Ema, nessuna restrizione per il vaccino AstraZeneca, rari casi di trombosi legati alla somministrazione

07 aprile 2021, ore 18:00 , agg. alle 11:58

Secondo l'Agenzia Europea del Farmaco, i benefici dati dal siero superano i rischi

Nessuna restrizione per AstraZeneca

L'Agenzia Europea del Farmaco non ha imposto alcuna restrizione sul vaccino AstraZeneca. Secondo l'Ema i benefici del siero superano i possibili rischi. Gli esperti ritengono che i rari casi di trombosi cerebrale siano effetti collaterali molto rari del vaccino. "L'Ema ricorda agli operatori sanitari e alle persone che ricevono il vaccino di rimanere consapevoli della possibilità che casi molto rari di coaguli di sangue combinati con bassi livelli di piastrine nel sangue si verifichino entro 2 settimane dalla vaccinazione", ha scritto l'Agenzia europea in una nota. Ora ogni Paese dovrà decidere come comportarsi. 


Le donne sarebbero più a rischio

Le donne potrebbero essere più a rischio di trombosi perché sono state finora le più colpite da questo tipo di effetti collaterali dopo la vaccinazione con AstraZeneca, ma non ci sono ancora dati ufficiali in questo senso. "Finora, la maggior parte dei casi segnalati si è verificata in donne di età inferiore a 60 anni entro 2 settimane dalla vaccinazione. Sulla base delle prove attualmente disponibili, i fattori di rischio specifici non sono stati confermati", ha fatto sapere l'Ema, che ha aggiunto che: "Le persone che hanno ricevuto il vaccino devono cercare immediatamente assistenza medica se sviluppano sintomi di combinazione di coaguli di sangue e piastrine basse". Le trombosi si sono verificate nelle vene del cervello e dell'addome.


I dati sugli effetti collaterali

L'Ema ha effettuato un'analisi approfondita di 62 casi di trombosi del seno venoso cerebrale e 24 casi di trombosi venosa dell'addome riportati nel database sulla sicurezza dei farmaci dell'Unione Europea al 22 marzo 2021, 18 dei quali fatali. I casi provenivano principalmente da sistemi di segnalazione spontanea. "Una spiegazione plausibile per i rari eventi collaterali" verificatisi dopo la somministrazione di AstraZeneca, ha affermato l'Ema, "è una risposta immunitaria al vaccino che porta a una condizione simile a quella osservata a volte nei pazienti trattati con eparina, definita trombocitopenia indotta dall'eparina". L'Agenzia Europea del Farmaco ha poi chiesto che siano aggiornati i bugiardini del farmaco, che dovranno riportare la possibilità di trombosi. Saranno diramati anche avvisi in altre forme.


I problemi per chi ha fatto la prima dose di AstraZeneca

In Italia centinaia di migliaia di persone sono in attesa di ricevere la seconda dose di AstraZeneca. "Sul mix di vaccini", ha affermato l'Ema, non ci sono "ancora dati disponibili ma aspettiamo di riceverli", l'uso di vaccini diversi quando è richiesta la doppia somministrazione "potrebbe essere efficace". 
Ema, nessuna restrizione per il vaccino AstraZeneca, rari casi di trombosi legati alla somministrazione
Tags: AstraZeneca, Ema, vaccino

Share this story: