Ema, Liguria, Ministero Salute, Pillola Pfizer, Roberto Speranza, Vaccini

Share this story: