Matteo Messina Denaro, arrestata la sorella Rosalia. Avrebbe aiutato il boss durante la latitanza

Matteo Messina Denaro, arrestata la sorella Rosalia. Avrebbe aiutato il boss durante la latitanza

Matteo Messina Denaro, arrestata la sorella Rosalia. Avrebbe aiutato il boss durante la latitanza Photo Credit: AgenziaFotogramma.it


L'accusa è di associazione mafiosa. Avrebbe gestito il patrimonio e smistato pizzini. Grazie ad un appunto trovato in casa, gli investigatori sono risaliti alla clinica in cui è stato arrestato il boss

Avrebbe aiutato per anni il fratello a sottrarsi alla cattura, gestendo il patrimonio di famiglia e lo smistamento dei pizzini attraverso cui il boss restava in contatto con i suoi uomini. É di associazione mafiosa la pesante accusa per Rosalia Messina Denaro, arrestata questa mattina. Nell’ordinanza di custodia cautelare il Giudice sottolinea il ruolo non occasionale, ma strutturato della donna, che avrebbe scambiato con il boss anche periodici resoconti delle spese. Secondo gli inquirenti c'era il pericolo che, restando in libertà, Rosalia Messina Denaro potesse diventare "la nuova mente strategica dell'organizzazione mafiosa".

IL PIZZINO NELLA SEDIA

Tutto è iniziato il 6 dicembre scorso, quando nel piazzare delle microspie a casa della donna, un appartamento di Castelvetrano, i Carabinieri del Ros hanno trovato, nascosto nella gamba cava di una sedia, un pizzino in cui si descrivevano, dietro nomi in codice, le condizioni di salute del boss. Il promemoria è stato fotografato e rimesso al suo posto dagli inquirenti. Ma proprio da lì sono partiti gli incroci di dati che hanno poi portato all'arresto del capomafia, il 16 gennaio scorso, nella clinica di Palermo in cui si curava.

IL "MANIFESTO" DEL BOSS

Tra i tanti pizzini trovati, ce n'è uno in particolare che colpisce, datato 15 dicembre 2013 e indirizzato ad alcuni conoscenti dopo l'arresto di alcuni parenti del latitante. "Essere incriminati di mafiosità, arrivati a questo punto, lo ritengo un onore" scriveva il boss. "Siamo stati perseguitati come fossimo canaglie, trattati come se non fossimo della razza umana, siamo diventati un'etnia da cancellare. Eppure siamo figli di questa terra di Sicilia, stanchi di essere sopraffatti da uno Stato prima piemontese e poi romano, che non riconosciamo".  Secondo il Gip si tratta di espressioni "inquietanti e eversive".

ROSALIA MESSINA DENARO

Rosalia, detta Rosetta, è la maggiore delle 4 sorelle di Messina Denaro, ed è madre di Lorenza Guttadauro, avvocato che, dal giorno del suo arresto, assiste il capomafia, e moglie di Filippo Guttadauro che ha scontato 14 anni per associazione mafiosa ed è tuttora in carcere. Il secondo figlio della donna, Francesco, nipote prediletto del padrino trapanese, sta espiando una condanna a 16 anni sempre per associazione mafiosa.



Argomenti

boss
Mafia
Matteo Messina Denaro
Rosalia Messina Denaro

Gli ultimi articoli di Ludovica Marafini

  • Scuola, lotta del governo ai diplomifici. Per 47 istituti revoca dello status di "paritari"

    Scuola, lotta del governo ai diplomifici. Per 47 istituti revoca dello status di "paritari"

  • Milano, incidente sulla tangenziale nord tra un'auto e un camion. Due ragazzi sono morti

    Milano, incidente sulla tangenziale nord tra un'auto e un camion. Due ragazzi sono morti

  • Stupro a Roma, arrestato Simone Borgese, già condannato per altre violenze

    Stupro a Roma, arrestato Simone Borgese, già condannato per altre violenze

  • Amanda Knox, confermata la condanna per calunnia nei confronti di Patrick Lumumba

    Amanda Knox, confermata la condanna per calunnia nei confronti di Patrick Lumumba

  • Natisone, la Procura indaga per omicidio colposo. Proseguono le ricerche dell'ultimo disperso

    Natisone, la Procura indaga per omicidio colposo. Proseguono le ricerche dell'ultimo disperso

  • Gaza, Hamas potrebbe accettare il piano di Biden. Netanyahu, tregua momentanea per gli ostaggi

    Gaza, Hamas potrebbe accettare il piano di Biden. Netanyahu, tregua momentanea per gli ostaggi

  • Attesa per la sentenza nel processo a Donald Trump. "Da presidente avrei bombardato Russia e Cina"

    Attesa per la sentenza nel processo a Donald Trump. "Da presidente avrei bombardato Russia e Cina"

  • Giulia Tramontano, un anno dopo il delitto Impagnatiello racconta in aula la sua verità

    Giulia Tramontano, un anno dopo il delitto Impagnatiello racconta in aula la sua verità

  • Raid israeliano su un campo profughi a Rafah. Almeno quaranta i morti, centinaia i feriti

    Raid israeliano su un campo profughi a Rafah. Almeno quaranta i morti, centinaia i feriti

  • Maiorca, crolla la terrazza di un ristorante. Quattro i morti e numerosi i feriti

    Maiorca, crolla la terrazza di un ristorante. Quattro i morti e numerosi i feriti