E’ Giandavide De Pau l’uomo sotto torchio per i delitti di Roma. Legato al clan camorristico dei Senese, incastrato da segnalazione della sorella

19 novembre 2022, ore 18:00 , agg. alle 18:31

Dopo meno di 48 ore, che hanno tenuto con il fiato sospeso i romani per l’efferatezza dell’omicidio di tre donne in Prati, gli inquirenti al nome di Giandavide De Pau, l'uomo fortemente sospettato di essere l'autore del triplice femminicidio, sono arrivati dopo una segnalazione giunta dalla sorella

Per ore è rimasto sotto interrogatorio alla Questura di Roma, Giandavide De Pau è l'uomo fortemente sospettato di essere l'autore del triplice femminicidio avvenuto giovedì scorso nel quartiere Prati, tra i più centrali della Capitale. Il 51enne ha precedenti penali, anche un’accusa di violenza sessuale, in passato era l'uomo fidato del boss Michele Senese per il quale svolgeva anche il ruolo di autista e factotum. Il suo nome compare negli atti di varie inchieste della Dda sul clan dei Senese ma anche al Mondo di Mezzo, il gruppo criminale guidato a Roma da Massimo Carminati e Salvatore Buzzi. E’ stata la sorella ad informare gli inquirenti.

INDISCREZIONI DELL’INTERROGATORIO

"Ricordo di essere stato in quella casa di via Riboty con delle ragazze cinesi e di avere tamponato la ferita alla gola di una di loro ma poi ho un black out e non ricordo più nulla. Non ricordo di essere stato in via Durazzo, ho solo vagato per due giorni senza mangiare ne' dormire". E' quanto avrebbe riferito Giandavide De Pau, l'uomo fortemente sospettato di essere l'autore del triplice femminicidio, nel corso dell'interrogatorio durato oltre sette ore in Questura.

SOSPETTATO PRESO ALL'ALBA IN CASA MADRE MENTRE DORMIVA

I poliziotti della Squadra Mobile avevano identificato Giandavide De Pau già dal primo pomeriggio di ieri. Questa mattina all'alba, senza alcun blitz ne’ irruzioni violente, si sono presentati nell'abitazione della madre in zona Ottavia e, con uno stratagemma, si sono fatti aprire la porta. Il 51enne romano, sospettato di essere l'assassino delle tre donne nel Rione Prati, dormiva e non ha opposto resistenza.

QUESTORE, POPOLAZIONE ORA PUO' STARE TRANQUILLA

La situazione è sotto stretto controllo e riteniamo di poter affermare che la collettività possa tornare ad essere più tranquilla perchè altri fatti collegati a questi tragici avvenuti non ci saranno. Lo afferma il questore di Roma, Mario Della Cioppa in una nota relativa agli omicidi di Roma.

E’ Giandavide De Pau l’uomo sotto torchio per i delitti di Roma. Legato al clan camorristico dei Senese, incastrato da segnalazione della sorella
PHOTO CREDIT: Fotogramma.it

IL PROFILO DI DE PAU

Una vita, la sua, che ha attraverso vicende giudiziarie di varia natura in un curriculum criminale di primo piano. Il suo "biglietto da visita" è legato al clan Senese, il gruppo criminale di stampo camorristico guidato da Michele "o' pazzo". Per lui De Pau era lo spiccia faccende, il factotum ma anche l'autista 'fidato' che lo accompagnava a summit con altre personalità della criminalità organizzata. C'era lui al volante dell'auto il 30 aprile del 2013 quando, a due passi da Corso Francia, a poca distanza da un bar, Senese incontra Massimo Carminati, l'ex Nar coinvolto nella maxindagine sul Mondo di Mezzo. Un incontro immortalato anche in un video girato dai carabinieri del Ros che è finito negli atti sulla maxindagine passata alla storia come Mafia Capitale.

Tags: Giandavide De Pau, Killer, Omicidi, Prati, Questura di Roma, Roma

Share this story: