Una colata di cemento per rendere più accessibile il Partenone divide la capitale greca Atene, feroci le critiche

11 giugno 2021, ore 20:00

Il nuovo sistema di sentieri asfaltati per accedere più facilmente all’Acropoli, uno dei simboli di Atene, divide i greci: per gli scettici scompare la magia del luogo

Un luogo leggendario, storico, che dall’alto domina la città di Atene, il Partenone, cambia volto per diventare più accessibile ai turisti. E’ stato realizzato un nuovo sistema di sentieri in cemento, destinati a rendere più accessibile ai turisti questo luogo, ma i lavori hanno sollevato polemiche in Grecia. C’è chi dice che il sistema deturpa il paesaggio, chi sospetta che con la cementificazione la roccia potrebbe impedire lo smaltimento dell’acqua piovana e rovinare così l’Acropoli. E al primo forte temporale l’area si è allagata. Non capitava da 2500 anni.

Arrivare in cima soprattutto d’estate, quando ad Atene le temperature sono roventi, è già una fatica, occorre infatti salire diversi scaloni, ma anche, sempre sotto il sole, aspettare che il gruppo vacanze davanti decida di procedere, poi si cammina su strade polverose fino raggiungere la porta monumentale, superata la quale ci si trova sulla spianata dove ha sede il più famoso reperto dell’antica Grecia. Ma questo luogo reso mitico dalla mitologia è anche un luogo di incidenti. Ogni anno sono almeno 150 le persone che inciampando e cadendo si rompono qualche arto. Per non parlare poi della frustrazione di chi è in sedia a rotelle, visto che per salire deve compiere un vero e proprio calvario. L’unico ascensore disponibile spesso è rotto.


La decisione di intervenire

Il Comitato di conservazione dell’Acropoli ha deciso di intervenire. Come?  Cementificando i viali d’accesso al sito archeologico. Così l’intervento deciso da Manolis Korres, il 73enne architetto a capo del comitato ha optato per la pavimentazione del percorso di visita con sentieri cementati. In questo modo il luogo diventa più sicuro per tutti. Ma non solo, è stato riparato l’ascensore che adesso è molto più ampio e permette anche a chi ha problemi di poter accedere al luogo. Anche i gradoni, che tanto fanno sudare i turisti e gli studenti che ogni anno, sotto il sole salgono in cima alla collina, potrebbero essere sostituti. Ma questo è un intervento che al momento è solo nei pensieri dell’architetto. La nuova pavimentazione ha già avuto i suoi problemi. Al primo acquazzone e per la prima volta in 2500 anni, l’Acropoli si è allagata.


La pioggia di critiche

E non a caso, tra le critiche più feroci contro questa decisione è quella di chi aveva avuto il sentore che la nuova pavimentazione avrebbe creato dei problemi alla prima pioggia. Così è stato. Tra le feroci critiche ricevute anche quella del colore del cemento usato, che stona con il resto del marmo con cui è fatto il Partenone. Infine chi accusa il comitato di gestione e salvaguardia dell’Acropoli di aver ceduto al turismo di massa. Una resa incondizionata anche su pressioni dei tour operator, scrivono sul web i contrari a queste modifiche. Infine c’è anche chi si dice preoccupato perché cementificando i viali si è distrutta la magia di questo luogo.


Una colata di cemento per rendere più accessibile il Partenone divide la capitale greca Atene, feroci le critiche
Tags: Atene, cemento, Acropoli, Partenone

Share this story: