Salvini, sì al taglio dei parlamentari, M5S, ritiri mozione sfiducia

 13 agosto 2019 | Conte, Di Maio, Governo, Lega, M5S, Parlamentari, Salvini, Senato

Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte parlerà in Senato il venti di agosto

Salvini dice sì al taglio dei parlamentari purché poi si vada subito al voto. Il Movimento Cinque Stelle risponde: "Allora ritiri la mozione di sfiducia a Conte" e, a margine di una delle sedute più infuocate nell'aula del Senato, Salvini controreplica: "Non siamo al mercato del pesce". Esulta Di Maio: "La Lega ha ceduto, noi siamo pronti al voto, ma il solo ad indicare la strada per le elezioni è il Presidente della Repubblica, cui si deve portar rispetto”, conclude il capo del Movimento. La proposta leghista di anticipare i tempi è stata bocciata, martedì prossimo il premier sarà a Palazzo Madama per fare le sue comunicazioni come chiesto da Cinque Stelle, PD e gruppo misto. A dire che il tabellone del Senato avrebbe svelato un'altra maggioranza è stato Matteo Renzi, che è tornato a lanciare un appello a tutte le forze politiche per formare un governo istituzionale. In serata si è appreso che il 22 agosto arriverà in aula alla Camera la riforma costituzionale per il taglio dei parlamentari. Il 20 e 21 agosto il premier Conte riferirà in Parlamento.
Salvini, sì al taglio dei parlamentari, M5S, ritiri mozione sfiducia

Share this story: