Al via "Giletti 102.5", Fedez ospite di Massimo Giletti per la prima puntata

25 settembre 2020, ore 15:43 , agg. alle 16:33

Partito il nuovo programma su RTL 102.5, appuntamento tutti i venerdì a partire dalle 08:00

Il palinsesto di RTL 102.5 guadagna un nuovo programma d'eccezione: è partito questa mattina "Giletti 102.5", l'appuntamento settimanale per commentare insieme a Massimo Giletti i principali fatti di cronaca e attualità. Al centro del dibattito, guidato dal conduttore e da Luigi Santarelli, le voci, le emozioni e le testimonianze degli ascoltatori di RTL 102.5, ancora una volta protagonisti in una trasmissione a telefoni aperti. L'appuntamento con "Giletti 102.5" è per ogni venerdì mattina, dalle 08:00 alle 09:00, come di consueto anche in radiovisione ai canali 36 del digitale terrestre e 736 di Sky, oltre che in streaming su rtl.it e sull'app gratuita di RTL 102.5.

La voce di Fedez per la prima puntata

Per il primo appuntamento di "Giletti 102.5" un ospite d'eccezione, uno sguardo prezioso sul mondo dello spettacolo italiano. In collegamento da Milano, Fedez ha preso parte alla trasmissione, pur dopo avendo subito un importante infortunio giocando a pallacanestro. Al cantante e agli ascoltatori è stata posta una domanda secca. L'Italia è un Paese meritocratico? “La meritocrazia in Italia c’è in alcuni settori e in altri meno" racconta Fedez. "I settori dove il merito viene attribuito da terzi è più probabile siano meno meritocratici”. Il rapper e conduttore racconta la sua visione di un Paese ancora radicato a convinzioni che troppo spesso etichettano chi ha un cognome altisonante come un raccomandato. “I figli di personaggi di questo tipo si portano questo peso: anche io sono cresciuto con il pregiudizio che i 'figli di'  fossero persone da cui stare lontani. Poi ho avuto un figlio anche io e ho analizzato un po' più in profondità la cosa e ho capito che è una fortuna, ma anche che a volte può essere un fardello". Queste le parole di Fedez, che poi confessa: "Spesso mi chiedo se nella società di oggi per mio figlio sarebbe un peso avere due genitori come me e Chiara”.

L'Italia è un Paese meritocratico?

Un tema più che mai attuale per il nostro Paese quello del merito. Sulle prime pagine dei principali quotidiani nazionali si continua a parlare del discusso esame di italiano sostenuto dal calciatore Luis Suárez. Secondo alcune intercettazioni della Guardia di Finanza, che gli ascoltatori di RTL 102.5 hanno potuto sentire in onda questa mattina, alcuni tra gli organizzatori dell'esame avrebbero concordato con il giocatore le domande che gli sarebbero state sottoposte. Tra le conversazioni intercettate dalle fiamme gialle anche uno scambio tra la responsabile dell'organizzazione dell'esame e un docente dell'Università per stranieri di Perugia, dove il fatto si è compiuto: "Ti pare che lo bocciamo? Questo guadagna dieci milioni a stagione". Parole su cui gli ascoltatori si sono confrontati in onda insieme a Massimo Giletti. L'opinione di molti è che il nostro Paese abbia un problema di meritocrazia che non riesce a risolvere. Un problema che affonda le sue radici nel divario che spesso esiste tra settore pubblico e settore privato e nella partecipazione femminile al lavoro, talvolta ostacolata da un potere ancora troppo maschile. "C'è bisogno di una rivoluzione culturale" commenta Giletti. "Si tratta di cambiare un Paese, non è semplice".

Al via "Giletti 102.5", Fedez ospite di Massimo Giletti per la prima puntata
Giletti 102.5: l’Italia è un paese meritocratico?

Parte il nuovo programma di RTL 120.5, “Giletti102.5” condotto da Massimo GIletti e Luigi Santarelli. Lo scopo è quello di dare voci agli ascoltatori sui temi di attualità. Nella puntata di oggi la domanda che Giletti pone agli ascoltatori è : l’Italia è un paese meritocratico? Giletti 102.5 del 25 settembre 2020, all’interno di Non Stop News, con Luigi Santarelli

Tags: Giletti 102.5, Massimo Giletti, RTL 102.5, Suárez

Share this story: