Se la partita del Cuore finisce in (quasi) rissa...

Se la partita del Cuore  finisce in (quasi) rissa...

Se la partita del Cuore finisce in (quasi) rissa...


Mai scherzare con Nedved, per lui una partita è una partita. Stop.

Spettatori increduli, ieri sera, allo Juventus Stadium. Intorno alla mezz'ora del primo tempo, la classica atmosfera da 'volemose bene' della Partita del Cuore va in frantumi: Pavel Nedved entra su Moreno, come neanche il mitico Pasquale Bruno...

Cosa era successo? Non fare mai un tunnel a un campione...

La Partita del Cuore è ormai un appuntamento fisso e irrinunciabile di giugno, in cui la solidarietà sposa il mondo del calcio. Il pallone è solo un pretesto, per raccogliere fondi, fare del bene, stare tutti insieme e divertirsi un po', con calciatori assai improvvisati.

Può capitare, però, che allo Juventus Stadium vadano in campo anche stelle assolute, come Del Piero e Nedved, vivendo la serata in modo molto diverso. Il mitico '10' gioca per divertirsi e per il pubblico, prova dribbling impossibili e sbaglia goal altrettanto impossibili. Il buon Pavel, invece, scende in campo, come fosse la finale di Champions League di Manchester, da lui persa per lo sciagurato 'giallo' in semifinale con il Real. La sua forza, del resto, è sempre stata quella: vivere ogni istante della carriera, come il momento supremo. Anche alla Partita del Cuore.

Capita, allora, che il buon Moreno, ottimo calciatore (al suo livello, non certo quello del calcio vero) e giovanotto dalla faccia tosta si faccia prendere la mano, provando e azzeccando un irriguardoso 'tunnel' a Pavel. Apriti cielo. I non avvezzi al calcio, scambiano un applauso di Nedved come un riconoscimento all'avversario. Il grande Bruno Pizzul, che di calcio sa come pochi, avverte: "Occhio, che gli stacca i talloni...". Detto, fatto.

Pochi minuti dopo, entrata 'folle' di Nedved sul povero Moreno, roba da 'arancione' in una finale di Champions. Il malcapitato rapper sopravvive e già questa è una notizia. Cerca di capire, evitando di arrabbiarsi, perché con Nedved finirebbe male. Molto male. Arriva il compagno Luca Barbarossa, che urla di tutto al dirigente juventino, appoggiato all'istante dal vecchio cuore bianconero, Eros Ramazzotti. Si sfiora la rissa e lo spirito della Partita del Cuore se ne va a far benedire...

Morale: Nedved ha sbagliato e molto. Non si entra in quel modo in Serie A, figurarsi allo Stadium, in una partita di beneficenza.

Però...c'è un però. Una delle regole non scritte del calcio recita: 'Mai umiliare un campione. Mai. Soprattutto se calcisticamente sei Nessuno'. Moreno non conosceva la regola e a momenti ci rimette una caviglia.

Per capirci, tanti anni fa, in una Napoli-Milan, un oscuro giocatore azzurro si permise di fare un 'tunnel' al leggendario Pepe Schiaffino. Uno dei compagni dell'irriverente giocatore azzurro era la bandiera Bruno Pesaola, scomparso pochi giorni fa. Lo inseguì e schiaffeggiò in campo. Non si fanno i 'tunnel' alle leggende.

Il Petisso conosceva la regola. Del cuore e del campo.


Argomenti

Barbarossa
Eros
Juventus Stadium
Moreno
Nedved
Partita del Cuore
Ramazzotti
Ricerca
Torino

Gli ultimi articoli di Redazione Web

  • A Roma nell’aria ci sono tracce di cocaina, la centralina di Cinecittà ha rilevato concentrazioni elevate

    A Roma nell’aria ci sono tracce di cocaina, la centralina di Cinecittà ha rilevato concentrazioni elevate

  • Verso le elezioni americane, il 48% voterebbe per Trump, Biden in crisi

    Verso le elezioni americane, il 48% voterebbe per Trump, Biden in crisi

  • La due giorni della Premier in Nord America, Meloni, la sinistra usa Mattarella contro il premierato, ottimi rapporti con il  Colle

    La due giorni della Premier in Nord America, Meloni, la sinistra usa Mattarella contro il premierato, ottimi rapporti con il Colle

  • Formula 1. Gran premio del Bahrain: Verstappen già padrone, brilla Ferrari Sainz

    Formula 1. Gran premio del Bahrain: Verstappen già padrone, brilla Ferrari Sainz

  • Da Myazaki a Scorsese tanti vegliardi agli Oscar. Ottuagenari creativi non gettano la spugna

    Da Myazaki a Scorsese tanti vegliardi agli Oscar. Ottuagenari creativi non gettano la spugna

  • Maltempo in tutta Italia, al nord una delle nevicate più forti degli ultimi anni. Resta l'allerta in Emilia

    Maltempo in tutta Italia, al nord una delle nevicate più forti degli ultimi anni. Resta l'allerta in Emilia

  • New Hit di RTL 102.5: da questa settimana in onda “Ma che idea” dei BNKR44, “Stumblin' In" di Cyril, “100 messaggi” di Lazza e “Doctor (Work it out)” di Miley Cyrus e Pharrell

    New Hit di RTL 102.5: da questa settimana in onda “Ma che idea” dei BNKR44, “Stumblin' In" di Cyril, “100 messaggi” di Lazza e “Doctor (Work it out)” di Miley Cyrus e Pharrell

  • Addio a Paolo Taviani. Con il fratello con Vittorio hanno portato sul grande schermo rigore e impegno civile

    Addio a Paolo Taviani. Con il fratello con Vittorio hanno portato sul grande schermo rigore e impegno civile

  • RTL 102.5 presenta "‘70 ‘80 ‘90 all’ora”: i grandi successi della musica dance mixati dal dj Massimo Alberti

    RTL 102.5 presenta "‘70 ‘80 ‘90 all’ora”: i grandi successi della musica dance mixati dal dj Massimo Alberti

  • Harry privato della scorta personale: "Io a rischio come mia madre"

    Harry privato della scorta personale: "Io a rischio come mia madre"