Maxi operazione antidroga della Guardia di finanza di Trieste, sequestrate 4,3 tonnellate di cocaina

Maxi operazione antidroga della Guardia di finanza di Trieste, sequestrate 4,3 tonnellate di cocaina

Maxi operazione antidroga della Guardia di finanza di Trieste, sequestrate 4,3 tonnellate di cocaina


Si tratta di uno dei più imponenti sequestri di droga mai avvenuti in Europa. Se immessa sul mercato avrebbe fruttato ben 240 milioni di euro. Sono 38 le persone arrestate tra Italia. Slovenia, Croazia, Bulgaria, Olanda e Colombia. A svelare i segreti dell'organizzazione criminale il lavoro di alcuni agenti infiltrati


Uno dei più imponenti sequestri di droga mai avvenuti in Europa. I numeri dell’operazione di questa mattina della Guardia di Finanza, coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia, presso il tribunale di Trieste, sono impressionanti. Sono stati sequestrate ben 4,3 tonnellate di cocaina che se fossero state messe in commercio in Italia avrebbero fornito fino a 240 milioni di euro, più del doppio dei 96 milioni di euro che, si stima, l’organizzazione criminale abbia pagato per l’acquisto degli stupefacenti dai Narcos colombiani. Sono 38 le persone finite in manette tra Italia, Slovenia, Croazia, Bulgaria, Olanda e Colombia, tutte accusate di traffico internazionale di stupefacenti. Colpito in particolare il Clan del Golfo, il gruppo più importante tra i narcos colombiani che già circa un mese fa aveva visto l'estradizione negli Stati Uniti del suo capo, Otoniel, al secolo Dario Antonio Usuga David. Nel corso dell'operazione, oltre a diversi veicoli, tra cui un tir e un suv del valore di oltre 100mila euro, sono stati sottoposti a sequestro anche 1.850.000 euro in contanti.

I dettagli

Il blitz italiano ha coinvolto ben 60 finanzieri ed è il frutto della collaborazione della magistratura e della Polizia Colombiana, insieme all'Agenzia statunitense Homeland Security Investigations. Le indagini, durate oltre un anno e mezzo, hanno consentito di ricostruire la fitta rete di rapporti tra i produttori di cocaina sudamericani e gli acquirenti sul territorio nazionale ed europeo, facenti capo a gruppi della criminalità organizzata operanti in Veneto, Lombardia, Lazio e Calabria. Il lavoro degli investigatori ha permesso di individuare broker e grossisti e diverse persone incaricate del trasporto degli stupefacenti.

Gli agenti infiltrati


L’inchiesta ha visto la partecipazione di alcuni agenti che per mesi hanno lavorato sotto copertura e sono riusciti a infiltrarsi nel tessuto dell’organizzazione criminale. Nello specifico hanno simulato la gestione della parte logistica dei traffici. Così facendo, attraverso 19 consegne controllate consecutive, avvenute tra il maggio del 2021 e il maggio del 2022, hanno individuato i mediatori del narcotraffico mondiale e un cospicuo numero di vettori che operavano sia in territorio nazionale che estero.




Argomenti

cocaina
guardia di finanza
Narcos

Gli ultimi articoli di Giovanni Perria

  • Omicidio nell'Astigiano, uomo ucciso a coltellate in casa, fermata la figlia 19enne

    Omicidio nell'Astigiano, uomo ucciso a coltellate in casa, fermata la figlia 19enne

  • Ragazzo di 14 anni ucciso a colpi di pistola  in un parcheggio alle porte di Roma

    Ragazzo di 14 anni ucciso a colpi di pistola in un parcheggio alle porte di Roma

  • Capodanno, pesante il bilancio delle vittime dei festeggiamenti, due donne ferite da proiettili vaganti a Napoli

    Capodanno, pesante il bilancio delle vittime dei festeggiamenti, due donne ferite da proiettili vaganti a Napoli

  • Molta politica ma soprattutto tanto sport e intrattenimento sui social per gli italiani

    Molta politica ma soprattutto tanto sport e intrattenimento sui social per gli italiani

  • Dal 14 dicembre al via la 13esima edizione di Masterchef

    Dal 14 dicembre al via la 13esima edizione di Masterchef

  • Cop28, la presidente del Consiglio Meloni, "serve una svolta ecologica non ideologica"

    Cop28, la presidente del Consiglio Meloni, "serve una svolta ecologica non ideologica"

  • Viterbo, esplosione in un centro di accoglienza per migranti, 30 persone sono rimaste ferite

    Viterbo, esplosione in un centro di accoglienza per migranti, 30 persone sono rimaste ferite

  • Papa Francesco a Marsiglia, "Non c'è invasione di migranti, la soluzione non è respingere"

    Papa Francesco a Marsiglia, "Non c'è invasione di migranti, la soluzione non è respingere"

  • Cuneo, caccia al ragazzo di 21 anni che ha ucciso il padre e un amico di famiglia

    Cuneo, caccia al ragazzo di 21 anni che ha ucciso il padre e un amico di famiglia

  • Maltempo, Nord Italia alle prese con forti temporali, morta una ragazzina in un campo scout nel bresciano, nubifragio su Milano

    Maltempo, Nord Italia alle prese con forti temporali, morta una ragazzina in un campo scout nel bresciano, nubifragio su Milano