Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Lampedusa: caso Sea Watch, la nave ha forzato il blocco ed è ferma, da ore, davanti al porto dell'isola in attesa di far sbarcare i migranti, all'equipaggio non è stato ancora contestato nulla
- Roma: caso Sea Watch, ira di Salvini contro il comandante della nave, questo è un atto ostile, schierati i carabinieri in banchina, il sindaco di Lampedusa, Martello, nel frattempo continuano altri sbarchi e nessuno dice nulla
- Roma: governo, ministro Salvini, se il Movimento 5 Stelle continua con i no, trarrò le conseguenze, voci di un possibile accordo con la Commissione Europea, per evitare procedura infrazione
- Roma: afa e caldo africano, temperature in aumento, oggi bollino rosso in sei città, il ministro Salute Grillo, al pronto soccorso solo se necessario, evitare di esporre al sole anziani e bambini, nelle ore più calde
- Francia: Notre-Dame, l'incendio dello scorso aprile causato forse da una sigaretta spenta male oppure da un cortocircuito, definitivamente scartata l'ipotesi dolosa
- Roma: riapre dopo 246 giorni la fermata della metro A di Piazza della Repubblica, resta chiusa, invece, Barberini
- Calcio: Mondiali femminili in Francia, cresce l'attesa per Italia-Olanda, quarti di finale con radiocronaca integrale su Rtl 102.5, sabato dalle 15.00
- Calcio: quasi fatta per il ritorno di Gigi Buffon alla Juventus, che deve superare la concorrenza del Barcellona per De LIgt, Inter chiude per Lazaro, assalto a Lukaku
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
16 aprile 2019

Pantani, Rapetto, qualcuno era con lui quando morì

Marco Pantani è stato trovato privo di vita il 14 febbraio 2004

"Qualcuno era con lui quando la morte è arrivata". Lo ha sostenuto Umberto Rapetto, già generale di brigata della Guardia di Finanza, davanti alla Commissione parlamentare antimafia, che si sta occupando di Marco Pantani, trovato privo di vita il 14 febbraio 2004 in una camera del residence le Rose di Rimini. Rapetto ha fatto riferimento in particolare a «delle macchie di sangue» e a come, al momento del ritrovamento del cadavere, "era posto il braccio: non si può pensare che sia stato lo stesso ciclista a spostarlo". Il generale inoltre ha voluto porre l'attenzione sulla presenza di un "enorme grumo di sangue sul pavimento con al centro una pallina bianca, intonsa, perfettamente bianca. È uno dei grandi misteri: nonostante sia stata nel sangue, la pallina non ne era stata intaccata". La famiglia di Pantani in questi oltre 15 anni mai ha accettato l'esito delle inchieste, secondo le quali il campione di Cesenatico si è suicidato a causa di un'overdose di cocaina. Misteri che si intrecciano con i dubbi su quel che successe a Madonna di Campiglio il 5 giugno 1999, quando Pantani fu escluso da un Giro d'Italia che stava dominando per ematocrito alto.

Pantani, Rapetto, qualcuno era con lui quando morì