Premier Conte, il sottosegretario Siri si deve dimettere

 02 maggio 2019

Il premier ha comunicato la sua decisione in una conferenza stampa

Dopo giorni di riflessione, il premier Conte ha preso una decisione: Armando Siri - indagato per corruzione- si deve dimettere. Il sottosegretario ai Trasporti aveva dichiarato che avrebbe abbandonato il governo entro 15 giorni se non fosse arrivata la richiesta di archiviazione da parte dei magistrati dopo averlo sentito. Ma il premier Conte sostiene che è opportuno che si dimetta subito; il presidente del consiglio ha poi invitato Lega e 5s a non litigare, e ha annunciato nel prossimo consiglio dei ministri la revoca delle deleghe di Siri. Di Maio, che aveva invocato le dimissioni, ora dice che questa non è una vittoria del MoVimento 5 Stelle. Tutto quando c’è pure il nuovo scontro sugli enti locali. Sempre Di Maio che afferma che 'le Province sono uno spreco, chi le vuole si deve trovare un altro alleato'. Insomma, un nuovo attacco contro la Lega, a cui però Salvini replica con un no comment. In compenso il ministro degli interni ha punzecchiato l'alleato dicendo che il reddito di cittadinanza non fa ripartire l'Italia. Insomma, acque sempre più agitate nella maggioranza di governo. 
Premier Conte, il sottosegretario Siri si deve dimettere

Share this story: