Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Sri Lanka: ancora paura a Colombo, esplode un'autobomba, durante operazioni disinnesco, il bilancio degli attentati arriva a 290 morti, oltre 500 feriti, nessun italiano
- Sri Lanka: le indagini hanno portato all'arresto di 24 persone, in azione 7 kamikaze di una rete jihadista locale, ma con appoggi internazionali
- Vaticano: Papa Francesco al Regina Coeli del Lunedì dell'Angelo ricorda lo Sri Lanka, tutti condannino gesti disumani, senza possibili giustificazioni
- Roma: una polemica sul nulla, il commento di Matteo Salvini cerca di spegnere la bufera per la foto, in cui impugna un mitra, postata ieri
- Roma: Pasquetta, italiani nel pieno delle tradizionali gite e grigliate, nonostante il tempo non buono al centro-sud, disagi per il vento in Sicilia
- Malta: catturato a Malta il latitante della 'ndrangheta Antonio Ricci, esulta il ministro Salvini, grazie a Malta e alle forze dell'ordine, nessuna tregua per latitanti
- Roma: oggi è la Giornata Mondiale della Terra, l'Earth Day, è stata istituita per richiamare l'attenzione sulla tutela del pianeta
- Calcio: alle 19.00, il posticipo della 33° giornata in Serie A Napoli-Atalanta, gli azzurri vogliono blindare il 2° posto, i bergamaschi sognano la zona-Champions League
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
15 aprile 2019

Ragazzo ucciso ad Alghero, i genitori chiedono verità

Alberto Melone, 18 anni, è stato ucciso la sera del 5 aprile da un colpo di pistola esploso da un coetaneo

Mariella Alivesi e Antonello Melone, genitori di Alberto Melone, il 18enne ucciso ad Alghero il 5 aprile, hanno scritto una lettera chiedendo verità. "Vogliamo sapere tutta la verità. I sogni di un diciottenne non possono spegnersi per un gioco sciagurato, ma mai in questi giorni abbiamo provato odio, rancore o desiderio di vendetta”. Il ragazzo è stato ucciso da un colpo di pistola esploso, pare per sbaglio, dal coetaneo Lukas Saba. Lui e il giovane che gli ha sparato si intrattenevano in chiacchiere, risate e qualche birra in un appartamento di piazza del Teatro, in compagnia di altri due loro amici che dopo lo sparo sono scappati, spaventati da un incidente che nessuno dei protagonisti sapeva come gestire. "Alberto era tutta la nostra vita”, prosegue la lettera dei genitori “era la fiducia che avevamo riposto nel futuro, dedicandoci al lavoro e a costruire qualcosa da poter condividere con lui e che un giorno potesse essere sua. Il rammarico di non averlo più tra noi, la tristezza per tutti quei sogni spezzati e il dolore per il modo in cui è stato ucciso sono ancora troppo forti e non ci lasciano un solo momento".​

Ragazzo ucciso ad Alghero, i genitori chiedono verità