La piaga dei femminicidi non si ferma. Ma dal Senato arriva il sì alla Commissione Parlamentare di Inchiesta

24 novembre 2022, ore 13:50

A Gabiano uccisa un'altra donna. Alla vigilia del 25 novembre, il Senato approva l'istituzione di una commissione bicamerale sul femminicidio, la Camera si illumina di arancione

Un altro femminicidio, questa volta per mano di un figlio. È accaduto ieri sera in provincia di Alessandria. Un caso di cui si ha notizia alla vigilia della Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne, e nel giorno in cui il Senato approva all’unanimità l’istituzione di una Commissione Parlamentare di Inchiesta sul femminicidio ed ogni forma di violenza di genere.

IL CASO DI GABIANO

Gabiano, un piccolo centro in provincia di Alessandria. È qui che una donna di 53 anni, ieri sera, è stata uccisa dal figlio venticinquenne. Secondo le prime ricostruzioni il giovane avrebbe accoltellato la madre nel corso di un litigio, poi avrebbe tentato di infilare il corpo in un sacco nero per i rifiuti, lasciandolo sul pavimento della cucina, prima di andare a costituirsi ai Carabinieri. Il ragazzo è stato arrestato per omicidio e portato nel carcere di Vercelli. Secondo i primi accertamenti soffrirebbe di crisi depressive.

VIMINALE, NELL'ULTIMA SETTIMANA UN FEMMINICIDIO AL GIORNO

L’ennesimo caso in cui la violenza si consuma tra le mura domestiche, per mano di un partner o di un familiare. Una tendenza che viene confermata da un report del Viminale. Nel complesso, dall'inizio del 2022 al 20 novembre, sono stati registrati 273 omicidi, con 104 vittime donne, di cui 88 uccise in ambito familiare e affettivo; di queste, 52 hanno trovato la morte per mano del partner o dell'ex. Nell'indagine si evidenzia anche una triste corsa nell'ultima settimana: nel periodo dal 14 al 20 novembre, sono state uccise 7 donne.

APPROVATA AL SENATO L'ISTITUZIONE DI UNA COMMISSIONE DI INCHIESTA

Ma le istituzioni si muovono. Il Senato ha approvato in mattinata, all'unanimità con 139 voti, l'istituzione di una Commissione parlamentare di inchiesta sul femminicidio, nonché su ogni forma di violenza di genere. All'approvazione è seguito un lunghissimo applauso dell'Assemblea. "Sbaglia chi pensa sia una questione di donne, è essenzialmente una questione di uomini" aveva detto nel corso dell'esame del ddl il Presidente del Senato Ignazio La Russa, annunciando che domani, in occasione del 25 novembre, sarà in visita a Fano, dove dieci giorni fa si è consumato un altro femminicidio. L'Aula del Senato ha osservato un minuto di silenzio "in ricordo di tutte le vittime". Ora si aspetta il via libera della Camera affinché la commissione inizi a lavorare. 


La piaga dei femminicidi non si ferma. Ma dal Senato arriva il sì alla Commissione Parlamentare di Inchiesta
PHOTO CREDIT: Foto: AgenziaFotogramma.it

UN DRAMMA MONDIALE

Un fenomeno che è una vera e propria piaga in tutto il mondo. Solo ieri sono stati diffusi nuovi dati delle Nazioni Unite sui femminicidi. Il rapporto, pubblicato dal Guardian, mostra come nel 2021 siano state uccise 45mila donne per mano di marito, partner o altro parente. Un dato che è più della metà delle vittime di omicidi in tutto il mondo nel 2021, che sono stati 81mila. Significa, si legge, che sono state uccise più di cinque donne ogni ora. Secondo UN Women e l'Ufficio ONU contro la droga e il crimine le cifre sono "allarmanti", anche se sottolineano come sia probabile che il numero reale di femminicidi sia molto più alto. E i dati ufficiali sono rimasti sostanzialmente invariati nell'ultimo decennio. 

MONTECITORIO SI ILLUMINA DI ARANCIONE

E proprio dall'ONU è stata promossa l'iniziativa Orange the World, a cui aderisce anche la Camera, in occasione della Giornata mondiale contro la violenza sulle donne. A partire da domani, 25 novembre, fino a sabato 10 dicembre, la facciata di Montecitorio sarà illuminata di arancione, colore simbolo dell'iniziativa, dalle ore 18 all'1 del giorno successivo. Lo annuncia un comunicato della Camera.

Tags: Commissione Parlamentare di inchiesta sul femminicidio, donne, Femminicidio, Gabiano, Giornata mondiale violenza donne, Senato, Viminale, violenza di genere

Share this story: