Vi consiglio 50 km all'ora, un film che racconta l'importanza e la difficoltà dei legami familiari

Vi consiglio 50 km all'ora, un film che racconta l'importanza e la difficoltà dei legami familiari

Vi consiglio 50 km all'ora, un film che racconta l'importanza e la difficoltà dei legami familiari


Nella pellicola, diretta da Fabio De Luigi, i protagonisti sono lo stesso regista e il bravissimo Stefano Accorsi

'I compagni di viaggio si scelgono, i fratelli no'. Una verità non scontata, che è il fulcro del film 50 km all'ora con Fabio De Luigi, che ne è anche il regista, e Stefano Accorsi. I due interpretano due fratelli, appunto, che perdono il padre e iniziano una obbligata quanto necessaria frequentazione. 

La trama

Rocco (Fabio De Luigi) e Guido (Stefano Accorsi) sono due fratelli. Non si vedono e frequentano da diversi anni. La separazione dei genitori ha portato a una vera e propria disgregazione della famiglia. Il nucleo originario è stato preservato solo da Rocco e dal padre, uno splendido Alessandro Haber. Ormai cinquantenni, i due fratelli, conducono vite diversissime. Rocco vive isolato sull'Appenino tosco-emiliano, si occupa del padre malato e dell'azienda agricola di famiglia. Guido gestisce il personale artistico delle navi da crociera, gira il mondo, guadagna molto, frequenta molte donne. La morte del padre li costringe a rivedersi e a riunirsi per raggiungere il cimitero di Cervia, dove l'uomo vuole che siano disperse le sue ceneri. Rocco e Guido intraprendono così il loro viaggio comune a bordo di due motorini sgangherati. Un viaggio che riserverà molte sorprese, molte verità e un finale inaspettato. 

La recensione

50 km all'ora è un film che consiglio caldamente. Innanzitutto per la bravura dei due attori, due mattatori che, nel corso della pellicola, vivono con la massima naturalezza le situazioni più disparate. De Luigi e Accorsi riescono piacevolmente a sostenere sia il tono drammatico sia quello comico. Insomma si riflette sul loro rapporto familiare, che altro non è che lo specchio di quello di tutti noi, ma si sorride anche fino a ridere di gusto. Stefano Accorsi, il fratello guascone, a suo agio con l'accento emiliano, dà vita a un personaggio sfaccettato e ricco di espressività. Fabio De Luigi, dal canto suo, certo non sfigura, incarnando un 50enne insoddisfatto che si trova a compiere un viaggio fuori e dentro se stesso, riscoprendo l'amore per il fratello. Certo, ci sono alcune incongruenze. Una su tutte: quei due motorini di strada ne fanno davvero tanta dall'Appenino a Cervia, ma poi arrivano in una notte fino a Milano ed è francamente inverosimile pensare che sia possibile.  

I pregi del film

Quello che funziona maggiormente in 50 km all'ora è sicuramente l'alchimia tra i due protagonisti. E' difficile trovare coppie che siano veramente in sintonia nella recitazione e questo è uno di quei casi. Stefano Accorsi, in particolare, ha tempi comici perfetti. Un altro pregio del film è la colonna sonora, che fa da contraltare al viaggio in motorino dando alla pellicola lo status di film on the road a tutti gli effetti. Non tralasciamo infine alcune scene e perfomance attoriali perfettamente riuscite, dal balletto di Rocco e Guido in balera all'improbabile pranzo al sushi fino all'ingresso abusivo nel bungalow di un campeggio. 

Voto: un bel otto e mezzo


Argomenti

50 km all'ora
cinema
recensione
trama

Gli ultimi articoli di Ivana Faccioli

  • Sanremo, Amadeus, non devo scusarmi con Elena Cecchettin per l'intervento contro i femminicidi

    Sanremo, Amadeus, non devo scusarmi con Elena Cecchettin per l'intervento contro i femminicidi

  • Lo squallore del bodyshaming nei confronti di BigMama. Quando diventeremo un Paese civile su questo fronte?

    Lo squallore del bodyshaming nei confronti di BigMama. Quando diventeremo un Paese civile su questo fronte?

  • Sanremo, Amadeus e Mengoni cantano Bella ciao in sala stampa e si dicono antifascisti

    Sanremo, Amadeus e Mengoni cantano Bella ciao in sala stampa e si dicono antifascisti

  • The holdovers è una gioia per gli occhi, Paul Giamatti regala una prestazione da Oscar

    The holdovers è una gioia per gli occhi, Paul Giamatti regala una prestazione da Oscar

  • Un libro per l'estate: Come d'Aria di Ada D'Adamo, mai premio Strega fu più meritato

    Un libro per l'estate: Come d'Aria di Ada D'Adamo, mai premio Strega fu più meritato

  • Un libro per l'estate: Perfect day di Romy Hausmann. Conosciamo davvero chi ci sta vicino?

    Un libro per l'estate: Perfect day di Romy Hausmann. Conosciamo davvero chi ci sta vicino?

  • Un libro per l'estate: Un giorno questo dolore ti sarà utile, un romanzo di formazione di Peter Cameron

    Un libro per l'estate: Un giorno questo dolore ti sarà utile, un romanzo di formazione di Peter Cameron

  • GMG: un milione di giovani di tutto il mondo in arrivo a Lisbona. Domani in Portogallo atterrerà Papa Francesco

    GMG: un milione di giovani di tutto il mondo in arrivo a Lisbona. Domani in Portogallo atterrerà Papa Francesco

  • Un libro per l'estate: Il paziente di Juan Gomez-Jurado, un thriller che cattura

    Un libro per l'estate: Il paziente di Juan Gomez-Jurado, un thriller che cattura

  • Golpe in Niger, il presidente Bazoum ricompare in fotografia. Von der Leyen: a rischio i legami con l'Ue

    Golpe in Niger, il presidente Bazoum ricompare in fotografia. Von der Leyen: a rischio i legami con l'Ue