Proteste in tutta la Russia dopo la mobilitazione militare parziale annunciata dal presidente Putin

22 settembre 2022, ore 07:37

Secondo una Ong sono oltre 1300 le persone fermate in 36 città russe nell'ambito delle manifestazioni organizzate per protestare contro la chiamata alle armi di 300.000 riservisti. Prezzi alle stelle dei biglietti aerei per lasciare la Russia e posti esauriti. Boom di ricerche su Google su come fuggire dal Paese

Le immagini che arrivano da molte città della Russia mostrano le vive proteste contro la nuova mossa del presidente Vladimir Putin che ieri, in un discorso alla nazione in tv, ha annunciato la mobilitazione militare parziale e il richiamo di 300.000 riservisti. Un nuovo passaggio per il capo del Cremlino che però ha riacceso il dissenso interno, nonostante la censura e la dura repressione di ogni forma di manifestazione pubblica contro il conflitto. Secondo L'ong Ovd-Info sarebbero oltre 1300 le persone fermate in 36 città del Paese, a meno di 10 ore dall’annunciato cambio di passo dell’operazione militare speciale in Ucraina. In meno di un giorno sarebbero state raccolte oltre 280.000 firme contro la chiamata alle armi che, almeno secondo quanto dichiarato dal ministro della Difesa russo Sergey Shoigu, non dovrebbe riguardare studenti e soldati di leva.


Fuga dalla Russia

Le rassicurazioni non sono state però sufficienti e sono migliaia le persone che stanno cercando di lasciare il Paese. I biglietti aerei per i voli in partenza dalla Russia al momento sono esauriti. Le mete scelte sono quelle in cui per i cittadini russi non sono richiesti visti d’ingresso , come Georgia, Turchia, Armenia o Serbia. Una scelta obbligata anche perché, con le sanzioni imposte contro Mosca, sono ormai poche le compagnie che hanno mantenuto i collegamenti con la Russia. Le Ferrovie russe e la compagnia di bandiera Aeroflot hanno fatto sapere di non aver ricevuto disposizioni per impedire agli uomini tra i 18 e i 65 anni di comprare i loro biglietti, ma dopo l'annuncio di ieri di Putin i prezzi dei voli per Yerevan, Istanbul, Belgrado o Tbilisi hanno registrato un'impennata, mentre stando all'Afp, i dati di Google mostrano che le ricerche su "aerei" e "biglietti" sono più che raddoppiate nelle ultime ore.

L'addestramento

Nel frattempo è il capo del comitato di difesa della Duma, Andrey Kartapolov, a chiarire come avverrà l’addestramento degli uomini coinvolti nella mobilitazione parziale annunciata da Vladimir Putin. “Si svolgerà sul territorio russo, sul terreno militare del Ministero della Difesa, sotto la guida di ufficiali esperti che hanno esperienza di combattimento e l'esperienza di operazioni militari speciali", ha affermato Kartapolov sul canale televisivo RBC. Ha anche osservato che la decisione del ministero della Difesa di mobilitare esattamente 300.000 riservisti è stata calcolata "per il periodo di completamento degli obiettivi che verranno fissati”. “Se il ministero della Difesa ha annunciato questa cifra – ha aggiunto - allora ritiene ragionevolmente che questo sia sufficiente".


Proteste in tutta la Russia dopo la mobilitazione militare parziale annunciata dal presidente Putin
Tags: Agenzia Fotogramma.it, Mobilitazione militare parziale, Putin, Russia

Share this story: